INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6573
Articoli visitati
4733292
Connessi 5

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 novembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


RIBELLIONE O DIFESA DELLA NATURA ?

Editoriali
mercoledì 9 novembre 2022 di Silvana Carletti

Argomenti: Natura


Segnala l'articolo ad un amico

Non solo un continuo inquinamento dell’aria danneggia inesorabilmente la nostra vita, il territorio è devastato da incendi di intere foreste, dal susseguirsi di inondazioni o, al contrario, da periodi di grave siccità che distruggono interi raccolti…

E vogliamo parlare del mare?

Da sempre, è infestato da plastica e rifiuti ed ora, arrivano anche i ponti sottomarini e le trivelle che potrebbero contribuire allo sviluppo di maremoti e terremoti.

Mentre i movimenti per l’ecologia non vengono considerati, ma spesso derisi, che cosa sta succedendo nel nostro pianeta?

E come mai le epidemie hanno iniziato a diffondersi nel mondo intero?
Questa non è fantascienza, ma pura verità.

Anche se non è facile prevenire i fenomeni naturali, sarebbe prudente, prima di agire, cercare di controllare tutto ciò che può provocare danni irreparabili a cose e persone, onde evitare di contagiare la natura e la sua bellezza.

Servirebbe più rigore nel controllo di chi danneggia con rifiuti la terra e il mare e, prima di intervenire sul paesaggio marino con strutture che, comunque, agiscono, sui primi strati dei fondali, accertarsi che ciò non possa causare gravi movimenti di assestamento in profondità.

Purtroppo, il crescente consumismo e, soprattutto, l’aumento della popolazione in alcuni Paesi, hanno portato ad un aumento di richiesta, non solo di acqua e prodotti alimentari, ma anche di energie che non possono essere esclusivamente ecologiche e che, quindi, contribuiscono a danneggiare l’ambiente naturale.

Dovrebbe essere dovere di ognuno di noi cercare di salvaguardare e controllare, anche nel proprio piccolo spazio, i consumi e conservare il rispetto di una natura che può rivelarsi, all’improvviso, apportatrice di morte e distruzione.