https://www.traditionrolex.com/30 COMICON UBER ALLES-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7874
Articoli visitati
5810595
Connessi 28

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
14 giugno 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

COMICON UBER ALLES

La Mostra a NAPOLI
giovedì 25 aprile 2024 di Achille della Ragione

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Stamattina ho pensato con entusiasmo di visitare la mostra Comicon, ma giunto in prossimità degli ingressi, a piazzale Tecchio e su viale Augusto, le file interminabili mi hanno indotto a più miti consigli, contento per il successo della manifestazione, un po’ meno per il dover rinunciare alla visita.

Mi sono però soffermato a lungo ad osservare le file di aspiranti visitatori, la quasi totalità giovani ed ho constatato che nella mia, ormai abbastanza lunga vita, una sola volta mi ero imbattuto in una fila più lunga(circa 3 chilometri), quando nel 1989, prima della caduta del muro di Berlino, a Leningrado, dovevo visitare con la mia famiglia il celebre museo dell’Ermitage e rimasi spaventato da una marea di persone pazientemente in attesa, avendoli scambiati per amanti dell’arte, mentre viceversa si trattava semplicemente di cittadini che ambivano di acquistare una bottiglia di Coca Cola, tra l’altro prodotta in loco.

Ma la seconda osservazione è quella che mi ha sorpreso maggiormente ed amareggiato oltre misura: non vi era un giovane che non indossasse vestiti stracciati e non ostentasse pettinature tra il barbaro ed il demenziale, mentre moltissime ragazze erano in maschera, da fata, da strega, da donna fatale, pur essendo lontano il Carnevale. Probabilmente volevano rendere omaggio al titolo della rassegna apparendo comiche e svampite.

Beate loro, povera umanità.

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30