INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7570
Articoli visitati
5052771
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 marzo 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

IL VIOLONCELLO SVELATO

ALL’ACCADEMIA FILARMONICA ROMANA
martedì 14 marzo 2023 di LAURA TESTA

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

Secondo concerto della Rassegna “Il Violoncello Svelato” all’Accademia Filarmonica Fabio Fausone al violoncello e Stefano Musso al pianoforte Il secondo dei quattro concerti della rassegna “IL VIOLONCELLO SVELATO” dell’ACCADEMIA FILARMONICA ROMANA, in collaborazione con RAI RADIO3 che registra l’intero ciclo di concerti per trasmetterlo successivamente sulle proprie frequenze, si è svolto il 10 marzo nella Sala Casella a Roma.

Nella cornice Accademia Filarmonica si è esibito il duo formato da FABIO FAUSONE al violoncello e STEFANO MUSSO al pianoforte, musicisti poco più che trentenni provenienti dal Conservatorio Verdi di Torino dove hanno iniziato a suonare in duo più di dieci anni fa; si sono poi perfezionati rispettivamente Fabio presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano e Stefano presso la Hochschule für Musik di Basilea, avviando un’attività artistica che li vede regolarmente ospiti di istituzioni, festival italiani ed europei.

Nel concerto, introdotto dal giornalista e conduttore radiofonico ANDREA PENNA, il duo ha svelato la Sonata op. 8 in si bemolle maggiore di ERNÖ VON DOHNANYI (1877-1960), fra i compositori più importanti della vita musicale ungherese del XX secolo. Composta nel 1899, la Sonata pullula di temi tradizionali rivisitati in stile tardo romantico, dando risalto alla brillantezza e al timbro dei due strumenti, a melodie elegiache e a un linguaggio armonico, in alcuni tratti, audace.

Al raro ascolto di Dohnanyi si è affiancata la Sonata op. 102 n. 2 in re maggiore di BEETHOVEN, composta nell’agosto del 1815 e annoverata tra i capolavori indiscussi dell’ultimo stile, pronta a superare i limiti formali della tradizione. Con Beethoven il violoncello inizia il nuovo capitolo nel ruolo di strumento “concertante”, di cui esalta le sue caratteristiche tecniche e liriche, fino ad allora soffocate in modesti ruoli decisamente non protagonistici.

Al termine del concerto i due protagonisti hanno regalato al pubblico un gioiello italiano di fine ottocento, un bis con l’esecuzione della seconda romanza di Giuseppe Martucci Op. 72, una pagina essenzialmente melodica, di un autore italiano che riscopre la musica per violoncello italiano.

IL VIOLONCELLO SVELATO La rassegna, giunta alla seconda edizione, nasce dall’intento di scoprire una parte di repertorio del violoncello, rimasta nascosta per molto tempo e che merita di essere riscoperta, appunto “svelata”. Nel programma si troveranno alcuni autori del periodo che va dalla la fine dell’Ottocento agli anni Sessanta del Novecento (Frank Bridge, Ernö von Dohnányi, Dora Pejačević, Robert Fuchs) che hanno scritto pagine importanti per violoncello e pianoforte e che sono stati inseriti nei programmi dei quattro concerti, accanto ad autori più conosciuti, come Beethoven, Mendelssohn, Schumann, Dvořák, Kodály, le cui composizioni sono stabilmente entrate nel repertorio tradizionale. “L’intento – spiega Enrico Dindo, direttore artistico della Filarmonica e noto violoncellista - è quello di dimostrare che la qualità non sempre è collegata alla popolarità di un nome e che invece, se si ascolta con spirito libero e con incondizionato senso critico, potremmo essere straordinariamente sorpresi”. FABIO FAUSONE e STEFANO MUSSO incominciano a suonare in duo in giovane età presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino, istituzione nella quale entrambi si diplomano brillantemente nel 2012. Parallelamente si perfezionano con Natalia Gutman, Enrico Dindo, Thomas Demenga. Dal 2012 entrambi sono borsisti dell’Associazione De Sono e dalla Fondazione CRT di Torino, che sostengono i loro rispettivi master in Music Performance e Soloist in Svizzera.

JPEG - 23.3 Kb
Fabio Fusone

A conclusione dei master individuali conseguiti a pieni voti, rispettivamente Fabio presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano e Stefano presso la Hochschule für Musik di Basilea, il duo ha intensificato l’attività artistica. In Italia ha tenuto recital per il Festival MiTo, l’Associazione De Sono, i Musei Vaticani, Polincontri di Torino, il Camerificio e il Conservatorio di Torino. All’estero si è esibito in Francia a Chambéry e in Svizzera.

JPEG - 19.8 Kb
Stefano Musso

La carriera in duo si è inoltre arricchita di numerose altre importanti esperienze cameristiche in Italia e all’estero. I due musicisti sono infatti entrambi membri fondatori di un trio: Fabio Fausone del trio d’archi Trio Quodlibet e Stefano del trio con pianoforte Trio Zenith. Dal 2019 partecipano in veste di duo al progetto educativo dell’Associazione De Sono Note di classe, con il musicologo Andrea Malvano. Dal 2020 i due musicisti sono soci fondatori dell’Associazione musicale Il Camerificio di cui Fabio è presidente. Dal 2015 Stefano è anche direttore artistico della rassegna internazionale di musica da camera “Gli accordi rivelati” dell’Associazione Il Timbro.

Il violoncello svelato si inserisce nella rassegna “La musica da camera dal barocco al contemporaneo” sostenuta dalla Regione Lazio con il Fondo Unico 2023 sullo Spettacolo dal Vivo