INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6573
Articoli visitati
4733008
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 novembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LE DIVE DALLA VITA SPEZZATA DI ANTONIO SCIOTTI

Le tragiche vite di 30 soubrette
sabato 29 ottobre 2022 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Recensioni Libri


Segnala l'articolo ad un amico

Le dive dalla vita spezzata. 1850-1950. Almanacco inedito della canzone napoletana, di Antonio Sciotti (Ed.ABE) racconta le vite di 30 soubrette uccise, costrette al suicidio o coinvolte in tragici incidenti, amate dal pubblico, ma spesso bistrattate da giornalisti e studiosi di ieri e di oggi. Antonio Sciotti le ha volute ricordare, regalando ai posteri le loro tristi storie che sovente popolavano le pagine della cronaca nera.

“Storie, quelle che Sciotti racconta, in cui Eros e Thanatos danzavano abbracciati a passo di tango e sparivano inghiottiti dall’oscurità in fondo ad un elegante corridoio Liberty- scrive il regista Stefano Amatucci- Storie di amori malati, quelli che egoisticamente pretendiamo quando non si può averli e che si trasformano in Meduse con mille serpiente che l’abballano ’ncapa cantando sotto le luci di un palcoscenico o di una festa di piazza o di un Cafè Chantant. L’amore talvolta è come la droga che ti butti nelle vene e di cui è impossibile fare a meno perché senza di esso resterebbe solo il vuoto nelle nostre vite. E allora le nostre Dive hanno preferito un “malammore” invece che nessun amore. Così le loro esistenze si sono consumate tra un colpo di cipria profumata sul volto e barbiturici ingeriti con un vecchio Bourbon, tra pellicce e abiti luccicanti e missive mai spedite o mai recapitate, tra fasci di rose rosse profumate di sedicenti promesse e telefoni bianchi bagnati di lacrime, tra applausi scroscianti e colpi di rivoltelle. Alcune vite di Dive sono state spezzate da misteriose fatalità, da destini bari e crudeli come terremoti, guerre o malattie che le hanno sprofondate dall’alto delle luci della ribalta nel fondo di abissi fatti di miseria e disperazione in una continua lotta per la sopravvivenza”.

JPEG - 10.7 Kb
Paolina Giorgi

Sfilano davanti agli occhi del lettore gli omicidi di Renata Carpi e Paolina Giorgi, i suicidi di Gabriella Bessard, Ester Bijou, Carolina Ropolo Favi, Emma Santini, il mortale incidente automobilistico di Emma Carelli, la morte di Gilda Mignonette sulla nave in un viaggio tra Napoli e New York, di Lina Resal deceduta proprio dopo aver raggiunto il successo, di Marianna Checcherini, uccisa da povertà e stenti dopo un’altalenante vita tra successi e insuccessi, di Liliana Castagnola deceduta a causa di sonniferi usati per alleviare emicranie dovute a una pallottola mai estratta dalla testa dopo un tentato omicidio, di Gigina De Crescenzo morta di parto a soli 19 anni, di Eva Galliani deceduta per un’operazione chirurgica sbagliata, di Amelia Rondini, sfregiata da un guappo e morta di febbre spagnola. Terremoto e guerra si porteranno via Tina Vergani, Maria Fougére, Mimì Branca, Ida Durant e Lia Flirt. E infine anche la follia fece le sue vittime, come le sorelle Corinna e Bianchina De Crescenzo.

JPEG - 12.1 Kb
Bianchina De Crescenzo

E lo stesso autore offre ai lettori una dettagliata descrizione del libro di cui qui riportiamo i punti salienti: “Le canzonettiste di fine ‘800 e anni successivi, sono state le vere attrazioni dei maestosi spettacoli di café chantant: incatenavano alle poltrone il pubblico maschile e incantavano quello femminile con il talento, le toilette, i trucchi vistosi, le movenze delicate e scabrose, i potenti mezzi vocali, le danze, i gioielli e con tutto quello che poteva esaltare un perfetto corpo seminudo (…)La critica, per anni, non fu tenera con loro, e spesso riuscì a ghettizzarle con articoli discriminatori.(…) L’assenza di requisiti artistici e la provenienza da ambienti non propriamente affini al mondo dell’arte hanno rappresentato la cifra o forse lo stigma del mondo delle canzonettiste. I presupposti per emergere o risollevare le sorti di questo universo erano alquanto scarsi. La diffidenza della stampa viaggiava di pari passo con i luoghi comuni costruendo un muro insormontabile per coloro che, al contrario, possedevano talento e indubbie capacità artistiche. Le paillettes, le penne di struzzo, i trucchi abbondanti, i seni scoperti e i luccichii dei gioielli erano gli ingredienti salienti di un’uniforme identificativa di un varietà nel quale le aspettative di qualità erano pressoché compromesse. Fortunatamente le incisioni discografiche giunte fino a noi hanno smentito il comune sentire svelando una nutrita compagine talentuosa e dotata, sfatandone l’imperante pregiudizio che veniva da lontano (…) L’intenzione di questo libro è quella di riportare alla luce artiste dimenticate nelle pagine polverose dei giornali dell’epoca: partendo dalla loro triste e drammatica fine, riavvolgo il nastro della loro esistenza per strapparle all’oblio e destinarle alla memoria storica del varietà”.(Antonio Sciotti).

JPEG - 6.7 Kb
Antonio Sciotti

Antonio Sciotti, napoletano, classe 1967, figlio e nipote d’arte, ha ereditato dal padre una mirabile collezione di cimeli legati al teatro e alla canzone napoletana. Saggista, scrittore e storico del teatro e della canzone partenopea, si occupa attivamente di tutto il movimento relativo al recupero della memoria storica del mondo di Cantanapoli. Cura gli archivi musicali della casa editrice La Canzonetta e collabora con diversi periodici di collezionismo musicale. Docente di Storia della Popular Music presso il Conservatorio Nicola Sala di Benevento; direttore artistico del teatro Cortese di Napoli. Ha scritto: Gilda Mignonette: Napoli New York solo andata (Ed. Magmata, 2008), Ada Bruges, l’ultima sciantosa di Cantanapoli (Ed. Rabò, 2010), Alcuni successi de La Canzonetta: Da Tu ca nun chiagne a Indifferentemente (Ed. La Canzonetta, 2011), Cantanapoli: L’Enciclopedia del Festival della Canzone Napoletana 1952-1981 (Ed. Luca Torre, 2012), Almanacco della Canzone Napoletana Vol. 1° 1880-1922 (Ed. Bascetta, 2020), Almanacco della Canzone Napoletana Vol. 2° 1923-1980 (Ed. Bascetta, 2020), Le Dive del Fonografo 1900-2000 (Ed. Bascetta, 2021), I Divi della Canzone Comica 1900-2000 (Ed. Bascetta, 2021), Isa Danieli e la dinastia teatrale dell’800 1800-2000 (Ed. Bascetta, 2021).

Giovanna D’Arbitrio