INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6702
Articoli visitati
4767644
Connessi 6

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
6 febbraio 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


ANTICA SAGGEZZA SEMPRE ATTUALE

Sempre attuale
martedì 10 gennaio 2023 di Silvana Carletti

Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Chissà perché, certe espressioni, certi proverbi, certe massime risultano valide, da secoli, in ogni momento della vita....

Un esempio?

La Favola delle 2 bisacce di Fedro che ci insegna che ognuno di noi vede e critica i difetti degli altri, ignorando i propri che tiene racchiusi in una bisaccia alle spalle e che, quindi, non può vedere..

Nella politica di ogni tempo, accade questo e si ripete negli anni.

Chiunque arriva al potere non perde tempo a criticare, se non a deridere, gli avversari; per poi ricadere, immediatamente, negli stessi identici comportamenti. Per non parlare delle promesse, mai mantenute e comuni a tutti i politici pur di ottenere voti e successi.

Ogni esponente di partito afferma nei comizi che tutto cambierà, che il popolo avrà enormi benefici e che, finalmente, ci sarà giustizia e un miglioramento di vita per tutti e così via.

All’atto pratico, dopo le elezioni, si seguono, più o meno, gli stessi schemi e abitudini: aumenti incondizionati; continuo sbarco di emigranti non regolato e ben distribuito, attacchi e critiche (spesso velenose) agli avversari, impossibilità (come prevista ante elezioni dai benpensanti) di mantenere progetti e provvedimenti fantasmagorici, nessuna rinuncia a benefici, aumenti e vantaggi di chi detiene incarichi importanti.

Evidentemente, il potere “logora chi non ce l’ha” e favorisce chi lo possiede e che, molto spesso, dimentica promesse e sogni impossibili da realizzare, ma che danneggiano la vita quotidiana di un popolo in continua sofferenza e difficoltà.