INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6702
Articoli visitati
4767821
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
6 febbraio 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLI


AL BRANCACCIO L’OPERA POP CASANOVA DI RED CANZIAN

Dal 10 gennaio al 22 gennaio 2023
mercoledì 18 gennaio 2023 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Dopo il successo e i tanti sold out del tour in anteprima, arriva a Roma lo spettacolo musical-teatrale concepito, composto e prodotto da Red Canzian, Casanova Opera Pop, spettacolo maestoso che ha già conquistato il cuore di oltre 30.000 spettatori.

Tratto dal best-seller di Matteo Strukul “Giacomo Casanova - la sonata dei cuori infranti” , un romanzo tradotto in oltre 10 lingue, è il primo spettacolo musicale inedito andato in scena dopo la riapertura dei teatri a piena capienza, un’opera che Red Canzian ha creato nei due lunghissimi anni trascorsi lontano dal palco.

Ambientato nella Venezia del Settecento con protagonista Giacomo Casanova, lo spettacolo di ben 2 ore di musica con 35 brani cantati dal vivo, 120 costumi, 30 cambi scena, 21 performer e scenografie immersive e innovative.

Come dichiarato da Red Canzian: “Ho cullato a lungo l’idea di comporre un’opera musicale dedicata alla Città di Venezia, forse l’unica al mondo di tale notorietà a non avere un ‘suo’ musical, e a Giacomo Casanova, uno dei personaggi italiani universalmente conosciuti, ma finora raccontato in una chiave sempre un po’ monotematica, quella del libertino impenitente, mentre io volevo rappresentarlo nelle tante sfumature che fanno di lui una delle figure storiche più interessanti che l’Italia e Venezia in particolare possono vantare. Poeta, alchimista, libertario, diplomatico e “occhi” della Repubblica di Venezia, una figura chiave ai tempi della Serenissima”.

Casanova Opera Pop, ha la regia originale di Emanuele Gamba - la cui esperienza va dalla prosa (è Direttore Artistico del Teatro Goldoni di Livorno), all’Opera (con Claudio Abbado), al teatro musicale (Spring Awakening, I Promessi Sposi di Guardì) - racconta un Giacomo Casanova intorno ai 35 anni di età, quando rientrato dall’esilio fu protagonista e strenuo difensore di Venezia dai giochi di potere che volevano svenderla all’Austria. La storia è soprattutto una storia d’amore, tra Casanova e la bella aristocratica Francesca Erizzo, di cui il tombeur de femmes cade vittima dell’incantesimo d’amore irrimediabilmente. Si alternano sul palco 11 cantanti attori e 10 ballerini acrobati che, attraverso le coreografie di Martina Nadalini e Roberto Carrozzino, interpretano a seconda del momento: le Ombre, i Veneziani al Carnevale, i Nobili in festa e momenti corali della storia con oltre 30 cambi scena che Red ha realizzato personalmente, attraverso un allestimento scenico immersivo, fatto di fotografie scattate nella Venezia deserta durante la pandemia e trattate al computer in modo da restituire ambientazioni della città e dei suoi luoghi nel periodo settecentesco, dai bacari, alle calli, dai Palazzi della nobiltà alle Cattedrali, da Piazza San Marco, alla prigione dei Piombi.

Oltre a Red, Direttore Artistico, tutta la famiglia risulta coinvolta nel progetto, dalla moglie Beatrix Niederwieser, che segue tutti gli aspetti operativi, alla figlia Chiara, Assistant Director, vocal coach e walk-in cover di tre personaggi, al figlio Phil Mer che ha arrangiato le composizioni.

Interpreti principali Gian Marco Schiaretti nel ruolo di Casanova, giovane nuovo talento dalla voce molto dotata; nella parte di Francesca Erizzo, la giovane Angelica Cinquantini, già attrice bambina in Quo vadis baby e poi nella fiction televisiva I Cesaroni. Nel ruolo del malvagio Inquisitore Pietro Garzoni, pronto a tutto per il potere, Gipeto ovvero Marco Brancato; in quello della perfida Contessa von Steinberg, nobile austriaca pronta a tessere trame mortali pur di inseguire i propri interessi la brava Manuela Zanier.

Lo spettacolo punta molto sull’aspetto inedito e romantico di un Casanova che appare trasformato dopo l’esilio e più maturo rispetto alle disavventure che spesso ne vengono narrate, fedele gonfalone della sua città e in fondo pronto a cambiare registro e ad innamorarsi.