https://www.traditionrolex.com/30 AI - ARTIFICIAL INTELLIGENCE-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Maggio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7817
Articoli visitati
5594824
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 maggio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

AI - ARTIFICIAL INTELLIGENCE

Quali sono i rischi?
sabato 15 aprile 2023 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Scienza


Segnala l'articolo ad un amico

A quanto pare diversi paesi (come gli Usa) hanno preso provvedimenti contro TikTok, l’app proprietaria di ByteDance, vietandone l’uso sui dispositivi governativi.

In Ue è stata per il momento sospesa dal Garante della Privacy e rischia una multa fino a 20 milioni di euro. In Italia è stata sospesa la ChatGPT, la più nota piattaforma di intelligenza artificiale (IA), per proteggere i dati personali degli utenti da essa messi a rischio.E a quanto pare, benché solo i maggiori di 13 anni possano utilizzare il suddetto software, in realtà non esiste uno strumento per il controllo dell’età.

Secondo il “dataroom “di Milena Gabanelli riportato sul Corriere, ChatGPT è in grado di rispondere per iscritto a domande di diverso genere: progettato dalla società californiana OpenAI, fondata nel 2015 da un gruppo di imprenditori, utilizza il “natural language processing”, una tecnologia che mediante algoritmi è capace di apprendimento automatico e di immagazzinare miliardi di dati: può creare testi originali, tradurre un articolo in 95 lingue, risolvere equazioni matematiche, scrivere lettere, poesie e canzoni e quant’altro, ma non può dare risposte sull’attualità (ad esempio guerra in Ucraina) perché il suo “addestramento” si è concluso nel 2021.

E anche se NewsGuard (società che certifica l’attendibilità delle notizie online) ha messo alla prova il chatbot con 100 fake news che il sotfware non è stato capace di individuare come tali, le Big Tech continuano a puntare sull’utilizzo delle loro enormi banche dati per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale. OpenAI ha tra i principali finanziatori Microsoft, azienda fondata da Bill Gates, che intende integrare ChatGPT nei propri prodotti per spodestare Google che dal 2014 aveva già acquistato il laboratorio di ricerca DeepMind insieme a Bard, servizio sperimentale di intelligenza artificiale basato sulla tecnologia conversazionale e LaMDA che secondo Blake Lemoine, un ingegnere che ha sviluppato il software, è dotata di “intelligenza emotiva”.

E nel 2022 Meta (che include Facebook, Instagram e WhatsApp) ha iniziato ad investire circa 100 miliardi di dollari nel Metaverso e poi ha presentato Blenderbot 3, chatbot basato su intelligenza artificiale che cerca le informazioni su Internet e dialoga con gli utenti: il software, disponibile per ora solo negli Usa, è stato accusato di diffondere stereotipi razzisti e antisemiti. Sempre Meta è stata costretta a ritirare Galactica, motore di ricerca enciclopedico di intelligenza artificiale, per diffusione di informazioni non corrette . Anche Apple tra il 2016 e il 2020 ha acquisito 25 start up di AI, Amazon con la divisione AWS, IBM con la piattaforma Watson, hanno lanciato svariati progetti di intelligenza artificiale. (dal seguente sito: https://www.corriere.it/dataroom-mi... ).

E Martin Cooper, ritenuto inventore del cellulare nel 1973, premiato alla Mobile World Congress di Barcellona ha affermato che l’attuale smartphone è destinato a scomparire, poiché si trasformerà in un microchip impiantato sottopelle e il corpo umano farà da “caricatore”. Secondo Cooper due sono tematiche più rilevanti: violazioni della privacy e la dipendenza dai social media.

JPEG - 37.9 Kb
ARTIFICIAL INTELLIGENCE

Insomma stiamo andando verso un futuro non più fantascientifico, ma molto più realistico del previsto che in tempi brevi non si sa dove ci condurrà se non usato in modo corretto, come mette in evidenza Luciano Floridi, filosofo, professore ordinario di filosofia ed etica dell’informazione presso l’Oxford Internet Institute e docente di Sociologia della comunicazione presso l’Università di Bologna, nonché autore del libro “Etica dell’intelligenza artificiale -Sviluppi, opportunità, sfide”(Raffaello Cortina Editore)

Il libro viene così presentato: “Istruzione, commercio, industria, viaggi, divertimento, sanità, politica, relazioni sociali, in breve la vita stessa sta diventando inconcepibile senza le tecnologie, i servizi, i prodotti digitali. Questa trasformazione epocale implica dubbi e preoccupazioni, ma anche straordinarie opportunità. Proprio perché la rivoluzione digitale è iniziata da poco abbiamo la possibilità di modellarla in senso positivo, a vantaggio dell’umanità e del pianeta. Ma a condizione di capire meglio di che cosa stiamo parlando. È cruciale comprendere le trasformazioni tecnologiche in atto per disegnarle e gestirle nel modo migliore. Uno dei passaggi oggi fondamentali è quello dell’intelligenza artificiale, della sua natura e delle sue sfide etiche, che Luciano Floridi affronta in questo libro in prospettiva filosofica, offrendo il suo contributo di idee a un quanto mai necessario sforzo collettivo di intelligenza”.

In un’intervista della giornalista Valentina Bigai, l’autore ha affermato che un umanesimo digitale è possibile, anche se oggi non è più solo un discorso tra umanità e tecnologia, ma riguarda anche il pianeta sul quale viviamo.

“Bisognerebbe allargare l’umanesimo digitale ad un’idea più ampia e ambientalista - ha detto infatti Luciano Floridi -facendo in modo che la triangolazione tecnologia, umanità, ambiente, possa “far bene” a tutti e tre, sviluppando quindi delle ottime tecnologie, potenti, per fare di più e meglio con l’umanità che ne trae il massimo vantaggio e con un ambiente che viene sostenuto e protetto anche attraverso la tecnologia… allora sì che avremmo una visione del XXI secolo Pu. […] Purtroppo il ruolo della politica è uno dei grandi drammi che abbiamo in questo nostro periodo di straordinaria trasformazione tecnologica, ma anche di straordinaria assenza dalla politica. […] Diciamo che è un fatto che, oggi, la tecnologia si sviluppa moltissimo ed è presente ovunque, mentre la politica sta implodendo ovunque. Dalla Gran Bretagna all’Italia, dagli Stati Uniti alla Russia, dalla Cina al Brasile. Vediamo le difficoltà di Paesi democratici e non, Paesi dove la politica ha avuto in passato ruoli significativi ma che, oggi, non è all’altezza delle sfide tecnologiche e ambientali. Proprio in un momento in cui la tecnologia ha maggior bisogno di una guida, non per andare più o meno veloce, ma per capire dove andare. Ci vorrebbe molta più politica e di maggior valore. Oggi ne abbiamo poca, e di scarso valore. Questo è un danno per le generazioni future, perché quello che non faremo oggi lo faremo domani a costi molto più elevati e a sacrifici molto più intensi. Farlo prima vuol dire farlo meglio, con meno risorse, con più facilità, con più flessibilità. Una volta che, metaforicamente, abbiamo perso il treno… rincorrerlo è molto più difficile[…] Dobbiamo darci una mossa e comprendere che alla velocità dei cambiamenti dovrebbe seguire anche una certa velocità di gestione, adeguamento, management e governance, cioè di gestione intelligente […] Non è tanto l’innovazione tecnologica che farà la differenza, ma “cosa” ci facciamo con questa innovazione tecnologica”.

Ovviamente in quel “cosa” sono racchiuse le conseguenze, positive o negative, dell’uso che si farà dei progressi tecnologici e scientifici e diciamo che finora purtroppo non se ne è fatto sempre buon uso, come evidenzia il degrado del pianeta Terra. Anche le epocali scoperte di Eistein sul potere nucleare hanno mostrato la loro ambivalenza: da un lato l’invenzione della bomba atomica, dall’altro l’uso del laser in chirurgia, ad esempio.

Ecco il video dell’Intervista al prof. Floridi: https://tech4future.info/luciano-fl...

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30