INFORMAZIONE
CULTURALE
Agosto 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6376
Articoli visitati
4697223
Connessi 6

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
12 agosto 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

NASCE DMO ESQUILINO COMUNITA’ PORTA DI ROMA

PROGETTO TURISMO RIGENERATIVO
giovedì 7 aprile 2022 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Attualità


Segnala l'articolo ad un amico

A Palazzo Merulana, il 23 marzo 2022 è stato presentato un progetto di turismo che apra la Porta ai visitatori di Roma attraverso una più stretta relazione con la comunità locale, alla scoperta di esperienze differenziate da vivere e condividere. Un turismo differente da quello tradizionale che ha come punto di partenza la DMO ES.CO Esquilino Comunità, Porta di Roma, Destination Management Organization dedicata al quartiere Esquilino, ammessa al finanziamento dalla Regione Lazio nell’ambito dell’avviso pubblico per l’attuazione di interventi a sostegno delle destinazioni turistiche del Lazio.

A presentarla alla stampa questa mattina a Palazzo Merulana è stata la presidente della neonata DMO, Letizia Casuccio, affiancata dalla Destination Manager Michela Valentini, con gli importanti contributi di Maria Elena Rossi - Dir. Marketing e Promozione ENIT - Agenzia del Turismo; Lorenza Bonaccorsi - Presidente Municipio I di Roma Capitale; Mariano Angelucci - Presidente XII commissione capitolina permanente; Valentina Corrado - Assessora al Turismo, Enti Locali, Sicurezza Urbana, Polizia Locale e Semplificazione Amministrativa della Regione Lazio.

Si è scelto Palazzo Merulana, incarnazione del coraggio di “compromettersi” accogliendo nuovi flussi e nuove influenze, senza per questo rinunciare alla storia e all’identità̀ di un quartiere che ha cambiato pelle, da zona nobile a degradata e oggi definita nelle guide turistiche come quartiere cool della Capitale, tappa alternativa imperdibile, quartiere multiculturale, grazie agli interventi di rigenerazione urbana degli ultimi anni, donando una nuova veste alla piazza e al giardino di piazza Vittorio, ai luoghi storici e nuovi dell’enogastronomia trasformandola in “meta ambita per pubblico e residenti illustri”.

Come il quartiere di cui si occuperà, la DMO ES.CO è l’unione di varie realtà, enti pubblici come: il Municipio Roma 1, Museo Storico della Fisica, Roma Tre Dipartimento scienze della formazione, ASL Roma 1, La Sapienza Dipartimento storia, disegno, restauro dell’architettura; nonché privati come: l’Associazione Palazzo Merulana, ARCI Roma Aps, PIERRE_ YellowSquare, Associazione TWM Factory, Sport senza frontiere onlus, Lega reg. delle cooperative del Lazio, Inforidea Idee in movimento aps, Piazza Vittorio aps, Ass. culturale arco di Galieno, SL&A, Vivlitalia, ASD la luna e la tartaruga, Palazzo del Freddo, Officina delle culture, Associna - ass.di seconde generazioni italo cinesi. Una compagine variegata che certamente saprà lavorare in un’ottica di apertura verso nuovi ingressi di altri soggetti che vorranno e potranno dare il loro con- tributo.

La DMO ES.CO. rappresenta un progetto di turismo unico, giacché si occuperà di un territorio riguardante un solo Rione a differenza della vastità del territorio di cui si occupano di solito le DMO come ha affermato la presidente Letizia Casuccio - Il contesto offre cosi tante e differenziate risorse da averci fatto individuare subito gli elementi di un progetto di turismo rigenerativo strategico per Roma. Puntiamo sulla nascita di una Cooperativa di Comunità: i cittadini che ne faranno parte saranno i veri protagonisti della DMO, al contempo produttori e frui-tori dell’accoglienza dei turisti. Saranno l’elemento di informazione turistica e di valorizzazione e della cura del Rione stesso-.

Oltretutto l’Associazione ES.CO., nata come Ente del Terzo Setto re, potrà essere un utile strumento di co-progettazione per Roma Capitale. Risorse strategiche per la DMO Esquilino, come ha illustrato la D.Manager Michela Valentini, sono:

- il posizionamento geografico, unico e prezioso. Un dedalo di strade e piazze che dalla stazione Termini arriva al Colosseo. Vale a dire dalla “porta di Roma”, quella stazione ferroviaria a cui approdano 150 milioni di frequentatori in un anno fino ad uno dei monumenti più famosi al mondo;
- una Comunità Ospitale, di matrice multiculturale, che si occupa e preoccupa di strade, cultura, parchi, persone in difficoltà, riti religiosi, attività sportive, ci-nematografiche, eventi, scuole: un volto umano, contemporaneo e solidale che riesce a rispondere con facilità al crescente nuovo imperativo delle destinazioni turistiche: “where your vacation meet your values”;

- la promozione della salute. La DMO Esquilino è forse la sola destinazione che vede tra i suoi soci una ASL. L’azienda sanitaria, impegnata in molti progetti di prevenzione, diventa il centro di un progetto che promuovendo il benessere, anche in vacanza, induce al movimento, alla camminata leggera: dai percorsi di trekking urbano al thai chi di piazza Vittorio al jogging vista Colosseo, sono molte le occasioni per promuovere un turismo più sostenibile.

"Credo che dedicare una DMO ad Esquilino rappresenti una scelta lungimirante e innovativa, uno strumento importante con il quale coinvolgere in primis la grande comunità che abita il quartiere e, assieme, le tante preziose realtà locali, uniti in una grande opera di valorizzazione del territorio - ha affermato Lorenza Bonaccorsi, presidente del Municipio I .

Un territorio che conferma dinamismo e dimostra di avere tutte le carte in regola per diventare ancor più destinazione turistica della nostra regione, grazie alla vitalità, alle ricchezze culturali ed esperienze tipiche di una grande metropoli internazionale e che sia il Municipio che il comune vogliono rilanciare cercando di coinvolgere in un dialogo partecipato e costruttivo tutti i cittadini, soggetti pubblici e privati, che si rendono parte attiva nel meccanismo di cura e rilancio turistico del territorio. La DMO Esquilino deve proporre un modello vincente che deve diramare le sue azioni per la comunità e con la comunità per ricucire il tessuto sociale, rafforzare e trasmettere amore verso i nostri luoghi e poter vincere la sfida di quel turismo di ritorno.

di Patrizia Cantatore