INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6702
Articoli visitati
4767843
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
6 febbraio 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

INDISCUTIBILE E LODEVOLE OPERA DEL COMMISSARIO LEGNINI.

Inspiegabile la sua sostituzione
venerdì 6 gennaio 2023 di Silvana Carletti

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Fin dalla sua nomina a Commissario per la ricostruzione post scisma del 2016, il Senatore Giovanni Legnini ha apportato una vera e propria ventata di rinnovamento, di semplificazione della eterna burocrazia, dedicandosi completamente al bene di una popolazione sofferente, recandosi nei luoghi terremotati, intervenendo personalmente nei casi più drammatici e, soprattutto, emanando frequenti ordinanze e decreti che hanno accelerato, in maniera inconfutabile, il lento iter che ancora vedeva e vede fermi, da anni, interventi di ricostruzione in altre regioni italiane.

La sua sostituzione con il Senatore Guido Castelli, certamente all’altezza del prestigioso ruolo, sarà senz’altro positiva, ma andranno perdute tutte le esperienze precedenti, i contatti con le persone e le loro difficoltà, le visite ai cantieri effettuate, altre nuove idee e proposte che fanno parte del patrimonio culturale e tecnico esclusivamente personale di chi dirige un gravosissimo impegno.

Si dovrà ricominciare da capo, sicuramente con esiti positivi, ma ci vorrà del tempo e le abitazioni terremotate, i monumenti, le chiese subiranno un fisiologico ritardo che si riverserà negativamente sui luoghi del sisma.

Di seguito, alcuni, tra i principali interventi effettuati dal Commissario Legnini (Impossibile elencarli tutti ed in continuo aggiornamento)

Delle 23.000 richieste, sono state approvate 14.324 con la concessione di 4,3 miliardi di contributi.
I cantieri autorizzati sono 7.256.
Le unità immobiliari riconsegnate alle famiglie: 16.520 (92% residenziale- 8% produttivo.)
Stanziati 768 milioni di euro di spesa effettiva, aumentata rispetto al 2020 e al 2021.
Sono stati chiusi 365 cantieri pubblici raddoppiati rispetto ai precedenti. Il numero dei cantieri aperti 316, è destinato a crescere, grazie ai 525 interventi previsti nel cratere Nex-Appennino e al fondo complementare al PNRR per le aree sisma. Anche se il momento difficile, se non drammatico che attraversa il nostro Paese rende tutto più difficoltoso, non cessa il lavoro costante di ricostruzione e di ripristino di una vita normale per le popolazioni vittime di inevitabili tragedie.

A questo punto, perché cambiare il ruolo di una autorità così efficiente?

Anche con i Presidente Draghi, apprezzato e stimato dal mondo intero, ci si comportò allo stesso modo…

Misteri della politica…o quasi. A volte, sarebbe saggio ricordare il proverbio: "Squadra che vince, non si cambia"

Auguri, comunque, al nuovo Commissario dal nostro giornale e dai nostri visitatori.