INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6314
Articoli visitati
4683848
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
4 luglio 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

12 Giugno 2022: REFERENDUM SULLA GIUSTIZIA

Intervista di Giuseppe Rippa a Sabino Cassese
venerdì 22 aprile 2022 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Interviste


Segnala l'articolo ad un amico

Benché il 12 giugno sia sempre più vicino, poco si parla dei referendum sulla giustizia e l’informazione in verità scarseggia sui 5 quesiti ammessi dalla Corte costituzionale a febbraio: la riforma del Csm, l’abolizione della legge Severino, i limiti agli abusi della custodia cautelare, la separazione delle funzioni dei magistrati e la loro equa valutazione.

I referendum sono abrogativi e purtroppo molte persone non sanno nemmeno come si vota, quando avverranno e in che cosa consistono. Insomma la proposta di riforma del CSM avanzata dal Guardasigilli Marta Cartabia viene trascurata da giornali e tv che evitano di ricordare il prossimo appuntamento del 12 giugno, mettendone a rischio il quorum. Ne hanno parlato in un incontro Giuseppe Rippa e Sabino Cassese.

Ci sembra giusto citare la presentazione del libro del prof. Sabino Cassese “Il governo dei giudici” (Ed. Laterza) che evidenzia le carenze del sistema giudiziario: “La situazione della giustizia in Italia è peculiare. Da un lato si assiste a una dilatazione del ruolo dei giudici, dall’altro a una crescente inefficacia del sistema giudiziario. Molti osservatori concordano sul fatto che la magistratura sia diventata parte della governance nazionale; che vi sia una indebita invasione della magistratura nel campo della politica e dell’economia; che in qualche caso la magistratura cerchi persino di prendere il posto della politica, controllando anche i costumi, oltre ai reati, proponendosi finalità palingenetiche delle strutture sociali, stabilendo rapporti diretti con l’opinione pubblica e con i mezzi di comunicazione.

In questo contesto, le procure hanno acquisito un posto particolare, tanto che molti esperti parlano di una ’Repubblica dei PM’, divenuti un potere a parte, con mezzi propri, che si indirizzano direttamente all’opinione pubblica, avvalendosi della ’favola’ dell’obbligatorietà dell’azione penale, utilizzando la cronaca giudiziaria come mezzo di lotta politica e trasformando l’Italia in una ’Repubblica giudiziaria. L’indipendenza è divenuta autogoverno. Familismo ed ereditarietà hanno aumentato separatezza e autoreferenzialità. Ci si attendeva razionalità e si è avuto populismo giudiziario. Ci si attendeva giustizia e si sono avuti giustizieri” In un significativo incontro il Prof Cassese ne ha discusso con Giuseppe Rippa, direttore di Quaderni Radicali e Agenzia Radicale, noto politico e autore di diversi libri, incontro in cui sono stati ribaditi i concetti già espressi nel suddetto libro: in effetti da un lato si assiste a una dilatazione del ruolo dei giudici e un’ indebita invasione della magistratura nel campo della politica e dell’economia, dall’altro a una crescente inefficacia del sistema giudiziario.

Senza dubbio Cassese e lo stesso Giuseppe Rippa hanno offerto un’analisi chiara e realistica degli aspetti negativi della giustizia in Italia, parlando della durata dei processi civili e penali, confrontando i dati della giustizia italiana con quelli di Francia e Usa, evidenziando l’indice di gradimento sceso nel nostro Paese ad un misero 30%, la distorsione dell’accusa resa pubblica e quant’altro. E anche se la riforma Cartabia non risolverà tutti i problemi, oltretutto in un contesto politico difficile, a quanto pare senza il successo dei referendum la crisi della giustizia non verrà mai affrontata. Secondo Giuseppe Rippa, solo una forte spinta popolare potrà far superare le chiusure a riccio delle corporazioni. Insomma è un dovere civico andare a votare per i referendum: il quorum, che si tenta di non far raggiungere, è determinante per una svolta che restituisca la fiducia della gente nella magistratura.

Sabino Cassese, prof. alla School of Government della Luiss, giudice emerito della Corte costituzionale e professore emerito della Scuola Normale Superiore di Pisa. Per Laterza ha pubblicato: Ritratto dell’Italia (a cura di, 2001); La crisi dello Stato (2002); Lo spazio giuridico globale (2006); Oltre lo Stato (2007); Il cittadino nella società (2009); Massimo Severo Giannini (a cura di, 2010); La nuova costituzione economica(a cura di, nuova edizione 2021); I presidenti e la presidenza del Consiglio dei ministri nell’Italia repubblicana. Storia, politica, istituzioni (2 tomi, a cura di, con A. Melloni e A. Pajno, 2022).

Ecco un video sull’incontro tra Giuseppe Rippa e Sabino Cassese: