INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5493
Articoli visitati
4448826
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
3 dicembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

A WORLD WITHOUT BEES - UN MONDO SENZA API

Come faremo senza la loro waggle dance?
mercoledì 28 ottobre 2009 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Mondo


Segnala l'articolo ad un amico

La mia amica Margaret, una gentile signora inglese, mia ha regalato un libro molto interessante, “A world without bees”, scritto da una giornalista del Guardian, Alison Benjamin, in collaborazione con Brian McCallum. In esso si analizza uno strano fenomeno denominato Ccd, cioé Colony collapse disorder, responsabile della scomparsa di milioni di api. 10000000000001F4000001BD257FD028Negli USA il primo a dare l’allarme è stato un apicoltore, Dave Hackenberg, che nel 2006 trovò tutte le arnie completamente vuote, dopo averle trasportate in California per usarle nell’impollinazione per la coltivazione delle mandorle. Nessuna traccia di api morte: sparite!

Lo stesso accadde in Gran Bretagna nel 2007 ad un altro apicoltore, John Chapple, che definì il fenomeno ”sindrome della Marie Celeste”, una nave misteriosamente scomparsa nell’Atlantico alla fine dell’800. A quanto pare le api continuano a sparire in diversi paesi del mondo. A Taiwan, per esempio, ne sono scomparse 10 milioni in due settimane! Gli scienziati stanno ora cercando le cause di tutto ciò e diverse ipotesi sono state prese in considerazione. Secondo il patologo Peter Newman, il colpevole è un acaro parassita, chiamato “Varroa destructor”, secondo altri invece è il virus IAPV, trovato nelle arnie colpite da Ccd.

10000000000001F40000017434D41D56Diversi studiosi comunque sono giunti alla conclusione che stress, inquinamento e pesticidi (soprattutto quelli contenenti una dannosa nicotina) indeboliscono il sistema immunitario delle api e disturbano le loro capacità di memoria, comunicazione e orientamento, ostacolando quindi il ritorno alle arnie e causando poi la loro morte.

L’impollinazione su scala industriale impone ritmi frenetici a questi poveri insetti che vengono trasportati da un luogo all’altro, sballottati e accatastati sui camion, senza un po’ di riposo, senza tregua, con l’obiettivo di lauti guadagni. Un tempo gli apicoltori le lasciavano in pace almeno d’inverno, ora invece le ingannano portandole continuamente in luoghi caldi. E come se non bastasse,essi nutrono le api regine con proteine ed integratori per costringerle a deporre più uova e ottenere così un maggior numero di operaie che a loro volta, con l’uso di ferormoni sparsi nelle arnie, sono indotte a pensare che ci siano molte larve da nutrire e quindi a lavorare di più per procurare una maggiore quantità di cibo.

10000000000001F4000000DFDC50512ELe api vengono pertanto considerate come macchine senza alcun rispetto per il loro ciclo vitale e il riposo. Colpito da tutto ciò, Il prof. Jurgen Tautz, nel suo libro “Il Ronzio delle Api”, ha messo in rilievo la loro inquietante intelligenza collettiva ed ha affermato che esse, creature molto sensibili, non possono assolutamente essere trattate come si fa oggi.

Il libro di A. Benjamin contiene interessanti notizie sulla storia delle api attraverso i secoli e altre dettagliate informazioni, come la descrizione della “waggle dance”.

Karl von Frisch, Premio Nobel nel 1973, svelò il mistero dell’incredibile danza delle api, un sistema per comunicare tra loro ed indicare alle compagne il luogo in cui trovare nettare e polline, cioè l’esatta posizione dei fiori rispetto al sole. La Natura non finisce mai di stupirci!

Albert Einstein affermò: - Se sparissero tutte le api dalla Terra, allora l’Uomo avrebbe soltanto quattro anni di vita. Niente impollinazione, niente piante, né animali, né uomini -. auguriamo davvero che ciò non avvenga!

Concludendo, dunque, le api stanno segnalando una drammatica crisi ambientale che non va sottovalutata. Riusciremo a cogliere il significato del loro messaggio e a trovare una strada che ci riconduca al rispetto per la Natura?