INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6702
Articoli visitati
4767786
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
6 febbraio 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

UNO SPLENDIDO INEDITO DI BATTISTELLO CARACCIOLO


lunedì 23 gennaio 2023 di Achille della Ragione

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

Lo splendido dipinto di cui ci occuperemo in questo articolo, raffigurante la Fustigazione di Cristo (121-167), conservata nella famosa collezione Terragno di Lecce, rappresenta un’importante aggiunta al catalogo di Battistello Caracciolo, soprannominato il Patriarca bronzeo ed avrebbe meritato di essere esposto alla mostra sull’artista che si è tenuta di recente nella sala Causa del museo di Capodimonte.

La collocazione cronologica del quadro va posta in un momento delicato del percorso stilistico dell’artista, quando, conclusa la parabola più strettamente caravaggesca, il pittore entra in una fase più contenuta in cui l’adesione alla poetica naturalistica è temperata da ripensamenti ancora in chiave tardo manieristica e da una generale tendenza alla riorganizzazione sistematica degli elementi della composizione, per cui è probabile una datazione successiva al 1618, perchè, nonostante una ancora evidente derivazione caravaggesca, la luce si fa meno tagliente ed evidenzia in modo più avvolgente le figure, che a loro volta mostrano già un interesse del maestro verso i tipi fisionomici del Ribera.

JPEG - 18.3 Kb
Particolare

Per chi volesse approfondire la biografia del celebre artista consiglio i lettori di digitare su internet il titolo di un mio saggio, che fu pubblicato tempo fa sulla rivista Napoli nobilissima: Battistello Caracciolo il primo seguace napoletano di Caravaggio.