INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6573
Articoli visitati
4733297
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 novembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


IMMIGRAZIONE

DIFFICILE MANTENERE LE PROMESSE ELETTORALI
mercoledì 2 novembre 2022 di Silvana Carletti



Segnala l'articolo ad un amico

In campagna elettorale, ogni partito propone e promette grandi cambiamenti che, poi, può essere difficile mantenere, non solo in base alle risorse economiche in grande crisi nel nostro Paese, ma, soprattutto, perché facendo parte della Comunità Europea, ogni decisione dipende anche dalle altre Nazioni dell’Unione.

Così, di fronte al prossimo arrivo di più navi con circa 1000 immigranti a bordo, si rinnovano i problemi e le difficoltà di ogni periodo trascorso.
Tutte le promesse di blocco navale, accordi tra gli stati membri dell’Europa, sono dimenticati o, probabilmente, rimandati a data da stabilire.

Nel frattempo, c’è gente che muore o soffre pene continue in alto mare, in attesa di decisioni che tardano ad arrivare…

Sarebbe preferibile attenersi alla realtà politica ed economica, prima di lanciare ai quattro venti, soluzioni per ora illusorie.

Come sempre, sarà compito obbligato del nostro Paese salvare, giustamente, vite in mare per poi ammucchiare in disastrosi accampamenti provvisori , persone che fuggono dalla fame, dalle torture e dalla morte.

Ma, fino a quando?

L’Italia, da sola, non può risolvere questo problema umanitario. Dovremmo tutti saperlo.