INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6573
Articoli visitati
4733287
Connessi 5

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 novembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: EDITORIALI


COME VOLEVASI DIMOSTRARE

Ritorna il covid?
venerdì 14 ottobre 2022 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Come ogni anno, da quando è scoppiata la pandemia, appena il virus rallenta il contagio (con l’arrivo delle alte temperature), ci si dimentica completamente dei disagi trascorsi e si pretende di potersi comportare come se nulla fosse accaduto… Pensiamo all’invasione in massa nelle spiagge per i concerti che danneggiano, sicuramente, anche l’ambiente, o agli stadi, alle discoteche, a tutti i luoghi ove è facile avere contatti senza alcuna protezione.

Si può “giustificare” un incontrollabile entusiasmo da parte di chi è stato, quasi per due anni consecutivi, costretto ad un cambiamento radicale di vita e di libertà di movimento, ma risultano incomprensibili e dannose, le continue e velenose critiche verso un presunto rigore da parte del governo e, soprattutto, contro un ministro che si limitava soltanto ad evitare immancabili e futuri guai alla popolazione.

Ancora adesso, mentre i casi aumentano con quota con 45.225 contagi, 43 decessi e tasso di positività a 20,1% non si risparmiano, da parte dei politici, opposizioni più o meno declamate contro il ricorso obbligato anche a minimi sistemi di protezione. Come avvenuto lo scorso anno, incominciano a manifestarsi i primi problemi di contagio che, si spera, siano solo un falso allarme, ma sarà veramente increscioso, se non ridicolo, sentir “piangere sul latte versato” chi sfrutta l’ingenuità e la fiducia di un popolo vessato da mille problemi, al solo scopo di propaganda politica.