INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4556
Articoli visitati
3914060
Connessi 10

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
24 settembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL
JPEG - 86.2 Kb
Baby-gang

BABY GANG: UN FENOMENO IN CRESCITA NON SOLO A NAPOLI

Analisi delle cause, sia a livello nazionale che internazionale
giovedì 1 marzo 2018 di Giovanna D’Arbitrio

Argomenti: Attualità
Argomenti: Mondo
Argomenti: Politica
Argomenti: Società
Argomenti: Italia


Segnala l'articolo ad un amico

Quando si parla di baby gang e criminalità si mettono in evidenza solo gli effetti, mai le ’cause’ e mi dispiace francamente che si restringa il fenomeno solo a Napoli, quando le periferie ’scoppiano’ sia a livello nazionale che internazionale: a Londra, Parigi, New York ad esempio esiste già da molti anni e anche in tante città italiane di cui non si parla mai.

Purtroppo viviamo in un’epoca in cui denaro e potere predominano insieme ad egoismo, corruzione e violenza. ’Istruzione, Formazione, Lavoro’ potrebbero rappresentare i mezzi per aiutare i ragazzi dei quartieri a rischio e ridurre anche la criminalità.

JPEG - 35.3 Kb
Diritto allo studio

Non si parla mai, inoltre, di dispersione scolastica, né dei cosiddetti ’svantaggiati’ per estrazione sociale che esistono anche nelle scuole dei quartieri più ricchi, né di tanti ragazzi dell’alta borghesia che soffrono di disagi psichici. Ho insegnato sia nel difficile zona di Secondigliano che nel quartiere Posillipo e quindi posso testimoniarlo.

Purtroppo è in crisi la Scuola Statale alla quale tante inutili riforme, apportate da tutti i governi, hanno imposto solo tagli sui costi con verticalizzazioni del personale e accorpamenti, fino ad arrivare agli Istituti Comprensivi dove i più deboli si perdono e i portatori di handicap vengono trascurati. Chi può oggi iscrive i figli alle scuole private e così quelle statali rischiano di diventare dei ghetti. IL DIRITTO ALLO STUDIO spesso nella realtà non viene rispettato.

JPEG - 41.3 Kb
Antonella Di Nocera

Cosa manca dunque nei quartieri a rischio? A questa domanda risponde con un significativo articolo Antonella Di Nocera, insegnante, produttrice cinematografica, nonché assessore comunale a Cultura e Turismo di Napoli, dirigente dell’Associazione Arci Movie di Ponticelli, un progetto integrato tra scuola, cultura e cinema che ha suscitato interesse perfino a livello internazionale (tra i sostenitori anche il grande regista britannico Ken Loach).

Nell’articolo ella sottolinea la mancanza di rispetto verso i “diritti di cittadinanza”: innanzitutto la Scuola Stastale per l’appunto, e poi lo sport, le biblioteche, il trasporto pubblico, gli ambulatori. La Scuola dovrebbe essere “a tempo pieno”, proprio come in tante regioni del centro e del nord Italia. Una scuola con mensa, giardini, biblioteca, palestre e laboratori sempre aperti. Il divario nord-sud in questo paese comincia negli asili nido, nelle scuole dell’infanzia.

JPEG - 50.4 Kb
Laboratorio scolastico

Le esperienze positive in effetti sono poche a Napoli: le solite eccezioni sono demandate alla buona volontà di qualcuno. In crisi anche l’attivismo che un tempo era capace di immergersi nei quartieri a rischio e capirne i problemi. Antonella Di Nocera si chiede ancora a che cosa possano servire le tante chiacchiere sui progetti per i “minori a rischio” se su di essi si costruiscono carriere burocratiche, mentre gli interventi dello Stato diventano solo reazioni ai fatti che avvengono

JPEG - 61.9 Kb
Sport a scuola

Nel concludere la sua analisi ella afferma che “è nato un mondo nuovo in questi ultimi anni, un mondo che non ci aspettavamo e che ci ha colto di sorpresa. Cresciuti con i cellulari come protesi, i nostri ragazzi è come se vivessero più di quanto, nell’epoca non digitale, si poteva vivere nel medesimo tempo.

Nella vita riflessa in uno schermo dove si può vedere il male a ogni istante, si diventa più vecchi e più cinici; tutti, vittime e carnefici. C’è qualcosa che somiglia a una sorta di “assuefazione alla morte” in queste generazioni digitali. E dunque, pensiamoci, e guardiamoli, tutti, questi ragazzi. Non ci accade forse di restare sbalorditi per la loro indifferenza di fronte a episodi gravissimi, come il suicidio del genitore di un compagno di classe, o una lite furibonda tra compagni, come se in fondo, a questo e altro gli occhi e il cuore fossero già abituati. Insomma, il male è già vissuto, sotto la pelle. Ma se alzano lo sguardo, e ci vedi l’anima, eccola lì: quanta inaudita fragilità”. (Qui l’articolo)

JPEG - 48.8 Kb
Baby-gang

La sottoscritta alla fine si chiede, non per polemizzare, ma per far luce sulla realtà dei fatti: “Possiamo dunque affermare che tutto ciò accada solo a Napoli?!”.

Purtroppo i gravi problemi della società attuale si ripercuotono sui giovani: perdita di valori, violenza, effetti del consumismo, incomunicabilità, la crisi della famiglia, la minor attenzione dei genitori verso i figli, diffuso senso di insicurezza ed instabilità, emarginazione, povertà, problemi legati ai flussi migratori, intolleranza, razzismo e così via. L’omologazione dei comportamenti e delle mode in particolare ci colpisce, un’omologazione ormai globalizzata che bombarda i giovani con lo stesso genere di messaggi, di programmi Tv uguali in tutti i paesi, come quiz e reality show, che impongono l’imitazione di falsi miti, modelli superficiali ed inconsistenti oppure deleteri e distruttivi.

Per lo spagnolo Antonio Garcia Correa, professore di psicologia educativa, autore del libro “Una Classe Pacificata”, il fenomeno è dovuto ad una sorta di “analfabetismo emozionale”, una mancanza di educazione ai sentimenti elevati e ai comportamenti civili. I sistemi educativi, insomma, dovrebbero coltivare nei giovani il rispetto di se stessi e degli altri, l’onestà, il senso civico, la solidarietà, la compassione, la gentilezza, la tolleranza. E come potremo educare le nuove generazioni a tutto ciò senza un’evoluzione positiva della società a livello etico e spirituale?

P.S.

Ecco alcuni articoli che evidenziano l’incremento di tale fenomeno a livello nazionale ed internazionale:

- Baby gang a Londra
- A Parigi
- A New York
- In Italia