INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6964
Articoli visitati
4834137
Connessi 3901

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
9 giugno 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

AMATRICE, PICCOLE STORIE PER RICOMINCIARE, di Isabella Di Chio

Il coraggio dei sopravvissuti
giovedì 23 marzo 2023 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri


Segnala l'articolo ad un amico

Sembra ormai che sia passato tanto tempo e purtroppo non se ne parla più, ma senz’altro i superstiti del violento terremoto del 24agosto del 2016 non potranno mai dimenticare la tragedia che li colpi nel sonno: alle ore 3,36 la terra iniziò a tremare violentemente ad Amatrice, Accumuli, Arquata del Tronto, Cittareale, Norcia, Acquasanta Terme, Montegallo, Cascia, Campotosto e Montereale. Si trattò di un sisma di magnitudo Richter 6.0 che causò un grande numero di vittime e ingenti danni.

Seguirono indagini per accertare le cause di tanti crolli per un’edilizia mai adeguata all’alta sismicità dei territori italiani, polemiche, processi e condanne, come in tanti eventi luttuosi che non mancano mai nel nostro Paese non solo per terremoti, ma anche per disastri climatici e quant’altro.

A questa immane tragedia la giornalista e scrittrice Isabella Di Chio ha dedicato il suo libro “Amatrice, Piccole storie per ricominciare” nel quale mette in particolare evidenza il coraggio dei sopravvissuti che continuano ad impegnarsi e a sperare in un futuro migliore, benché la ricostruzione proceda con lentezza.

Il libro viene così descritto dalla casa editrice Torri del Vento: ”Fiabe e non solo, piccole storie semplici, echi di vita tra macerie fisiche ed indistruttibili sentimenti. Storie vere e per questo anche senza finale, perché se le fiabe devono avere un happy end, le storie vere non finiscono, la vita scorre verso probabili nuovi finali. Isabella Di Chio racconta la gente di Amatrice, Accumoli, Cittareale e degli altri comuni feriti dal sisma, attraverso storie brevi ispirate alle tante persone conosciute in questi mesi di lavoro di inviata Rai. Restituisce la loro umanità coraggiosa attraverso un linguaggio semplice e dolcissimo”.

Per sostenere la ricostruzione di Amatrice e di altri paesi del reatino, l’autrice ha deciso di devolvere l’intero ricavato del suo testo a tale obiettivo. Grande rilievo è stato dato al libro in un incontro culturale tenutasi lo scorso 11 marzo a Sabaudia presso il Centro “A. Mazzoni” per iniziativa dell’Amministrazione comunale e dell’Associazione culturale no-profit ArteOltre presieduta da Francesca d’Oriano. Presenti l’autrice che ha dialogato con autorevoli personaggi, come i giornalisti Nicola Veschi e Marzio Mozzetti, Graziella Di Mambro, il prof. Massimo Ciccozzi e Fernanda Ciancaglioni, amatriciana doc che ha portato la sua testimonianza.

Ho avuto la fortuna di incontrare Isabella Di Chio a Sabaudia, come conduttrice e madrina di varie edizioni del prestigioso “Premio Pavoncella”, dedicato alla creatività femminile, premio ideato dalla dott. Francesca d’Oriano. In quelle occasioni ho potuto apprezzare la sua grande professionalità nel condurre un evento culturale di grande spessore al quale partecipano sempre tanti illustri personaggi che lo sostengono.

Isabella Di Chio, è nata a Roma il 20 febbraio del 1972. Giornalista professionista dal 7 febbraio del 2001, lavora in Rai, redattrice e conduttrice della Tgr Lazio. Ha conseguito la maturità classica e poi la laurea in Lettere all’Università “La Sapienza” di Roma con il massimo dei voti. Ha frequentato la Scuola di Giornalismo Radiotelevisivo di Perugia. Ha lavorato per Radio Capital e Tv2000, prima di arrivare in Rai nel 2001, a Rai International. Ha condotto per nove anni il tg e le trasmissioni di approfondimento. Dal marzo 2010 è redattrice e conduttrice della Tgr Lazio (edizione sera e notte). È giornalista accreditata presso la Sala Stampa della Santa Sede. È Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana ed a vinto nel 2002 il “Premio Giornalistico Val di Sole per un giornalismo trasparente, Multimedialità per l’altra Italia”. Scrive favole per bambini.

Giovanna D’Arbitrio

Ecco un significativo video sull’incontro avvenuto a Sabaudia in cui la stessa l’autrice parla del libro: