https://www.traditionrolex.com/30 RASSEGNA DI DANZA MUSICA E SPETTACOLO -Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7986
Articoli visitati
6158118
Connessi 30

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 luglio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

RASSEGNA DI DANZA MUSICA E SPETTACOLO

SOTTO L’ANGELO DI CASTELLO
venerdì 2 giugno 2023 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo dal 29 giugno al 21 settembre 2023

Presentato a Castel Sant’Angelo la terza edizione di “sotto l’Angelo di Castello” una rassegna di danza, musica e spettacolo dal programma fittissimo che porterà in una nuova modalità l’Arte dello spettacolo nella splendida cornice del Castello con l’intento di creare relazioni inusuali offrendo spazi di creazione artistica e percorsi di fruizione inaspettati che cattureranno il pubblico in racconti di fascinazione e bellezza.

Un progetto di valorizzazione del sito con l’intento di mantenere il dialogo tra i luoghi della storia e la creazione contemporanea per offrire un’immagine generosa e aperta di un luogo storico che nel passato lontano era considerato dai romani più una prigione che un castello. La Direzione Musei statali della città di Roma e il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, diretti da Mariastella Margozzi presentano un’edizione con molti progetti site-specific che metteranno di mettere in relazione e dialogo il luogo e la sua storia attraverso la creazione contemporanea, come un’esperienza in progress. Il risultato sarà tutto da vivere.

Il progetto curato e organizzato da Anna Selvi debutterà il 29 giugno con un appuntamento d’eccezione: WE, the Angel, un viaggio di danza creato appositamente per Castel Sant’Angelo da Emio Greco e Pieter C. Scholten, autori di produzioni di danza di successo internazionale e fondatori nel 2009 della ICK Dans Amsterdam. Una Performance che concentra la propria attenzione sull’angelo, in particolare l’Angelus Novus: immagine creata da Paul Klee che, nell’interpretazione del filosofo Walter Benjamin, affronta il passato ad ali spiegate catturando il vento dal paradiso e cavalcando la nuova tempesta che spinge l’Angelo in avanti incontro all’avventura incerta del futuro.

JPEG - 14.8 Kb
_emio_greco_pieter_c_scholten___ph._alwin_poiana.jpg

Il lavoro, dislocato negli spazi di Castel Sant’Angelo, con 9 performer, di cui 7 ballerini e 2 percussionisti, fa parte del WE-Cycle, una serie con cui i due coreografi vogliono mostrare la meraviglia del corpo in rivolta e il modo in cui può ispirarci (Tre repliche al giorno: 29 giugno ore 18.30 – 19.30 – 20.30; 30 giugno e 1 luglio ore 19.30 – 20.30 – 21.30). Spettacolo itinerante per 30 spettatori a recita.

In collaborazione con Fuori Programma Festival, saranno presentati due lavori in prima assoluta nati anch’essi dal rapporto con Castel Sant’Angelo. Thomas Bradley, artista multidisciplinare, presenta un’installazione ispirata ad un testo inciso sotto la statua di uno degli angeli collocati sul lato occidentale di Ponte Sant’Angelo di Roma: “Super vestimentum meum miserunt sortem” (Sulla mia veste gettarono la sorte). Quattro costumi distinti attraverseranno diversi luoghi del Mausoleo di Adriano (2 luglio ore 13.00 Dromos; ore 14.30 Sala Paolina; ore 16.00 Cortile dell’Angelo; ore 17.30 Terrazza dell’Angelo). Michele Di Stefano, Leone d’Argento per la Danza 2014, e Lorenzo Bianchi Hoesch firmano Veduta > Roma: un progetto dal formato modulare dedicato alla città e alla visione prospettica del paesaggio urbano. Il pubblico fruisce la performance in cuffia con un punto di vista ampio che può interessare spazi molto vicini e molto lontani, collegati tra loro dalla traccia sonora e dalla dislocazione dei performer (2 luglio ore 19.00 – 20.00 – 20.45). Spettacolo itinerante per 50 spettatori a recita.

Hernán Genovese, uno dei cantanti, autori e compositori più importanti dell’attuale scena del tango argentino, arriva per la prima volta a Roma accompagnato da Roger Helou (pianoforte), Damian Foretic (bandoneon) e dai Maestri e ballerini Paola Palaia e Marco Evola con il concerto La voce del tango (4 luglio ore 21.00).

Un concerto che si annuncia straordinario, quello dei David Trio & friends (Claudio Trovajoli - pianoforte, Nikita Boriso-Glebsky - violino e David Cohen - violoncello) insieme a William Chiquito Henao al violino e Raffaele Mallozzi alla viola, presentano due capolavori di fine Ottocento della letteratura cameristica con pianoforte meno conosciuti al grande pubblico: A. Arensky, Trio n. 1 op. 32 e A. Dvorák, Quintetto op. 81 che coinvolgeranno l’ascoltatore in un viaggio interiore di forti emozioni (11 luglio ore 21.00).

Una serata di poesia La delicatezza del poco e del niente, produzione Fortebraccio Teatro Compagnia Lombardi-Tiezzi. Roberto Latini, Premio Ubu 2014 - 2017 legge e interpreta alcune delle più belle confidenze della meravigliosa poetessa cesenate Mariangela Gualtieri. Concerto poetico di parole che illumineranno la notte come lucciole, ci scalderanno con tenerezze, incanti e quella capacità che hanno i poeti di stare nei silenzi intorno alle parole. Musica e suono a firma di Gianluca Misiti, Premio Ubu 2015 - 2017 (19 luglio ore 21.00).

Post Piano Session è l’ultimo progetto discografico di Davide ‘Boosta’ Dileo, tastierista dei Subsonica e cofondatore. Suite di musica elettronica e pianoforte, evocativa e romantica con inserti di energia ed ottimismo, frutto di scelta di libertà anche dell’artista dai propri codici. (26 luglio ore 21.00). Dialogo Terzo: IN A LANDSCAPE, lavoro site-specific, è il terzo capitolo del progetto Dialoghi della compagnia CollettivO CineticO, guidata da Francesca Pennini, con un invito, questa volta, rivolto al pluripremiato coreografo Alessandro Sciarroni (tra tutti Leone d’Oro per la Danza 2019). Sciarroni gioca sull’ostinazione della ripetizione, come in precedenti lavori, traendo spunto per il titolo dall’omonimo brano di John Cage composto per “calmare la mente e disporla alle influenze divine” (2 agosto ore 19.00 e 21.00). Caribe è il nuovo progetto discografico della giovane cantante e violoncellista cubana Ana Carla Maza, un mélange energico di jazz, musica classica e ritmi latini, accompagnata dai suoi musicisti (8 agosto ore 21.00).

JPEG - 15.2 Kb
dia_terzo_in_a_landscape_alessandro_sciarroni.jpg

Due appuntamenti riservati ai più piccini e alle famiglie: Michele Cafaggi ed il suo Fish&Bubbles, con la regia di Ted Luminarc, spettacolo adatto ad un pubblico dai 3 ai 103 anni di clownerie, giochi con l’acqua e bolle di sapone giganti (13 agosto ore 21.00), ed Esercizi di fantastica di Sosta Palmizi, storica compagnia di danza diretta da Giorgio Rossi, spettacolo ispirato al lavoro letterario e creativo di Gianni Rodari, vincitore del Premio della Giuria e del Pubblico del Vimercate Ragazzi Festival 2021 dai 4 anni in su (1 settembre ore 21.00).

JPEG - 32.2 Kb
dominique_souse_-

Take me up, take me higher di Enzo Cosimi è un progetto site-specific, visivo e coreografico su quattro figure iconiche che sono passate per le prigioni di Castel Sant’Angelo, con l’inserimento di un personaggio romantico come Tosca, dramma in quattro atti di Victorien Sardou ambientato nel castello e reso celebre da Giacomo Puccini su libretto di Giacosa e Illica nell’opera omonima ma rappresentante le tante tragedie che si sono consumate in quelle prigioni: Beatrice Cenci, Cagliostro, l’Arcangelo Michele e Tosca (23 e 24 agosto ore 19.30 – 20.30 – 21.30). Spettacolo itinerante per 20 spettatori a recita.

Tatiana Eva-Marie soprannominata “l’usignolo gypsy-jazz” dal New York Times è conosciuta per il suo lavoro alla guida della Avalon Jazz Band, gruppo dallo stile vintage che ha raggiunto più di 70 milioni di visualizzazioni su YouTube. L’artista presenta il suo ultimo album Djangology, che celebra la musica del chitarrista Django Reinhardt, inventore de Gypsy Jazz (29 agosto ore 21.00). Pasticceri. Io e mio fratello Roberto con Roberto Abbiati e Leonardo Capuano, che il pasticcere l’ha fatto davvero. Una pièce nella quale la vita di due fratelli: uno spigliato e l’altro timido e impacciato si intreccia nel loro lavoro, giocano a fare i fratelli gemelli nati da madri diverse, mettendo in scena un rapporto simbiotico ma infarcito di piccoli conflitti ma anche grandi tenerezze per l’appartenenza ad una storia condivisa(6 settembre ore 21.00). L’Architettura del suono. Il violoncello, la “voce umana” tra nuove e antiche strutture formali, concerto con Gaetano Simone che suonerà musiche di J.S.Bach, I.Xenakis, G.Crumb, con il suo splendido violoncello italiano del 1700 attribuito a David Tecchler (14 settembre ore 21.00).

JPEG - 16.3 Kb
Satiri. Foto Virgilio Sieni

Chiude la rassegna SATIRI la nuova produzione di Virgilio Sieni, danzatore e coreografo italiano, vincitore 3 volte Premio Ubu, artista attivo in ambito internazionale per le massime istituzioni teatrali, musicali, fondazioni d’arte e Musei. È stato Direttore della Biennale Danza di Venezia dal 2013 al 2016. Dirige dal 2003 il Centro Nazionale di Produzione della danza Virgilio Sieni. Sieni ha specificato nelle sue note di regia, che Satiro è colui che getta lo sguardo nell’abisso dicendo sì alla vita, alla nuova primavera, ad una nascita che è rinascita, i danzatori sono contagiati dall’interno, investiti dalla contemplazione verso il gesto simile, adiacente, simmetrico e in una danza per dermatoglifi delineano e rappresentano in aria il racconto della nascita dell’embrione che nel gesto incontra il suo simile e lo riconosce quale diverso e amico. La danza dunque come viatico di connessione tra musica e corpo, in un’unione empatica che nello specchio dà vita a risonanze e richiami cognitivi. Satiri, lavoro adattato specificatamente per gli spazi del Castello, vede in scena i due danzatori Jari Boldrini e Maurizio Giunti accompagnati dalla musica di Johann Sebastian Bach eseguita dal vivo dalla violoncellista irlandese Naomi Berrill (21 settembre ore 20.00 e 21.30).

JPEG - 23.7 Kb
Alice

Non resta che attendere l’apertura di questa fantastica e interessante rassegna che, dalle premesse, rischia di essere un evento unico.

L’ingresso agli spettacoli è consentito ai visitatori fino ad esaurimento dei posti disponibili ed è incluso nel costo del biglietto del Museo richiedendo, al momento dell’acquisto, la formula "museo + spettacolo" È possibile acquistare i biglietti sia online al sito http://www.gebart.it/musei/museo-na..., che tramite call center Ticketone allo 06/32810 o direttamente al botteghino del Museo

Intero € 12,00 Ridotto € 2,00 per i cittadini europei tra i 18 ed i 25 anni

Gratuità di legge

Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo e Passetto di Borgo - Roma, Lungotevere Castello, 50

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30