INFORMAZIONE
CULTURALE
Novembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5479
Articoli visitati
4445070
Connessi 12

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 novembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Passione d’Egitto

Cronaca e osservazioni su un viaggio culturale nella primavera del 1996
mercoledì 25 marzo 2009 di Arturo Capasso

Argomenti: Opinioni, riflessioni
Argomenti: Ricordi


Segnala l'articolo ad un amico

Quest’articolo ha una storia particolare; ad aprile 1996 appena tornato dall’Egitto lo inviai a Italo Carlo Sesti con una ricca documentazione fotografica. Purtroppo alla Scena le cose precipitarono e il mio servizio andò smarrito. Solo qualche giorno fa ho avuto la gioia di trovare in un cassetto di casa la copia delle foto, tutte scattate da Rita Murolo, alcune delle quali sono riportate in quest’articolo.

Biblioteca Alexandrina

E veniamo alla passione d’Egitto. Sono andato, con un gruppo dell’Aldus Club, al Cairo e ad Alessandria; ciascuno di noi ha portato un libro in dono alla Biblioteca Alexandrina, come aveva suggerito Umberto Eco, che è il presidente del Club.

JPEG - 23 Kb
Diploma di Arturo Capasso
per la donazione di libri alla Biblioteca di Alessandria

Io ho regalato, fra l’altro, il volume I luoghi costieri del Mediterraneo, curato da Massimo Rosi e Ferdinando Jannuzzi Mi è sembrata un’occasione favorevole per far conoscere la nostra attività. Oltre tutto, i nostri interlocutori sono rimasti molto interessati al saggio su Ibn Khaldùn, morto proprio in Egitto nel 1406.

Abbiamo dimostrato di essere sensibili alla loro cultura e a questo grande uomo del Mediterraneo, che ha anticipato di alcuni secoli lo studio dei cicli storici e dell’avvicendamento dialettico dei gruppi conquistatori.

Quando ho visitato la Biblioteca Alexandrina, era già calata la sera ed il Ramadan era stato osservato da milioni di cittadini.

Entrando in quel Tempio della cultura, ho pensato a Beethoven. Perché? Ecco, ho ascoltato idealmente le note della Nona e mi sembrava di “sentire” mille voci, mille cori che si elevavano al cielo con l’Inno alla Gioia.

Anche quella era una gioia. Un miracolo che ti portava a millenni addietro, al “fare” della cultura. Un abbraccio ideale col passato… E questo è stato uno degli aspetti positivi ed esaltanti della “missione” d’Egitto.

JPEG - 16.7 Kb
Umberto Eco
Un momento della cerimonia ufficiale alla Biblioteca di Alessandria

Non sto qui a parlare del più e del meno, di impressioni che possiamo leggere in qualsiasi diario di un modesto viaggiatore. Niente di tutto questo.

Ma c’è qualche altra cosa. Mi sono chiesto: devo parlarne? Ne ho il diritto? O forse sarebbe meglio tacere? Il dovere prende la mano: guai a stare zitto. Spunta l’imperativo categorico.

Inquinamento

Sono rimasto affascinato dalle testimonianze millenarie: e chi non lo sarebbe? Ma sono rimasto – e sono terribilmente angosciato – per la vista di ogni giorno. Non voglio parlare d’una politica urbanistica inesistente. Case iniziate e lasciate con pilastri all’aria, scatoloni abnormi e mostruosi. E’ un paesaggio triste, cupo, inquinato, anche se rallegrato da ragazzi che giocano, da pastorelli che guidano delle caprette, dall’asinello bello carico e dal cammello sempre brontolone.

Purtroppo le coste dei canali del Nilo sono inondate da sacchi di plastica variopinta. Si sovrappongono, crescono, scendono verso l’acqua. Li troviamo nel Mediterraneo. Altri sono bruciati ed allietano col loro profumo quanti stanno intorno. E l’aria è sempre più inquinata. Quando ho fatto tali semplici osservazioni ai miei compagni di viaggio, c’è stata quasi una generale levata di scudi.

- Una signora ha detto: “E non ti rendi conto che i fiumi inquinati ci sono anche da noi?”.
- Un’altra: “Ma non ha visto che succede in India?”.
- Un terzo ha concluso sicuro: “Nello Yemen ci sono montagne di rifiuti a cielo aperto”.

Non avrei mai immaginato, allora, che la mia città Napoli sarebbe sprofondata in montagne di monnezza nauseabonda, coprendoci di vergogna e dolore.

Ma io non m’aspettavo di vedere il “sacro” Nilo ridotto ad una pattumiera. Quello è “anche” il mio fiume.

Vladimir Majakovskij nel suo poema Khorosciò cantava: “Nella mia automobile / I miei deputati”.

Io vorrei vedere lungo il “mio” Nilo i miei amici in meditazione, in contemplazione, non indaffarati a buttare veleno. L’uomo è padrone del suo destino. Ma l’egiziano può agire come crede o ha piuttosto dei doveri “sacri”?

Chi glielo dice? In passato c’erano le stesse abitudini, ma non c’era l’inghippo di prodotti chimici.

E adesso non arriva neppure più il limo, imbrigliato in grossi bacini artificiali.

L’acqua è povera: per l’agricoltura ci vogliono i concimi… Chi lo dice che andiamo male? Ho deciso, parlano le vittime

Il Nilo

Io Nilo protesto fermamente. Non è più possibile, mi buttano addosso buste di plastica con roba dentro: non è una distrazione di qualcuno, è una distruzione di massa. Vergogna. Mi state ammazzando e non ve ne rendete conto. A poco a poco, inesorabilmente. Prima, almeno, era diverso: ortaggi, papiri, merda, tutto prendevo: sono la vostra madre lo sono sempre stata.

Ma oggi il vostro progresso infernale sta rovinando la mia vita. Non capite? Questa è anche la vostra vita. Stupidi!”.

Un mondo antico

Prima di dare la parola alle Piramidi, vorrei dire due parole sull’Egiziano. È paziente, operoso. A piedi, sull’asinello, sul cavallo, sul cammello. È lui. Lo stesso che andava prima, molto prima. Le mercanzie sono esposte in modo semplice, trasandato.

I ragazzi s’inventano giochi nei campi, negli spazi vicino alle palazzine fatiscenti, nei vicoli, lungo le viuzze.
- Ma non è solo e tutto qui.

Auto, camion, furgoni traballanti che trasportano uomini, donne, animali. Tante formiche. Volti antichi, simpatici, insistenti, invitanti, accattivanti, vocianti.

Le Piramidi

“… Quaranta secoli vi guardano”, disse Napoleone. Quando furono costruite, le Piramidi dovevano avere uno splendore eccezionale. Tutto verde intorno. La desertificazione ha portato la sabbia a sbattere sulle pareti, le ha graffiate, ingrigite.

Come mai non si è pensato ad una “faraonica” opera di recupero, riportando il verde intorno? Ecco, ce l’ho davanti la piramide. Muta, No, parla:

“Sono passati i millenni, i secoli e sto ancora qui: Vi guardo, vi agitate, dormite, vi uccidete. Io sto qui. E voi? Siete piccoli, molto piccoli. Non siete neppure capaci di togliermi questa polvere che non mi lascia respirare. Siete tanti moscerini che mi girate intorno, venite da tutto il mondo. Guardate me, noi tre, la Sfinge. Che volete? Più avanza “il progresso”, più s’accorciano le distanze, più numerosi siete qui.

Il vostro vociare frenetico, le foto, sì le foto per “immortalare” il momento magico che state vivendo, l’aria che mi buttate in faccia e che arriva fino alla cima.

E, come se non bastasse, mi arrivano dai vostri mezzi i gas di scarico. Perché non tornate al cammello? Siete esigenti. Ma voi finirete male, ve lo dico io. Io che ne ho viste tante…”.