https://www.traditionrolex.com/30 LA QUESTIONE MERIDIONALE-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7958
Articoli visitati
6100911
Connessi 19

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
15 luglio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA QUESTIONE MERIDIONALE

Riflessioni sull’autonomia differenziata
giovedì 27 giugno 2024 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Eran trecento, eran giovani e forti,
e sono morti!
Me ne andavo al mattino a spigolare
quando ho visto una barca in mezzo al mare:
era una barca che andava a vapore,
e alzava una bandiera tricolore.

Sono i versi della “Spigolatrice di Sapri” di Luigi Mercantini, scritti nel 1858 e ispirati. alla spedizione di Sapri, repressa nel sangue, spedizione guidata da Carlo Pisacane (1857), patriota di idee socialiste che credeva nell’ Unità d’Italia, come tanti meridionali che morirono per tale ideale. Purtroppo, il “divide et Impera, trionfa ancor oggi su ’ “l’unione fa la forza”, come evidenzia Pino Aprile nei suoi libri Terroni, Il Sud Puzza, Carnefici, in cui evidenzia l’irrisolta Questione Meridionale.

I suddetti versi mi son venuti in mente mentre ascoltavo vari Tg che davano notizie sull’autonomia differenziata e tanti talk show con politici conservatori e progressisti, storici ed opinionisti che discutevano animatamente su vantaggi o svantaggi che avrebbero in qualche interessato il Sud. Oltre a tali versi mi son venute in mente le ben note parole di D’Azeglio “Fatta l’Italia, ora dobbiamo fare gli italiani!”. E i miei ricordi scolastici mi riportano ancora indietro nel tempo, alla mia passione per la storia, in particolare all’epoca romantica e risorgimentale, quando i popoli europei insorsero per ottenere il cosiddetto “Statuto”, ovvero una costituzione che limitasse il potere dei sovrani nelle monarchie assolute. In Italia a tali richieste si unirono lotte e sanguinose guerre per conquistare indipendenza e libertà contro le dominazioni straniere.

Quanti poeti dell’Ottocento, musicisti, artisti, condivisero e supportarono tali ideali! Scelsi la facoltà di lingue straniere, con specializzazione in inglese, poiché mi proponevo di viaggiare, conoscere altri popoli, poter comunicare con loro e l’inglese in particolare mi sembrava la lingua più adatta a farlo sia in Europa che in altri continenti. L’Europa! Un altro grande sogno del tempo che fu, il sogno di noi giovani che avevamo sperimentato le angosce della guerra fredda tra Usa e Urss, e volevamo un’Europa forte e unita che bilanciasse il potere dei suddetti paesi.

All’Università, oltre alle lingue, tra tante materie culturali che amavo, continuai ad appassionarmi a storia e filosofia. Fu allora che approfondii in particolare i problemi della cosiddetta Questione Meridionale, con vari testi universitari e ricerche di archivio che mi svelarono purtroppo i lati negativi della conquista del Sud da parte dei Savoia Apprendemmo così che dai censimenti disposti dai Savoia (1861 .1871) e dai dati delle anagrafi borboniche emergevano stragi di migliaia di meridionali, saccheggi, torture, fucilazioni. L’immagine di un Sud arretrato e povero alla luce di tali scritti ci apparve quindi del tutto falsata ad uso e consumo dei vincitori.

In effetti, il Regno delle due Sicilie possedeva la seconda flotta di Europa. Le navi degli armatori De Pace navi collegavano l’Europa con il Nuovo Mondo e quelle dei Florio avevano intrapreso positive iniziative industriali. Il 3 ottobre 1831 fu inaugurata la prima ferrovia in Italia, la Napoli-Portici, mentre nella colonia di San Leucio, (Caserta), gli operai, con pari diritti e doveri, autogestivano il proprio lavoro, producendo splendide sete con tecniche avanzate. Anche a Palermo e Catania l’industria della seta esportava i suoi prodotti nei mercati europei e mediterranei. Fiorenti le attività cantieristiche, navali, metalmeccaniche, chimiche, di estrazione e lavorazione dello zolfo, le aziende del cotone e del lino, l’industria conserviera, la produzione dei vini. Molti i primati di Napoli e Campania sui quali mi dilungherò alla fine. Dopo l’Unità d’Italia, mentre le risorse del Sud venivano nel tempo smantellate e trasferite al Nord e le banche depredate, pesanti tasse completavano l’opera distruttiva. E intanto cominciava a crescere un altro preoccupante fenomeno: la sfiducia nello Stato favorì infatti il diffondersi del brigantaggio, poiché i più pover videro i briganti come protettori contro i soprusi. E fu appunto allora che con l’Unità d’Italia sorse “La Questione Meridionale”. Ricordiamo quindi il libro di Edmondo Capocelatro e Antonio Carlo, “La questione meridionale – Studio sulle origini dello sviluppo capitalistico in Italia” edizioni la Nuova Sinistra del 1972, libro nel quale si legge quanto segue: “Le cause del sottosviluppo del Sud e della Sicilia che, al momento dell’Unità, non era inferiore al Nord sono da individuare nell’azione dello Stato unitario dominato dalla borghesia settentrionale, attraverso il soffocamento della nascente industria meridionale, la legge sul corso forzoso e il protezionismo che si concluse con la definitiva subordinazione e la integrazione dell’economia meridionale nello sviluppo capitalistico del triangolo industriale del nuovo stato unitario”. A quanto pare, il Regno delle Due Sicilie non era arretrato e povero. Ecco alcuni primati di Napoli e Campania tratti da “Le industrie del Regno di Napoli”, di Gennaro De Crescenzo: 1737. S. Carlo di Napoli, il più antico teatro d’Opera al mondo ancora operante;1807. Primo Orto Botanico in Italia a Napoli;1812. Prima Scuola di Ballo in Italia, gestita dal San Carlo;1813. Primo Ospedale Psichiatrico in Italia (Real Morotrofio di Aversa);1819. Primo Osservatorio Astronomico in Italia a Capodimonte;1832. Primo Ponte sospeso, in ferro, in Europa sul fiume Garigliano;1839. Prima Ferrovia Italiana, tratto Napoli-Portici;1840. Prima fabbrica metalmeccanica d’ Italia per numero di operai (Pietrarsa);1841. Primo Centro Sismologico in Italia, sul Vesuvio;1856. Primo Premio Internazionale per la produzione di Pasta;1856. Primo Premio Internazionale per la lavorazione di coralli;1856. Primo sismografo elettrico al mondo, costruito da Luigi Palmieri;1860. La più grande industria navale d’Italia per numero di operai (Castellammare di Stabia);1860. Primo tra gli stati italiani per numero di orfanotrofi, ospizi, collegi; Prima città d’Italia per numero di Teatri (Napoli);1860. Prima città d’Italia per Pubblicazioni di Giornali e Riviste (Napoli);1860. Prima città d’Italia per numero di Conservatori Musicali (Napoli) Potrei continuare, ma mi fermo qui. Ho letto in seguito alcuni libri di Pino Aprile (come Terroni, Carnefici) che gridano “basta!” alle sopraffazioni! . Insomma, dopo secoli di soprusi tra baronaggio, latifondisti e numerose dominazioni straniere che forse, malgrado i danni apportati agli umili, almeno lasciarono un imponente patrimonio artistico-culturale, le devastanti strategie politiche dei Savoia verso il Sud dopo l’Unità d’Italia, invece, diedero origine alla "Questione meridionale" ancora irrisolta. Ancor oggi continuano le migrazioni verso l’estero che coinvolgono perfino i cosiddetti laureati con la valigia. Da anni ci battiamo per potenziare istruzione, formazione e lavoro che potrebbero sottrarre manovalanza alla criminalità organizzata, ma i caotici istituti comprensivi stanno solo incrementando la dispersione scolastica! Da anni lottiamo per una sanità migliore, ma chi si vuole curare poi deve andare al Nord, poiché al Sud mancano medici e perfino infermieri. Da anni vengono sversati in Campania rifiuti tossici provenienti dal Nord con il supporto della criminalità organizzata. E in certi territori ci sono tanti bambini che muoiono di cancro! Potrei continuare per ore, ma mi fermo qui.

Si, bisogna reagire, ma in che modo?! Certamente non con le autonomie differenziate che ancor più metteranno a rischio un’Unità di Italia conquistata con lacrime sangue e già da tempo compromessa. Noi meridionali non vogliamo certo il male del Nord: personalmente pur essendo napoletana, ho amici e parenti al centro e al settentrione. Credo che tutta l’Italia in qualche modo sia imparentata dopo secoli di migrazioni interna. Quindi finiamola con egoismo, razzismo e ingiustizie. La realtà è che il mondo oggi è più che mai spaccato a metà, e noi facciamo parte di un Sud del mondo che si espande sempre di più. Se non ci sarà una svolta costruttiva non solo a livello nazionale ma anche internazionale, purtroppo finirà male per tutti. E ricordiamoci sempre che “l’Unione fa la forza!”

Giovanna D’Arbitrio Foto logo: Avvenire

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30