INFORMAZIONE
CULTURALE
Marzo 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6800
Articoli visitati
4797128
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 marzo 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLI


Una fiaba popolare in scena al Quirino

La Roba di Giovanni Verga dal 7 al 12 marzo
mercoledì 8 marzo 2023 di Roberto Benatti

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Insuperabile Enrico Guarneri in questo spaccato della vita agreste siciliana di fine ottocento.
La compagnia Progetto Teatrando intende promuovere il patrimonio culturale della letteratura siciliana, attraverso un lavoro di riscrittura drammaturgica dei nostri classici.

Il nuovo progetto per il 2022/2023 è la messinscena di alcune delle novelle più esemplificative delle raccolte Vita dei Campi e Novelle rusticane di Giovanni Verga, che sono state il preludio verista che ha portato l’autore all’approdo al ciclo dei vinti del capolavoro I malavoglia.

La Roba fu pubblicata per la prima volta nel dicembre 1880 nella rivista La rassegna settimanale, per poi essere pubblicata nelle Novelle rusticane del 1883.

In Nedda, Rosso Malpelo e La roba, Giovanni Verga affronta le problematiche socioeconomiche dei più umili. I vinti della Sicilia alla fine dell’800 che, travolti dalla ‘fiumana del progresso’, non possono fare altro che sopravvivere aggrappandosi ai beni materiali.

Ci troviamo sul biviere di Lentini in provincia di Siracusa, un viandante passeggia, mentre lungo le strade vede un paesaggio pieno di cose, tutte di proprietà di Mazzarò. Vediamo la Piana di Catania, le arance di Francofonte, i pascoli desolati di Passanitello, la cantilena di un viandante in lontananza che canta per non lasciarsi vincere dal sonno della malaria.

Una palude focolaio di questa infermità in Italia, anche qui un verso che dice: qui di chi è? Una voce risponde; …di Mazzarò.. Il suo viaggio continua tra tutti i possedimenti, fattorie, uliveti e mandrie. Anche il sole e gli uccelli sono di Mazzarò.

Così questo personaggio si arricchì con il duro lavoro, mettendo via una monetina ogni giorno, a costo di tantissimi sacrifici. Tutta la vita la passa dedicandosi ad accumulare tutta la roba. La roba sta con chi sa tenersela. Ma poi cresce la vecchiaia e Mazzarò si chiede: ma tutta questa roba a chi la darò?

Mazzarò rappresenta l’avarizia del contadino arricchito, con il passaggio del latifondo di proprietà dell’aristocrazia alla nuova classe borghese , non cambiano le dinamiche sociali; gli ex oppressi diventano i nuovi padroni. Si afferma il mito dell’uomo che si è fatto da solo.

La ‘roba’ in Verga diventa ancora di salvezza per tutti i derelitti della società, per coloro che lottano a costo della vita pur di non soccombere al ‘darwinismo sociale’ dell’epoca. Nessun vincitore tra i protagonisti delle novelle, solo vinti. Nessuna vera speranza di riscatto ma solo la crudezza della loro miserabile esistenza.

SCHEDA COMPLETA

Progetto Teatrando presenta

in occasione dei 100 anni dalla scomparsa di Verga

ENRICO GUARNERI LA ROBA di Giovanni Verga

drammaturgia Micaela Miano costumi Sartoria Pipi Palermo musiche Massimiliano Pace scenografie Salvo Manciagli

regia GUGLIELMO FERRO

WWW.TEATROQUIRINO.IT