INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7575
Articoli visitati
5053973
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
3 marzo 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA PACCHIA E’ FINITA

….PER L’ITALIA E GLI ITALIANI
mercoledì 6 dicembre 2023 di Silvana Carletti

Argomenti: EDITORIALE


Segnala l'articolo ad un amico

Fa impressione quanto ottimismo sia diffuso, continuamente, dal governo circa la reale situazione dell’Italia.

Tutto va bene: dalle cifre sulla ricrescita, al Pil, alla situazione economica del Paese, all’ amicizia con l’Europa e i Paesi Europei..e così via.

Situazione, pubblicizzata ed ampliata dalla maggioranza dei media, divenuti, ormai, unisoni.

Con l’arrivo del Natale e delle cosiddette “Feste”, la realtà torna inesorabilmente a galla ed è difficile, se non impossibile, nascondere la veridicità dei fatti.

La scuola, la sicurezza, l’ordine, la sanità, la giustizia, l’occupazione, le emergenze, le pensioni, l’immigrazione ecc.ecc. sono allo sbando.

E i prezzi? Continuano a salire, tanto che anche a Natale, per la maggioranza delle famiglie ci saranno rinunce, sacrifici e tristezza, specie se per moltissime persone sarà impossibile usufruire di un pasto “normale”.

Dove sono finite le promesse, gli slogan, le frasi esaltanti una nuova vita che avrebbe portato soltanto benessere e giustizia?

Povera Italia, in balia a fantasmi che si alternano negli anni, in barba a chi spera in una vita abbastanza vivibile e, soprattutto in un futuro per i propri figli; futuro che appare sempre più incerto, se non oscuro.