INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6594
Articoli visitati
4737817
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
5 dicembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

HANNO SBAGLIATO IL MOMENTO

La smania di potere fa brutti scherzi
mercoledì 27 luglio 2022 di Silvana Carletti

Argomenti: Politica


Segnala l'articolo ad un amico

Mentre l’Italia sta andando letteralmente a fondo per enormi problemi politici, economici, sociali e morali, costringere alle dimissioni un Capo del governo dello spessore di Mario Draghi, stimato in tutto il mondo e supervalutato dall’Europa, danneggerà milioni di Italiani che, a tutt’oggi, non riescono ad arrivare alla fine del mese o, in numerosissimi casi, a sopravvivere.

Approfittando della scintilla (alla fine rivelatasi “innocua” dei 5 Stelle) per sfiduciare il Presidente Draghi, la scelta fatta all’ultimo momento dal Centro Destra, può costare loro cara nelle prossime ed imminenti elezioni, in quanto gli Italiani che dovranno subire ulteriori sacrifici insopportabili, non dimenticheranno, al momento di votare, chi ha pensato soprattutto alla propria convenienza politica, invece del miglioramento progressivo e costante del popolo italiano. Anche se il governo Draghi può aver commesso dei ritardi o degli errori, l’esperienza e la preparazione politica di un leader super partes non può essere messa in discussione da nessuno.(Nei sondaggi italiani primo nelle preferenze).

Precorrendo i tempi e stando alle previsioni, se, il Centro Destra avrà una strepitosa vittoria, Il probabile scenario possibile potrebbe vedere Salvini come Capo del Governo, Giorgia Meloni, Ministro degli interni e…Silvio Berlusconi…futuro presidente della Repubblica (Sic!) (sogno mai abbandonato e ammesso, a suo tempo, dallo stesso Cavaliere).

E’ facile, per chiunque, immaginare che i rapporti tra Salvini (o Meloni) con l’Europa, non potranno essere idilliaci come quelli con Draghi. Non dimentichiamoci che con l’immigrazione costante nel nostro Paese, a suo tempo, Salvini non riuscì ad ottenere nulla dall’Europa, anzi, ebbe pure una denuncia, in Italia, per sequestro di persona: caso ancora irrisolto….Ed è indiscutibile che, senza una divisione “europea” degli sbarchi, il nostro Paese non riuscirà mai a risolvere questo grave problema.

E gli enormi aiuti economici da parte della UE saranno mantenuti? Il nostro debito pubblico che fine farà? In questo caos generale, saremo in grado di stilare una ccrretta legge di bilancio?

Inoltre, una volta aboliti, probabilmente, i bonus, il reddito di cittadinanza inviso dalla destra, i provvedimenti a pioggia voluti dal Governo Draghi, i cittadini meno abbienti chi voteranno?

Da sempre, si sa, la fretta è cattiva consigliera e, a nostro parere, il Centro Destra, per dirla con un proverbio “si è dato la zappa sui piedi”, anche perché, se le elezioni avverranno ad ottobre, le conseguenze e le ferite della caduta del Governo in un momento drammatico come l’attuale, mai verificatesi fino ad ora, per la maggioranza degli Italiani, saranno ancora aperte..

Anche questa volta “il generale Agosto” ha avuto la meglio (Papeete docet), intendendo con questa espressione che i cambiamenti più macchinosi, meno pubblicizzabili mediaticamente e quindi compresi dal popolo), avvengono in genere quando la maggior parte degli italiani va in vacanza e stacca la spina dai problemi personali e “politici”.

Quest’anno, però, a quanto pare, le vacanze saranno, ahimè, ridotte all’osso e rese complicatissime da scioperi, mancanza di denaro ed il perpetuarsi della pandemia che non era previsto.

Non è detto, quindi che i futuri elettori (da sempre, sovrani), dimentichino o sottovalutino comportamenti ed azioni recenti e che sicuramente, si riveleranno dannosi e di difficile soluzione per il futuro.

Purtroppo, ormai, lo strappo è stato fatto ed è tempo, come si predica da sempre tra i politici, “Che ognuno si prenda le proprie responsabilità”