INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5481
Articoli visitati
4445102
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
24 novembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

UNA CASA AL SAPORE DI FRANCIA


lunedì 12 settembre 2011 di Emanuela Ludovica Mariani

Argomenti: Società
Argomenti: Architettura, Archeologia


Segnala l'articolo ad un amico

L’abitare bene e piacevolmente rende lo stare in casa un modo per godere lo spazio domestico come luogo d’ispirazioni continue e di confort accogliente per sé e per gli altri. I francesi, a riguardo, ne sanno qualcosa …

Cosa c’è di più piacevole e agognato che tornare a casa dopo gli affanni di un ordinario giorno di follia? Se poi la casa accoglie il nostro desiderio di pace, tutto può coronarsi di perfezione! Personalmente, adoro la mia tana domestica. Negli anni, ho cercato di renderla sempre più affine ai miei desideri e ai miei gusti. Ed è un lavoro che non finisce mai ... perché il mondo è pieno di cose belle e le seduzioni di alcuni oggetti o stili rimangono sottofondi tentatori che attendono solo compiutezza materica!

Le ambientazioni francesi, specie lo stile gustavien (che in realtà non nasce in Francia ma in Svezia, nel tardo XVIII secolo dal re Gustavo III, rapito dallo stile Luigi XVI, dopo un soggiorno francese. Stile che, re Gustavo adattò poi al gusto del suo paese per l’arredamento e le decorazioni dei castelli. Sarà uno stile caratterizzato da una sobria eleganza sia negli ornamenti sia nei materiali utilizzati. L’elemento dominante saranno le patine grigio-bluastre) è uno dei miei preferiti. Infatti, costituisce una sorta di fil rouge tra il mio spirito e il mondo là fuori. Esso è ricco di tessuti quadrettati, di righe sui toni del celeste, rosa antico o rosso o tanti pois dai colori pastello. Mi accende la delicatezza e mi regala un’atmosfera calda e rilassante. Poi, le candele sono inseparabili dallo stile gustaviano perché aggiungono una luce morbida a quest’atmosfera, di per sé, molto accogliente. E’ bello esprimere anche con l’arredo il concetto di bellezza che ci caratterizza e che abbraccia categorie sconfinate. Oggi, lo limito a quest’ambito!

Il parquet, a listoni grandi, a spina o decapato è, di sicuro, il pavimento ideale per declinare la vostra casa al gusto francese. Oggi il mercato offre possibilità eco-compatibili: oltre al tradizionale parquet di rovere, va diffondendosi il parquet di bamboo. Oltre ad essere più duro e resistente rispetto a quelli tradizionali, viene raccolto solo in foreste controllate (certificate F.S.C. Forest Stewardship Council) e durante la lavorazione sono bandite colle e finiture con formaldeide o altre sostanze tossiche, a garanzia così di un rispettoso impatto ecologico. Il parquet danza con la luce e grazie ad essa evidenzia venature variegate che donano alle stanze qualcosa di unico e speciale, facendo anche risaltare mobilio e complementi d’arredo.

Ma aggiungo che il mio gusto d’arredare la casa, declinando la Francia, non si ferma allo stile gustaviano ma abbraccia anche quello provenzale. Le ambientazioni al sapore di lavanda sono affascinanti e intime. Mi rallegrano e placano negatività e tristezze. Quel gusto unico di recuperare un certo passato, per fa sì che quella patina antica riviva in una nuova veste è attuato attraverso la tecnica del decapè. Con esso s’imita il logorio del tempo, con la sovrapposizione di due colori contrastanti, abradendo e graffiando il secondo. Oppure, stendendo un colore, si asporta ancora fresco, favorendo la messa alla luce delle venature sottostanti del mobile trattato.

Qualunque sia la vostra scelta stilistica nell’ambito domestico, ricordatevi sempre che oltre al mobile, piccolo o grande che sia, la differenza possono farla i complementi d’arredo. Date quindi spazio a vasi, appliques, candelieri, lampadari, fiori, portafoto, caraffe e bicchieri ... qualunque cosa, tra esse, atta a connotare un vostro gusto, una vostra visione, un vostro desiderio.

Oltre all’arte della parola, spesso ahimè fraintesa, la casa in cui viviamo o ameremo vivere, può comunicare molto di noi e offrire, forse, una piccola luce sul nostro sconfinato giardino interiore.

P.S.

Piccolo vocabolario per chi navigherà su siti francesi in cerca d’ispirazione:
Lampadario con pendenti - lustre à pampilles
Poltrone – fauteuils
Letto - lit
Sedie - chaises
Tavoli - tables
Candele - bougies
Quadri - cadres
Etc etc etc ....

Indirizzi utili per iniziare a scoprire l’arte della Francia in casa:

www.benita-loca.com
www.maisondumonde.com
www.l’atelier-des-monogrammes.com