https://www.traditionrolex.com/30 LA "PEGGIO" GIOVENTU'-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7704
Articoli visitati
5271452
Connessi 18

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 aprile 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA "PEGGIO" GIOVENTU’


domenica 16 luglio 2023 di Alessandro Canzoni

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

C’è ancora chi si domanda come mai i giovani d’oggi siano completamente cambiati rispetto ad un passato anche recente e perché la situazione vada peggiorando di giorno in giorno…

La mancanza di lavoro e il crollo delle speranze hanno provocato un vuoto esistenziale nelle nuove generazioni causando un impoverimento dei valori e, molto spesso, la rinuncia a reagire per chiudersi in uno stato di apatia ed indifferenza che si cerca di colmare con alcol o droga.

Aumentano anche episodi di violenza da parte di minorenni spesso riuniti in gang, emuli di social che rappresentano, attualmente, una specie di manuale da seguire per mettersi in mostra nel web.

Non tutti i ragazzi, però, si comportano alla stessa maniera: c’è chi si rimbocca le maniche e cerca in tutti i modi di inventarsi un lavoro, un interesse qualsiasi, magari rispolverando vecchie tradizioni quali l’agricoltura, l’artigianato, il fai da te e così via.

La maggior parte dei giovani delusi da una società corrotta e da una crisi che non trova ancora uno sbocco plausibile, si abbandona sfortunatamente all’inattività, se non alla violenza, come ci insegnano (purtroppo) i recenti episodi di bullismo, di stupro e di pericolose sfide.

A questo punto, ci si chiede come si possa essere arrivati a questo stato di degrado e di chi sia la responsabilità.

Innanzi tutto la crisi della famiglia, della religione, della politica e dei valori morali alimentati, questi ultimi, negli anni, da media senza scrupoli, una TV e un web spazzatura che, attirano, subdolamente, l’attenzione e l’ammirazione dei più fragili, distruggendo la società presente e futura.

Inoltre, la massima aspirazione dei ragazzi è concentrata sull’apparire in tv o sul web, in nome di una fama illusoria e di acquisizione di followers.

Tutto il resto, ahimè, viene dopo, persino la scuola e la cultura, con gravissimo danno per la loro formazione morale ed intellettuale.

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30