INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7570
Articoli visitati
5052752
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 marzo 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

IPOTESI PERSONALE SUL NOSTRO FUTURO POLITICO


martedì 23 gennaio 2024 di A.Profili

Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

E’ solo un pensiero personale, ma basato su possibili realtà future che riguardano il nostro Paese.

I frequenti viaggi all’estero della nostra Premier sembrano indicare un interesse più “europeo” che “italiano” di Giorgia Meloni, come se fosse rivolto ad un suo futuro ed importante incarico in Europa che le permetterebbe di realizzare un sogno, probabilmente difficile, se non impossibile, volto a riunire i vari stati in un contesto di destra.

Il tutto, mentre Pier Silvio Berlusconi si prepara a scendere in politica, certo che il ricordo di suo padre, a quanto pare indelebile, gli assicurerebbe un futuro di leader italiano, mentre, in contemporanea, il governo attuale si sta dando da fare per accelerare la proposta di modifica del ruolo del Capo di stato che diverrebbe “premier” a tutti gli effetti.

Alcuni “sintomi” di questa iniziativa, per ora nascosta, rivelerebbero tutte le modifiche apportate alle reti televisive Mediaset: una specie di “ridimensionamento” del trash e di personaggi “scomodi”, in nome di assunzioni di conduttori considerati, finora, di idee non proprio “di destra” e la preferenza rivolta a spettacoli molto educativi , se non strappalacrime, di cui, forse, si sentiva, da anni, la mancanza e che, comunque, potrebbero giovare ad una migliore educazione morale dei giovani.

Unico problema potrebbe essere il solito, inveterato “conflitto di interessi” che ha dominato il lungo governo di Silvio Berlusconi e che mai è stato risolto…

Staremo a vedere…Certo è che difficilmente, Piersilvio Berlusconi lascerà perdere un’occasione così propizia ed irripetibile, che gli permetterebbe di accedere ad un incarico ambito e che coronerebbe, sia pure post mortem, un sogno irrealizzato di suo padre.