INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2023



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6702
Articoli visitati
4767843
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
6 febbraio 2023   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: SPETTACOLI


L’UOMO PIU’ CRUDELE DEL MONDO

ALL’AMBRA JOVINELLI
giovedì 1 dicembre 2022 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Dal 30 novembre all’11 dicembre al Teatro Ambra Jovinelli va in scena L’uomo più crudele del mondo, scritto e diretto da Davide Sacco. Straordinari interpreti di questo sorprendente atto unico sono, Lino Guanciale e Francesco Montanari, il primo nei panni di Paolo Veres, imprenditore schivo e senza scrupoli, proprietario della più grande industria di armi d’Europa, Francesco Montanari, un giovane giornalista di una testata locale scelto per intervistarlo.

Più che un’intervista, lo scambio si trasformerà in una riflessione sul senso della giustizia e della morale e sul significato della parola umanità.
Il dialogo diventa serrato e incalzante, l’intervistato e l’intervistatore si scambiano continuamente i ruoli in un crescendo interrogativo finché le parole dell’industriale: - Lei crede ancora che si possa andare avanti dopo questa notte… lei crede che questa vita domani mattina sarà la stessa che viveva prima? - invertono la rotta del racconto.

Il drammaturgo e regista Davide Sacco ci costringe a riflettere: Dove si può spingere a crudeltà umana? Qual è il limite che separa una brava persona da una bestia? Dove ci può portare l’istinto se lo lasciamo prevalere sulla ragione? Domande che lo hanno guidato per la stesura del testo e per la direzione degli attori.
Lo sporco, la “feccia” di cui parlano i protagonisti, emerge gradualmente sulla scena fino al coup de théâtre finale lasciandoci con un interrogativo sulla natura del genere umano.

JPEG - 27.8 Kb
Lino Guanciale e Francesco Montanari

Uno spettacolo attuale, contemporaneo, dai temi attuali che coinvolgono gli spettatori sul filo di un crescente pathos.