INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5427
Articoli visitati
4425272
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
28 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Tragedia nel mare di Lampedusa

3 0ttobre 2016 anniversario del naufragio con 350 morti annegati davanti alle coste di Lampedusa
lunedì 3 ottobre 2016 di Marcella Delle Donne

Argomenti: Attualità
Argomenti: Celebrazioni/Anniversari
Argomenti: Sociologia
Argomenti: Poesia


Segnala l'articolo ad un amico

Abbiamo il piacere di ospitare nuovamente la prof. Marcella Delle Donne che esprime nella sua forma di poesia/laica (come ho avuto occasione di definirla nella mia recensione di un suo libro) tutta la sua commozione legata alla tragedia dei migranti che fuggono dalle guerre o dai loro paesi impoveriti dallo sfruttamento coloniale e capitalistico, nonché il suo sdegno per la vignetta pubblicata da Charlie Hebdo.

Credo che la didascalia (presa da La Repubblica 14 gennaio 2016) della unica foto riportata in questo articolo, inquadri al meglio la parte finale della poesia:

"Cosa sarebbe diventato il piccolo Aylan se fosse diventato grande? un palpeggiatore di sederi in Germania". E’ questa la didascalia che accompagna la vignetta pubblicata sull’ultimo numero di Charlie Hebdo in cui si vedono degli uomini con i caratteri somatici nord africani correre dietro a delle donne. Un’immagine che ha sollevato un’ondata di critiche, anche su twitter. Il settimanale satirico, con la sua consueta irriverenza, in questo disegno fa riferimento al piccolo Aylan, il bimbo siriano la cui foto del suo corpicino senza vita ritrovato questa estate su una spiaggia della Turchia fece il giro del mondo diventando il simbolo della fuga disperata dai teatri di guerra mediorientali, ….”

L. De Vita (Editore)

JPEG - 43.5 Kb
Charlie Hebdo Gennaio 2016

Si commemora oggi, 3 0ttobre 2016, il naufragio di un barcone di fronte a Lampedusa: 350 profughi annegati. Credo sia un’occasione importante per valutare e riflettere sull’atteggiamento di una parte dell’inteligentia europea. Mi riferisco al giornale satirico per eccellenza, che pure ha subito, a sua volta, una tragedia.

Charlie Hebdo e il piccolo Aylan

Indifesi, fragili, innocenti
i nuovi nati
si schiudono alla vita
Protezione, tenerezza, amore
alle cure dei grandi si affidano

I diritti universali
all’intera umanità estesi
dell’europea cultura
sono i fondamenti

Libertè Egalitè Fraternitè
Francia portabandiera
sin dalla culla son guida
valori della conoscenza

Di proclami umanitari
gli uomini in Occidente
riempiono la bocca
In verità della guerra
perseguono lo scopo senza tregua
industria bellica, traffico d’armi
più dei principii
profitti immensi danno

Distruzione, terrore, morte
fomentate faide intestine
la guerra si diffonde
nei territori già colonizzati

Le popolazioni inermi
vittime del massacro
in ogni dove tentano la fuga
meta della salvezza l’Occidente

Da due anni è guerra in Siria
del popolo curdo tra due fuochi
un bimbo nasce al suon della mitraglia

Aylan il suo nome
di due fratelli, il terzo
della vita a tre anni
conosce dei droni il rombo
delle bombe la devastazione

Eppur nelle buie notti
i suoi occhi pieni di stupore
il firmamento contemplano
di lucenti stelle trapuntato
di giorno luce riflessa
di sua madre nello sguardo scorge

Tenuto in casa
alla guerra precario riparo
Aylan sdraiato a terra
riempie di scarabocchi fogli

La madre osserva
ricorre sempre un segno
un sol colore
puntini azzurri, blu
Chiede a Aylan il significato
il braccio alza il bambino
in alto punta il dito

“Le stelle, il cielo?”
interroga sua madre
per assentir col capo il bimbo accenna:
“Se farai il buono e studi, astronauta
tra le stelle, quando sei grande, andrai”

Ride felice Aylan
per la casa corre
“auta, auta” gridando

Per pagare i passeurs
racimolati i soldi
da una sorella in Canada aiutata
la famiglia di Aylan tenta la fuga
verso la meta canadese
benché il governo l’asilo abbia negato

Di vite umane ai trafficanti
versati tutti soldi
s’imbarcan su un naviglio
di dieci metri appena

Di notte vanno, mentre il mare ingrossa
La barca oscilla, flette, si rovescia
dalle onde travolta
i profughi in mare scaraventa

Avvinghiato a sé Aylan
la madre nuota con un sol braccio
S’innalza, s’abissa, risorge
al fin la vita l’abbandona
cedon le braccia, Aylan scivola via
via sull’onde

Con sovrumano impegno
di Aylan il padre combatte
per strappare i suoi cari
alla furia del mare
Invano… l’acqua li sbatte
il mare li risucchia

Trascinato dalle onde
il corpo di Aylan si arena
sulle sponde della Turchia spiaggiato
La pietas d’un militare
il cadaverino raccoglie
Un reporter d’appresso
fulmineo fotografa la scena

L’immagine di Aylan
diffusa ai cinque continenti
genera universal sgomento
per uno, cento, mille bimbi
nell’innocenza uccisi senza colpa

Riprovazione della guerra
che pur resta senza soluzione
e il corpicin spiaggiato
dell’Occidente i delitti testimoni

Non basta! Nel vessillo della libertè
l’immagine di Aylan viene usata
per farne oggetto di derisione
cinico disprezzo
pubblico ludibrio
con sembianze animalesche ritratto
simbolo di inferiori razze

Di Charlie Hebdo i redattori
prendendo spunto dalle avances
dei musulmani profughi in Germania
alle donne tedesche di Colonia
fanno propri i razzial teoremi
di illustri teorici francesi

Di Charlie Hebdo una vignetta
pronostica di Aylan il percorso di vita
dall’infanzia all’età adulta
Volto di maiale
braccia, mani tese
rincorrendo le donne
Aylan tripoteur
dei migrantes diventa l’emblema

Di Charlie Hebdo i redattori
già per gli insulti all’Islam
ferocemente trucidati
forse non hanno figli
per sentire la pietas
per capire lo strazio
dell’amore più tenero perduto

Si salverà d’Aylan il padre
rifiutato l’asilo
dal Canada alfin concesso
tornerà a Kobane
per dare alla vita ancora un senso