INFORMAZIONE
CULTURALE
Ottobre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5450
Articoli visitati
4432501
Connessi 5

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
26 ottobre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

FARMACISTI IN TRINCEA


sabato 14 marzo 2020 di M. Elena Canzoni

Argomenti: Opinioni, riflessioni


Segnala l'articolo ad un amico

Paracelso insegna: "Tutto è veleno: nulla esiste di non velenoso. Solo la dose fa in modo che il veleno non faccia effetto."

Così il caduceo di Hermes, simbolo di pace e prosperità, venne raffigurato sulle insegne di tutte le farmacie italiane.

Nel nostro Paese esso è tutt’ora l’emblema del farmacista e può essere interpretato con i due serpenti che rappresentano uno la dose terapeutica e l’altro la dose tossica, il veleno. Il farmacista è raffigurato con il bastone alato che si eleva sopra le parti in quanto conoscitore dell’una e dell’altra. In breve, è l’unico in grado di frapporsi tra il farmaco e il veleno dal momento che conosce il giusto dosaggio.

Siamo in piena pandemia globale, provocata dal virus Covid 19 che sta colpendo tutto il pianeta , in particolar modo l’Italia. E se è vero che lo Stato è nelle mani della scienza , è altrettanto vero che il microcosmo di ogni cittadino è molto aiutato anche dal lavoro di tutti i farmacisti che rivestono un ruolo centrale per la tutela della salute, sia per le conoscenze e competenze sia per il rapporto di fiducia che li lega alle persone.

E un esempio virtuoso arriva da una farmacista di Pievebovigliana in provincia di Macerata che, in piena emergenza sanitaria sul territorio, non ha esitato un secondo a spedire di persona un farmaco in esaurimento, ad un paziente di Roma. E ancora un farmacista di Udine che nonostante la situazione ben nota al Nord si è adoperato allo stesso modo con estrema solidarietà e disponibilità.

La battaglia è ancora lunga e sarà vinta proprio come ci ricorda Siracide: “Dio ha dato agli uomini la scienza perché potessero gloriarsi delle sue meraviglie. Con esse il medico cura ed elimina il dolore e il farmacista prepara le miscele. Non verranno meno le sue opere! Da lui proviene il benessere sulla terra (Antico Testamento).

Maria Elena Canzoni