https://www.traditionrolex.com/30 UN MONDO A PARTE, di Riccardo Milani-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Maggio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7807
Articoli visitati
5564607
Connessi 21

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
24 maggio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

UN MONDO A PARTE, di Riccardo Milani

I problemi della scuola statale
lunedì 15 aprile 2024 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

I problemi della scuola statale mi stanno sempre molto a cuore e più volte ho scritto articoli su tale tema. E senz’altro ho molto apprezzato il film Un Mondo a Parte, di Riccardo Milani, centrato sul diritto allo studio che spesso viene messo a rischio.

Il film racconta la storia di Michele Cortese (Antonio Albanese), un maestro delle elementari, che dopo aver insegnato per 40 anni nel caos delle scuole romane, riesce ad ottenere un incarico all’Istituto Cesidio Gentile, situato nel Parco Nazionale d’Abruzzo, istituto consistente in un’unica pluriclasse di bambini dai 7 ai 10 anni.

Con l’aiuto della vice-preside Agnese (Virginia Raffaele) e degli alunni Michele riesce ad inserirsi nel nuovo ambiente, dopo le iniziali difficoltà. Purtroppo all’improvviso giunge una cattiva notizia: essendo poche iscrizioni, la scuola sarà chiusa per sempre alla fine dell’anno scolastico. Michele, Agnese e i bambini, pertanto, si attivano per evitare che ciò accada.

A quanto pare Riccardo Milani, sempre più interessato a temi sociali, questa volta evidenzia non solo l’importanza del diritto allo studio, ma anche la scomparsa di comunità rurali e montane che andrebbero preservate e rivalutate.

“Penso che negli ultimi tempi il senso civico e il senso della comunità in ognuno di noi sia stato spesso calpestato e messo da parte, ma anche mantenuto vivo e che, alla prima occasione, riesca a venir fuori”, ha affermato il regista- La gente ha necessità di giustizia in cui riconoscersi e bisogno di trovare un piccolo riscatto provando a fare qualcosa piuttosto che abbassare sempre la testa e abituarsi al peggio senza reagire”, che è poi una distorsione del nostro tempo che oggi facciamo troppo spesso, aggiungiamo noi”.

Il film non manca di humour nello stile delle buone commedie “all’italiana”, anche se centrate su temi seri. La sceneggiatura è di Michele Astori e Riccardo Milani, la fotografia di Saverio Guarna, il montaggio di Patrizia Ceresani e Francesco Renda

Tra i film del regista ricordiamo Auguri professore (1997), La guerra degli Antò (1999), Il posto dell’anima (2003) Piano, solo (2007), Benvenuto Presidente! (2013), Scusate se esisto! (2014), Mamma o papà? (2017), Come un gatto in tangenziale (2017), Ma cosa ci dice il cervello (2019), Come un gatto in tangenziale - Ritorno a Coccia di Morto (2021), Corro da te (2022), Grazie ragazzi (2023)

Giovanna D’Arbitrio

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30