INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7575
Articoli visitati
5053963
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
3 marzo 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

UNA CONFERENZA STAMPA FORMALE E BASATA SUL FAIR PLAY


venerdì 5 gennaio 2024 di Silvana Carletti

Argomenti: EDITORIALE


Segnala l'articolo ad un amico

Dopo tante attese e rinvii, la conferenza stampa di ieri tra la Premier Giorgia Meloni e la Stampa si è rivelata un “contentino” necessariamente concesso e promesso da tempo, una sorte di “dono” post natalizio in un incontro in cui mancavano molti giornalisti solidali contro il “bavaglio” che il Parlamento si appresta ad emanare.

Molta ostentata cordialità, sorrisi e rispetto per la Premier ancora convalescente, ma sono mancate le più urgenti domande e risposte sulla drammatica situazione del nostro Paese.

Ad esempio: tutte le promesse mancate quali: l’immigrazione, gli aumenti salariali, il rinnovamento burocratico, la sicurezza, la giustizia, l’invio di armi in Ucraina, gli accordi con l’Albania, i rapporti con l’Europa (E’ finita la pacchia…), il mes, la continua “fiducia” nell’approvare leggi emanate in tutta fretta, ecc.ecc.e, soprattutto, la povertà che sta invadendo la popolazione.

Probabilmente, erano assenti molti giornalisti dell’opposizione o, forse, non si è voluto entrare nella disputa; comunque, tale incontro è apparso formale, falso ed inutile…con molte risposte sibilline e non perfettamente corrispondenti alla cruda realtà quotidiana.( Es. Pil italiano- Rai- Pos. ecc.)

Evidentemente e, forse per la prima volta, si è avuto rispetto per una Premier donna e, soprattutto, reduce da una indisposizione dolorosa, segno che, se non altro, qualcosa sta cambiando nella mentalità generale.

Peccato, però, che anche questa occasione, si sono perse importanti opportunità per chiarire e spiegare situazioni gravose che non accennano a risolversi.

Foto: La Notizia