https://www.traditionrolex.com/30 MOSTRA DI EDGAR DEGAS A NAPOLI-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7679
Articoli visitati
5186028
Connessi 5

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
13 aprile 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: CULTURA


MOSTRA DI EDGAR DEGAS A NAPOLI

SAN DOMENICO MAGGIORE FINO AL 10 APRILE
venerdì 3 marzo 2023 di Elvira Brunetti

Argomenti: Mostre, musei, arch.


Segnala l'articolo ad un amico

Edgar Degas ritorna a Napoli in mostra a San Domenico Maggiore fino al 10 Aprile, purtroppo come in tutti i "revival" dei tempi recenti in forma oltre modo riduttiva e deludente per l’assenza di dipinti.

E’ il pittore della modernità in quegli ultimi trent’anni dell’Ottocento che glorificano Parigi nel mondo intero. Dalla nuova ferrovia della Gare Saint Lazare più volte fissata coi suoi fumi sulla tela da Claude Monet, perché rappresentava la fuga dalla città verso la campagna con i vari "Dèjeuner sur l’herbe" alla "Ville lumière" che esplode nel 1881 con la prima elettricità. Il fenomeno sotto gli occhi di tutti entusiasma soprattutto i pittori, che insieme alla formidabile invenzione della fotografia trovano nuovi incentivi per la loro espressione.

Contrariamente alla maggior parte degli altri Impressionisti che operano "En plein air", Degas dipinge all’interno. E si distingue sempre dai suoi colleghi per aver studiato e sperimentato in modo esemplare la fotografia. Lavorava sempre con una kodak, un po’ rudimentale rispetto allo stesso trattamento dell’immagine che farà dopo Andy Warhol. Il suo occhio vigile coglieva l’istante per fermarlo come uno scatto. Dal passo di danza della ballerina dell’Opera alla corsa dei cavalli. Osserviamo inoltre il taglio della composizione nel quadro "L’Assenzio", in cui si esalta la solitudine della donna nella nuova modernità.

JPEG - 16.3 Kb
ballerina_di_14_anni

Rimase incantato dai bagliori luminosi e cromatici sui giovani corpi prodotti dall’illuminazione al punto tale da inventarsi nuove tecniche per ampliare e potenziare tale effetto. Usava il pastello e l’olio per rendere lo scintillio dei "Tutù" delle ballerine. Ecco in mostra a Napoli vari Monotipi, una combinazione di incisione e pittura.

Edgar Degas (1834-1917) è stato sempre parigino, ad eccezione di alcuni soggiorni in Italia e in Louisiana. Nei suoi vasi scorreva sangue napoletano paterno e creolo materno.

JPEG - 31.4 Kb
donna_che_si_lava.

Il nonno scappò dopo la Rivoluzione e venne a Napoli dove divenne un banchiere importante. Ancora oggi a p.zza del Gesù esiste il palazzo Degas. Negli anni ’50 il Nostro vi soggiornò due volte. Fu anche a Firenze, ospite degli zii, ai quali dedicò un quadro notevole "La famiglia Bellelli". Dove si può notare l’influenza di altri due importanti pittori di quel momento, Edouard Manet con la forza dei suoi neri e Gustave Courbet per il realismo espressivo.

JPEG - 28.8 Kb
L’assenzio

A New Orleans dove i fratelli René e Achille si occupavano di un cotonificio, esegue un dipinto straordinario: "Il mercato del cotone". La sua singolarità consiste nell’aver saputo coniugare da parte dell’autore il Vero con il Bello. Principio sacro per Degas. L’attenzione alla realtà si unisce, direi producendo grande meraviglia, alla bellezza dell’insieme. Il quadro fu esposto alla seconda mostra degli Impressionisti nel 1876 e fu il primo acquistato da un museo due anni dopo. Si trova a Pau in Francia.

JPEG - 28.8 Kb
ufficio_dei_musson_a_new_orleans.

Degas non aveva un carattere facile. Era schivo e scontroso. Partecipò, per esempio, a tutte le mostre fin dalla prima nel 1874, quando Monet fonda il movimento col piccolo quadro, da cui il nome. "Impression soleil levant", nel fatidico studio fotografico di Nadar a Boulevard des Capucines, ma non li frequentò mai.

JPEG - 25.9 Kb
lezione_di_danza

Borghese ricco insieme a Edouard Manet, che conobbe nel 1862 al Louvre, mentre copiavano entrambi le opere di Velazquez. Frequentavano l’Opera, i cavalli e il café Guerbois. Fu un accanito antisemita, quando l’Affaire Dreyfus dopo il famoso "J’accuse" di Emile Zola divise la Francia in Dreyfusardi e Antidreyfusardi. Ruppe perfino l’amicizia con l’amico a lui più caro, l’ebreo Ludovico Halevy.

Ma è il rapporto con le donne che lo tormentava. Le disdegnava, pur sentendone l’attrazione. La sua ossessiva misoginia lo spingeva quasi a spiarle. Le sue figure femminili appaiono interessate solo alle umili occupazioni materiali. Si lavano, si pettinano i lunghi capelli. Raramente si nota il volto. "E’ come se si stesse osservando dal buco della serratura".

JPEG - 30.5 Kb
/la_famiglia_bellelli.

Degas non fu solo pittore, sviluppò in età avanzata, mentre la cecità galoppava, una passione per la scultura, che lo vede ugualmente eccellente, basti soffermarsi a guardare il fremito delle masse muscolari così innovativo sui nudi delle donne. Molto prima delle stravaganze di Picasso, Degas osa vestire, sfidando il parere di critici e benpensanti, una statuetta di cera di una ballerina di quattordici anni con nastro nei capelli, un corpetto giallo, un tutù di garza e scarpette di seta ai piedi. Tale capolavoro si può ammirare al museo de Arte di San Paolo.

"Ballerina di 14 anni" San Paolo Museu de Arte

"Lufficio dei musson a New Orleans" museo Pau Francia

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30