INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3975269
Connessi 16

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Bombardare Roma. Gli Alleati e la “città aperta” (1940-1944) - (Il Mulino, Bologna, 2007)

UNA ACCURATA DOCUMENTAZIONE SU ROMA “CITTA’ APERTA”

Umberto Gentiloni Silveri e Maddalena Carli per Il Mulino, Bologna, 2007
lunedì 14 maggio 2007 di Carlo Vallauri

Argomenti: Guerre, militari, partigiani
Argomenti: Storia
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Umberto Gentiloni Silveri e Maddalena Carli


Segnala l'articolo ad un amico

Umberto Gentiloni Silveri e Maddalena Carli hanno raccolto in Bombardare Roma. Gli Alleati e la “città aperta” (1940-1944), (Il Mulino, Bologna, 2007) una larghissima serie di documenti sulla dibattuta questione dello “status” che si voleva attribuire alla capitale italiana per sottrarla alle inevitabili violenze belliche. E gli autori hanno il merito di aver effettuato la ricerca con grande cura, richiamando nel testo (peraltro ricchissimo di fotografie di grande interesse storico) le questioni più delicate e controverse.

Il problema si pone sin dall’inizio della fase cruciale nella guerra nel Mediterraneo, e diverrà impellente per i vari governi (Roma, Berlino, Washington, Londra) esprimere il proprio giudizio. Da parte di comandi militari anglo-americani, al di là di eventuali impegni da assumere (rimessi all’autorità politica), non vi è mai alcun dubbio circa il diritto di effettuare operazioni aeree sulle città, pur consapevoli dell’esigenza di limitare i bombardamenti ad aree strettamente militari, con la massima attenzione per preservare i luoghi appartenenti alla Santa Sede ed i siti artistici. Le carte e le foto rivelano l’attenzione prestata al riguardo anche nel caso del primo bombardamento di Roma (19 luglio ‘43), la più importante azione aerea sino allora effettuata nell’intero fronte mediterraneo.

JPEG - 11.5 Kb
Bombardamenti a San Lorenzo

La dichiarazione di “città aperta”, emanata dal governo Badoglio, subito dopo la sostituzione di Mussolini, avrà in effetti ben scarso valore pratico, perché non varrà a evitare gli altri bombardamenti nell’agosto ’43 e nell’inverno ‘44. Molto preoccupata la corrispondenza intercorsa tra governi e centri militari e diplomatici per definire i termini dell’eventuale accordo diretto a garantire la salvezza di Roma: in effetti il Comando alleato teme che si possa raggiungere un’intesa di cui sarebbero i tedeschi ad avvantaggiarsi maggiormente, e si comprende bene la soddisfazione espressa dagli anglo-americani nel momento nel quale, poche settimane prima dell’occupazione della città, diventa evidente che le cose rimarranno sospese come già lo sono state nei mesi precedenti. Naturalmente alla soluzione o meno di un accordo era molto interessato anche il movimento della resistenza partigiana: pertanto si comprendono le pressioni discrete esercitate da parte vaticana (agendo sulla D.C.) per indurre alla rinuncia a iniziative che avrebbero potuto trasformare la città in un campo di battaglia. Accenniamo all’argomento per il suo rilievo, ma naturalmente è ultroneo rispetto al contenuto di questo libro, ed infatti non viene neppure accennato (nell’autobiografia del dirigente D.C. Giuseppe Spataro ve ne è comunque traccia.

JPEG - 6.4 Kb
Pio XII tra la folla a San Lorenzo

Le autorità britanniche tengono a ricordare, nella corrispondenza riportata nel libro, come il governo italiano abbia “voluto” partecipare al bombardamento di Londra assieme ai tedeschi (in altro documento si sottolinea come i bombardamenti contro le città italiani del Nord siano molto più potenti rispetto agli stessi attacchi aerei contro l’Inghilterra), e da un altro lato ricordano che il Vaticano non ha mai espresso indignazione per i bombardamenti inflitti da Hitler alla loro isola. Quindi i documenti forniti e il loro inquadramento molto preciso da parte degli A. costituiscono una vera rarità, di cui va dato atto a Gentiloni Silveri e a Carli, dei quali ho apprezzato altresì la dedica del libro a Filippo Mazzonis, che è stato mio amico e valoroso assistente all’Università La Sapienza negli anni ’70. Raccomando infine il testo ai giovani ricercatori per la scrupolosa metodologia seguita dagli autori.

Le foto sono prese dal sito Vivisanlorenzo che vi inviamo a visitare per ulteriore e più precisa documentazione, cliccando qui