INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7575
Articoli visitati
5054016
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
3 marzo 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

POESIA DEDICATA AD ACHILLE DELLA RAGIONE

Omaggio di un ammiratore: Gino La Marra (giovane poeta, solo 88 anni),
domenica 14 gennaio 2024 di Achille della Ragione

Argomenti: Società


Segnala l'articolo ad un amico

A Pusilleco c’è sta e casa nu dottore amico mio.

Nu certo don Achille o’ ginecologo

E nu dottore e natu poco a fore,

gli amici intimi o’ chiammen la parolaccia perché isso è schietto e parola nfaccia.

Manna a fanculo a principe e reali

e chi se mette ò fiore mpiette perché se vò attiggià.

O cognome ò tene bell: della Ragione Achille,

perché pe tutta a vita soja a tutte quante ha fatto arragiunà.

A giudici, a magistrati, a gente ro popolo e a gente e merd.

In vita soja a visitate centinaia e fesse.

Nere, scosse, bionde e senza pil.

Perché e visitava e po’ l’abburteva.

E sord n’ ha guaragnate in quantità

c’è vulessere e mise sane pe’ cuntà.

Nu problema ha avuto ca giustizia ma pur a loro ha fatto arragiunà.

Mo è anziano ma nu se ferma maje, organizza gite culturali e fa salotto ogni Venerdì.

A villa soja è bella e speciale, se vede Capri, Surriente e Marechiaro.

Io ca o’ cunnosco appena ra trenta anni me so permesso e fa sta poesia,

Cercann o permesso ammore mio (Annamaria Fontana).

Nun song acculturate, nu piccolo diploma ca quinta elementare.

Sperann ca te piace, ma si Nun te piace

già o sacce che me Rice

Giuà va fanculo, stracc sta poesia!

Giovanni La Marra ottico