INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6573
Articoli visitati
4733315
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 novembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA CRISI DEL MONDO DELLO SPETTACOLO E DELLE NOSTRE ABITUDINI.

Editoriali
mercoledì 9 novembre 2022 di Silvana Carletti



Segnala l'articolo ad un amico

Dopo il dramma del Coronavirus, sono cambiate purtroppo e necessariamente le abitudini dei cittadini italiani, anche per quanto riguarda le uscite e le frequentazioni di cinema e teatro.

Oltre a ciò, si sono aggiunti timori per pericoli più o meno frequenti nell’ uscire di sera con rientro a notte spesso inoltrata, dati i fatti di cronaca che si moltiplicano continuamente.

L’uso ininterrotto di Tv e computer che possono, all’emergenza, sostituire spettacoli e notizie stando comodamente in casa propria sdraiati su di un divano, ha completato il tutto.

Si parla spesso dell’effetto “capanna” provocato dal Covid 19 che ci aveva costretti a restare in casa tutto il giorno, obbligandoci a creare “un piccolo mondo personale” nel proprio domicilio che poteva, a mala pena, sostituire l’ambiente lavorativo e la vita quotidiana precedente, al di fuori della propria residenza. Così, anche dopo la riapertura di teatri, cinema, locali e quant’altro, il ritorno alla normalità è ancora difficile e lento a decollare.

Le conseguenze sociali ed economiche di questa situazione possono essere facilmente individuabili.

Tutti noi speriamo in un rapido ritorno al recente passato, nonostante una guerra alle porte e il peggioramento delle condizioni di vita che ci impongono continui sacrifici.

Purtroppo, corsi e ricorsi storici ci insegnano che possono comparire, all’improvviso, problemi e situazioni imprevedibili ed inimmaginabili e ripetersi nel tempo. Non per questo, dobbiamo perdere ogni speranza e continuare a lottare per una vita normale che, oggi, ci appare come un miraggio e che, probabilmente, non abbiamo mai apprezzato abbastanza.