https://www.traditionrolex.com/30 LA MORTE DI SILVIO BERLUSCONI-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Maggio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7817
Articoli visitati
5595235
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
27 maggio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LA MORTE DI SILVIO BERLUSCONI

Tra commozione e ipocrisia
lunedì 12 giugno 2023 di Silvana Carletti

Argomenti: EDITORIALE


Segnala l'articolo ad un amico

Come avviene ogni volta che una persona famosa scompare, le reazioni sono le più disparate.

C’è chi lo ha sempre seguito nelle sue idee e, spesso, glorificato, ma c’è anche chi non ha mai condiviso il suo operato, per motivi i più diversi e lo ha combattuto, fino agli ultimi giorni della sua esistenza.

Ciò che, risulta, comunque, insostenibile e condannabile è la falsità con cui ci si mostra affranti, pur di apparire nei media, inventando, magari, presunti rapporti di amicizia, di ammirazione, di partecipazione e così via….

Viene in mente, a questo punto, il riferimento alla poesia “La quercia caduta” di Giovanni Pascoli che mette in rilievo la debolezza umana, comune a molti di noi, con cui si elogia qualcuno soltanto “post mortem” , dimenticando il giudizio che si aveva di quella persona quando era in vita.

Anche se la fama e l’importanza di un uomo politico necessitano, probabilmente, di un grande rilievo mediatico, sarebbe preferibile evitare giudizi eccessivi e stendere un velo di “pietas” cristiana su chi, per la legge inesorabile della vita umana, lascia questo mondo, affidandosi, come avverrà per ognuno di noi, al giudizio divino.

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30