INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6573
Articoli visitati
4733299
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 novembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA RAGAZZA BLU OVVERO IL TEMA DELLA DIVERSITA’

Riflessioni sul libro di Kim Michele Richardson
domenica 6 novembre 2022 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri


Segnala l'articolo ad un amico

Solo se riusciremo a vedere l’universo come un tutt’uno, in cui ogni parte riflette la totalità e in cui la grande bellezza sta nella sua diversità, cominceremo a capire chi siamo e dove stiamo Tiziano Terzani

Oggi il tema della “diversità” è sempre al centro di molti dibattiti, film, libri e quant’altro. Senz’altro l’abitudine a stabilire cosa è “normale”, tipica della storia dell’umanità, spinge ad incrementare comportamenti negativi verso la diversità (di vario tipo fisica, psichica, linguistica, ambientale, socio-economica, di genere, ecc.) perché i suoi caratteri distintivi non rientrano nei canoni ritenuti normali.

Il libro “La Ragazza Blu”, di Kim Michele Richardson (Ed.Libreria Pienogiorno), sollecita significative riflessioni sul suddetto tema. Ecco come viene presentato: “Cussy Mary Carter ha diciannove anni, è intelligente, indipendente, con un’insaziabile sete di sapere. E ha la pelle blu: ultima testimone di un popolo, realmente esistito, che superstizioni e maldicenze hanno segregato nelle zone più impervie dei monti Appalachi. Nei giorni più difficili, cerca conforto nel suo cuscino come da una carezza. Ne ha ricavato la federa dal vestito che sua madre le aveva cucito quando era bambina. Diceva che il blu della stoffa avrebbe fatto sembrare la sua pelle più bianca; un po’ meno colorata, almeno. Con sua madre tutto sembrava più leggero, anche gli sguardi feroci della gente, anche l’isolamento in cui la sua famiglia deve vivere a causa di una rara alterazione genetica che rende l’epidermide di un blu cielo, pronto a scurirsi a ogni emozione.

Ma Cussy, detta Bluette, non ha ereditato dai suoi avi solo il suo colore. Sa leggere, cosa rara su quei monti negli anni Trenta della Grande Depressione, e ancor più per una donna. E orgogliosa, determinata, e curiosa di imparare ogni cosa. Per questo è stata subito entusiasta di aderire all’innovativo progetto che Eleanor Roosevelt ha istituito per diffondere la lettura. A dorso di un mulo, il suo compito è portare libri e giornali nelle zone più remote e disagiate. Non solo un impiego, di più: una missione, perché per molti quelli sono gli unici spiragli di luce in una vita di lotta e sopraffazione. Nonostante crudeli pregiudizi, nonostante suo padre, che pure la ama profondamente, per proteggerla cerchi di affibbiarle un marito qualsiasi, nonostante il fanatico predicatore Frazier le dia la caccia per purificarla a forza dal suo peccato blu, Cussy non smette di bramare e difendere la libertà che la cultura e il suo lavoro le danno. E nemmeno di combattere per il suo riscatto, la sua indipendenza, il vero amore che sente di meritare”,

La pluripremiata autrice in un’intervista ha affermato quanto segue “Anni fa mi sono imbattuta nelle storie degli eroici bibliotecari degli anni della Grande Depressione e nel Popolo Blu del Kentucky, una popolazione a cui un’alterazione genetica aveva colorato la pelle di un blu cielo, pronto a scurirsi maggiormente a ogni emozione. Non riuscivo a smettere di pensarci. Volevo raccontare quella forza e quella unicità. Erano storie così ricche, magnifiche, emblematiche, così adatte anche ai nostri tempi, all’esperienza delle donne soprattutto, che mi stupiva di non averle ancora viste in un romanzo, che non fossero nemmeno una nota a piè pagina della storia della letteratura. Sapevo che era venuto il momento che il mondo facesse la loro conoscenza, che potesse incontrare le gloriose “donne dei libri” del Pack Horse, il grande progetto per la diffusione della lettura nelle zone più remote, e l’incredibile realtà del Popolo Blu delle montagne”.

JPEG - 19.1 Kb
Il dipinto della famiglia Fugate

La metemoglobinemia congenita, così viene chiamata l’alterazione della pelle blu, fu rilevata per la prima volta nel 1820 nella famiglia Fugate di Troublesome Creek, nel Kentucky. In effetti il francese Martin Fugate aveva sposato una kentuckiana portatrice del gene, per cui la coppia generò quattro figli blu che purtroppo vennero discriminati perfino più dei neri residenti in zona.

Come la stessa autrice ha raccontato, ella ha sperimentato povertà, sofferenze e discriminazione sulla sua pelle trascorrendo i miei primi dieci anni di vita in un orfanotrofio rurale del Kentucky e poi data in affido a varie famiglie fino a ritrovarsi senza una casa all’età di quattordici anni.

“Capisco bene le persone emarginate e provo grande empatia per Cussy Mary e la sua famiglia- ha affermato. Kim Michele Richardson- e anche per chiunque abbia dovuto o debba vedersela con i pregiudizi e le avversità. Ricordo un’estate solitaria, stavo da una famiglia affidataria e andai per la prima volta in una biblioteca e scelsi un libro. La bibliotecaria si accostò e mi disse tranquillamente: “Solo uno? Hai l’aria più intelligente di così, e scommetto che riusciamo a trovartene più di uno”. Mise le mani sotto il bancone, tirò fuori un sacchetto di carta marrone, lo aprì e me lo porse, poi mi accompagnò lungo scaffali pieni di libri magnifici. Ero sconvolta di poter prendere più di un libro, figurarsi un sacchetto pieno, e rimasi colpita dalla sua compassione, gentilezza e saggezza. Gli uomini e le donne dei libri sono ancore di salvezza per così tante persone, ci danno risorse vigorose per aiutarci a diventare forti. È una forza, quella della parola scritta, che rischiamo di dare per scontata, eppure è così potente, taumaturgica, a volte rivoluzionaria (…) Cussy in fondo è l’emblema di ogni esclusione, e di ogni emancipazione, di ogni riscatto. Uno dei passaggi del romanzo a cui sono affezionata è quando una delle protagoniste prende la mano di Cussy, nonostante conosca bene le conseguenze di essere amica di una Blu, e dice una verità semplicissima: ‘Alle nostre mani non importa se sono di colore diverso”. Kim Michele Richardson, scrittrice americana di successo, ha pubblicato diversi romanzi tra i quali ricordiamo Liar’s Bench, GodPretty in the Tobacco Field, The Sisters of Glass Ferry and The Book Woman of Troublesome Creek

Giovanna D’Arbitrio

P.S. per maggiori approfondimenti si consiglia di consultare il seguente sito con una dettagliata intervista all’autrice: https://www.lapl.org/collections-re...