https://www.traditionrolex.com/30 STORIA DI UNA CAPINERA AL TEATRO QUIRINO-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7689
Articoli visitati
5233236
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
19 aprile 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

STORIA DI UNA CAPINERA AL TEATRO QUIRINO

Il dramma di Giovanni Verga
mercoledì 21 febbraio 2024 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Con Enrico Guarneri e Nadia De Luca, dal 20 febbraio al 3 marzo 2024 al Teatro Quirino di Roma.

Tratto da Storia di una capinera il fortunato romanzo epistolare di Giovanni Verga, si tratta di una serie di lettere che Maria, la giovane educanda protagonista del romanzo, scrive a Marianna, un tempo sua compagna di convento e poi sposa felice, è un racconto feroce sulla condizione femminile del XIX secolo. Attraverso le parole della protagonista scopriamo il dramma di questa giovane, rimasta orfana di madre, che al risposarsi del padre entra in convento all’età di sette anni per avviarsi alla clausura.

Nella sua vita già delineata dagli altri, irrompe l’epidemia di colera che colpisce la città di Catania e la riporterà in seno alla famiglia nella cornice di una natura splendente sul Monte Ilice. Lì scoprirà un mondo senza sbarre, dove la natura sembra farla fiorire anche attraverso l’amore ricambiato del giovane Nino. Il padre e la matrigna si accorgeranno presto dei cambiamenti di Maria e prima che l’epidemia finisca la faranno riportare in convento con lo stigma di essersi perduta. L’unico conforto nella solitudine sono le lettere con l’amica, che al contrario non è tornata in convento ma si è sposata. Riceverà dopo un anno la notizia che Nino ha sposato Giuditta, la sua sorellastra, disperata, prenderà i voti e finirà per impazzire avendo sotto gli occhi la felicità della sorella che andrà a vivere di fronte al convento.

Lo scrittore siciliano aveva giustificato il titolo dell’opera paragonando la storia di questa giovane timida, dal cuore tenero che, pur amando e piangendo non osa ribellarsi ripiegando su sé stessa il dolore fino alla morte, all’uccellino della capinera, un passerotto che in gabbia non può che morire. La trasposizione teatrale ferma il racconto ai voti di Maria, che si piega alla vita conventuale dopo che, fuggita dal convento non troverà nel padre una vera accoglienza ed affetto, piuttosto il carnefice che la piegherà alla sua volontà, informandola di una presunta gravidanza di Giuditta.

Maria è vittima delle convenzioni e di suo padre che la condanna all’infelicità, un uomo codardo che lascia decidere alla seconda moglie di estraniare dalle proprietà famigliari quella figlia avuta da una moglie tanto amata e perduta. Il convento è il centro della scena, anche quando sarà sul Monte Ilice, Maria non uscirà dalla prigione che le è stata destinata, suo padre Giuseppe è il carceriere che finirà per ucciderla con la sua ottusità scellerata. Nel monologo finale Giuseppe Vizzini, lacerato dai sensi di colpa, mostra ancora di non riuscire a considerare la figlia come un essere umano portatore di desideri propri, il suo egoismo codardo e meschino non è in grado di avere pietà per il dolore di Maria.

Come ha sottolineato il regista nelle sue note, Progetto Teatrando, nel suo percorso attraverso i capolavori verghiani approda a un racconto violento e disperato sull’infelicità dei legami e delle dinamiche familiari che sono ad oggi impossibili da immaginare e che Verga sa delineare attraverso l’inesorabilità di una condanna che non risparmia nessuno, non c’è salvezza o redenzione nella Sicilia di Giovanni Verga, i Vinti sono vinti.

Cast: Enrico Guarneri, Nadia De Luca, Emanuela Muni, Rosario Marco Amato Verdiana Barbagallo Federica Breci, Alessandra Falci, Elisa Franco, Loredana Marino, Liborio Natali. Regia GUGLIELMO FERRO, regista collaboratore Giampaolo Romania; scene Salvo Manciagli; costumi Sartoria Pipi Patrizia Cantatore

Date e orari mar 20 feb ore 21 mer 21 feb ore 21 gio 22 feb ore 17 ven 23 feb ore 21 sab 24 feb ore 21 dom 25 feb ore 17 mar 27 feb ore 21 mer 28 feb ore 19 gio 29 feb ore 17 ven 1 mar ore 21 sab 2 mar ore 17 dom 3 mar ore 17

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30