https://www.traditionrolex.com/30 DAL BLOCCO NAVALE AI CAMPI PROFUGHI-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7878
Articoli visitati
5837638
Connessi 26

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 giugno 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

DAL BLOCCO NAVALE AI CAMPI PROFUGHI


lunedì 17 luglio 2023 di A.Profili

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

Dopo tante promesse e l’impegno costante della Presidente del Consiglio la quale, prima delle elezioni, dichiarava che per risolvere il ”problema” immigrazione, era indispensabile e lecito il blocco navale, sparito poi dai suoi discorsi, promettendo un vero e proprio miracolo, la realtà è molto diversa…

Nonostante continui viaggi all’estero per trovare soluzioni condivise e poco seguite dall’Europa, alla fine, mentre sono aumentati a dismisura gli sbarchi anche giornalmente, Giorgia Meloni ha trovato il metodo giusto per frenare quella che attualmente viene definita “un’invasione”:

“Pagare il Governo della Tunisia per creare una specie di campi di concentramento profughi (tutti da verificare), a spese dell’Europa…”.

Ammesso e non concesso che tale proposta, osannata da media, si realizzi, resta il fatto discutibile che questa soluzione appare come la scoperta dell’acqua calda, essendo una estrema ratio che anche i più sprovveduti pensatori avrebbero potuto immaginare.

Resta da vedere come quegli esseri umani saranno collocati e rimane indelebile ed ingiustificabile, la responsabilità morale di migliaia di morti abbandonati al loro destino in mare, di cui 289 bambini deceduti in sei mesi….

E’ proprio il caso di concludere con “Tra il dire e il fare, c’è di mezzo il mare”

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30