https://www.traditionrolex.com/30 STANNO SPARANDO SULLA NOSTRA CANZONE-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7903
Articoli visitati
5892472
Connessi 26

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 giugno 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

STANNO SPARANDO SULLA NOSTRA CANZONE

Teatro Quirino dal 25 al 30 aprile
giovedì 27 aprile 2023 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Una spumeggiante e bravissima Veronica Pivetti è la protagonista di questa black story musicale di Giovanna Gra e la regia e le scene sono di GRA&MRAMOR, le musiche a cura di Alessandro Nidi. Ambientata nei mitici Anni Venti, dopo la pandemia di spagnola e durante il proibizionismo insieme ai talentuosi Cristian Ruiz e Brian Boccuni che insieme a lei ballano, cantano e fanno acrobazie.

La storia è quella di Jenny Talento, fioraia e spacciatrice di oppio davanti ai night della malavita che cede alle avances di un balordo giocatore di poker, Nino Miseria. L’euforia e la voglia di rinascere dopo la pandemia alimentano il desiderio di lasciarsi andare alla passione, al sesso, di far cadere le barriere e cedere agli impulsi, alla gelosia, alla violenza.

Tutto procede tra alti e bassi tra Nino e Jenny finché Micky Malandrino, un visionario dal mitra facile, che sentenzia sulla società e sui desideri come il più grande affare del secolo, non pretende da Nino la restituzione di un vecchio debito. Jenny cederà al ricatto d’amore e a quello del malavitoso finché non ci sarà una resa dei conti tra i tre.

Le atmosfere sono sottolineate dall’allestimento Urban, lo spettacolo sin dalle prime note è incalzante, tra una battuta e una canzone pescata nel repertorio jazz o in quello pop rock: da Certe notti a Mi vendo; da Money money a Love me tender, da Killing me softly, a Moon river, da Show must go on a Bad e poi nel finale una versione italiana di Survivor, a passo di danza i tre protagonisti in una regia che ha ben equilibrato il recitato e il ballato con questo cocktail di canzoni, ci portano nelle atmosfere di quegli anni, strizzando l’occhio anche al nostro tempo, perché l’amore, la violenza, il desiderio e il riscatto non hanno tempo.

Uno spettacolo tra il musical e la commedia, gradevole, frizzante, un’ora e venti minuti che fanno venir voglia di ballare e che alla fine trascinano il pubblico a cantare insieme ai protagonisti.

Foto: Renzo Micheluzzi

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30