INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426030
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Francesco a Birkenau: l’eco nei media

Giornata Mondiale della Gioventù 26 luglio 2016
mercoledì 10 agosto 2016 di Marcella Delle Donne

Argomenti: Attualità
Argomenti: Storia


Segnala l'articolo ad un amico

Silente, assorta, in solitudine
bianca figura a lento pede
varca della morte il Cancello
Auschwitz-Birkenau

Sospeso è il fluire del tempo
passo dopo passo, della tragedia
irrompe la memoria

voci dolenti, grida
pianto di bambini
odor acre, ciminiere fumanti
poi…lugubri silenzi

Tra gli alberi assisa
immobile sta la bianca figura
assorta nel profondo
su di se il peso sente
di quell’immane tragedia

“Dio, Dio… ma tu dov’eri?”

Cade una foglia sulla bianca veste
Un fringuello canta
il rigogliar della natura
afflato della divina luce
L’anima sospira
conduce alla speranza la preghiera

Al presente ritorna Francesco
il suo corso il tempo riprende
La realtà annulla la voce del silenzio

Rumori assordanti dell’effimero
immagini, parole…parole
al mondo trasmesse in ogn dove
della bianca figura
impoveriscono il messaggio

Televisioni, giornali, on- line
dei media l’eco
“Olocausto, Shoah”
degli ebrei l’orrore del genocidio
testimonia, commemora il Papa

Nel divulgar l’evento
non c’è memoria
riferimento alcuno
al genocidio di un popolo “altro”
dei rom non c’è parola

Auschwitz. Birkenau
2 agosto 1944.
In una sola notte
duemilanovecentonovantasette
uomini, donne, bambini rom
prelevati dallo Zigeunerlager
nei forni crematori di Birkenau

STERMINATI

Del popolo rom il genocidio
PORRAJMOS si chiama

.

.

.

.

Due Agosto, giornata della Memoria

Pietro Terracina, ebreo sopravvissuto, racconta:

“Con i rom eravamo separati solo dal filo spinato, c’erano tante famiglie e bambini, di cui molti nati li. Certo soffrivano anche loro, ma mi sembrava gente felice. Sono sicuro che pensavano che un giorno quei cancelli si sarebbero aperti all’improvviso, che avrebbero ripreso i loro carri per ritornare liberi. Ma quella notte sentii all’improvviso l’arrivo e le urla delleSS e l’abbaiare dei lori cani. I rom avevano capito che si preparava qualcosa di terribile. Sentii un confusione tremenda: il pianto dei bambini svegliati in piena notte, la gente che si perdeva e i parenti che si cercavano chiamandosi a gran voce. All’improvviso silenzio. La mattina dopo, appena sveglio alle quattro e mezza, il mio primo pensiero fu quello di andare a vedere dall’altra parte del filo spinato. Non c’era più nessuno. Solo qualche porta che sbatteva perchè a Birkenau soffiava sempre tanto vento. C’era un silenzio innaturale se paragonato ai rumori e ai suoni dei giorni precedenti, perché i rom avevano conservato i loro strumenti e facevano musica che noi dall’altra parte del filo spinato ascoltavamo. Quel silenzio era una cosa terribile che non si può dimenticare. Ci bastò dare un occhiata alle ciminiere dei forni crematori che andavano al massimo della loro potenza per capire che tutti i prigionieri dello Zigeunerlager furono mandati a morte. Dobbiamo ricordare questa giornata del 2 agosto 1944.

(Dall’intervista rilasciata a Roberto Olia, pubblicata sul quotidiano Il Manifesto il 2 agosto 2015)