INFORMAZIONE
CULTURALE
Luglio 2019



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4964
Articoli visitati
4117958
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
16 luglio 2019   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

Rubrica: FILATELIA


Derrik

Petrolio e francobolli

Una passaggiata filatelica nel mondo del petrolio
sabato 15 dicembre 2012 di Odino Grubessi

Argomenti: Filatelia


Segnala l'articolo ad un amico

Sarebbe difficile citare due voci che si sono intrecciate nel tessuto della vita quotidiana più di francobolli e petrolio. Eppure, entrambi, non esistevano in qualsiasi forma riconoscibile prima della metà del 19° secolo.

Introduzione

L’inizio della Rivoluzione industriale nel XVIII secolo segnò una svolta importante nella storia dell’uomo. Spinta dall’energia ricavata dai combustibili fossili (prima il carbone, poi il petrolio e infine il gas naturale), diede il via a un mutamento culturale globale che continua ancora oggi anche se il 25% della popolazione mondiale non ha ancora accesso ai moderni servizi energetici.

Petrolio e gas si sviluppano da resti vegetali e animali, che nel corso degli anni sono stati pressati fra strati di roccia.

L’ubicazione continentale di molti giacimenti è dovuta ai mutamenti del livello del mare nelle ere geologiche.

JPEG - 41.9 Kb
Fig. 1a
Giacimento petrolifero - Libia 1968 – Scott, 338
JPEG - 42.3 Kb
Fig. 1b
Giacimento petrolifero - Libia 1968 – Scott, 339

Di solito si trova sulla terra, ma la corsa all’oro nero ha portato a cercare ed estrarre il petrolio, anche in mare utilizzando piattaforme di perforazione appositamente progettate.

JPEG - 26.9 Kb
Fig. 2
1934, costruzione della prima piattaforma marina a Beamont, Texas - Romania 1999 – Scott, 4315

Questo liquido scuro (nero o marrone) è costituito da idrocarburi con aggiunta di zolfo, azoto, ossigeno, alcuni metalli, e altri elementi. Bruciando, rilascia una grande quantità di calore. Non è redditizio utilizzare il petrolio greggio, ma i prodotti della distillazione e separazione in frazioni. La benzina è stato estratta dal petrolio alla fine del 19° secolo dopo l’invenzione del motore a scoppio.

Petrolio e francobolli

Sarebbe difficile citare due voci che si sono intrecciati nel tessuto della vita quotidiana più di francobolli e di petrolio. Eppure, entrambi, non esistevano in qualsiasi forma riconoscibile prima della metà del 19° secolo.

Il primo francobollo non è comparso in Inghilterra fino al 1840 e la prima torre non ha emesso olio fino al 1852.

Oggi, tuttavia, i due prodotti non sono solo comuni, ma si sono fusi in una serie di francobolli raffiguranti l’industria del petrolio in tutti i suoi aspetti. In particolare, la scoperta del petrolio in Medio Oriente, che rappresenta il 40% della produzione di petrolio del mondo libero, e il 68 % delle sue riserve, ha portato ricchezze inaspettate anche per i collezionisti.

Il primo francobollo al mondo a rappresentare pozzi di petrolio è stato pubblicato nel 1919 dalla Repubblica di Azerbaijan.

Il tema principale di questi francobolli, tuttavia, era il Tempio di Baku, fuoco eterno, che continua l’antica tradizione del fuoco zoroastriano che insieme con l’acqua è un agente di purezza rituale.

Questi primi francobolli litografati sono stati emessi solo in forma imperforata e la registrazione del colore è comunemente piuttosto scarsa.

JPEG - 31 Kb
Fig. 3
Tempio del fuoco eterno, Baku - Azerbaijan - 1919 - Scott, 9
JPEG - 31 Kb
Fig. 4
Tempio del fuoco eterno, Baku - Azerbaijan - 1919 - Scott, 10

Il primo francobollo al mondo che rappresenta un pozzo di petrolio come tema principale è stato emesso nel 1921-22 sempre dalla Repubblica di Azerbaijan.

Esso esiste solo in forma imperforata e mostra il giacimento petrolifero di Bibi Eibatt nei pressi di Baku. Mostra uno spruzzo di petrolio che emerge dalla sommità di un derrick di legno.

JPEG - 15 Kb
Fig. 5
Tempio del fuoco eterno, Baku - Azerbaijan - 1919 – Scott, 9
JPEG - 16.3 Kb
Fig. 6
Spruzzo di petrolio che emerge da un derrick di legno – Azerbaijan - Scott 1922, 17

Tra i primi francobolli mondiali che rappresentano un giacimento di petrolio sono questi due esempi del 1923 emesso dalle Repubbliche Federative della Transcaucasia (Armenia, Georgia e Azerbaijan). Tutti, con vari valori e colori, mostrano un giacimento di petrolio nelle Montagne del Caucaso.

JPEG - 31.6 Kb
Fig. 7
Giacimento petrolifero – Transcaucasia - 1923 – Scott, 30
JPEG - 29.6 Kb
Fig. 8
Giacimento petrolifero – Transcaucasia - 1923 – Scott, 29

Altri francobolli con petrolio non sono stati prodotti fino al 1932. In questo anno e nei seguenti (1939) ci sono emissioni della Colombia anche con varie sovrascritte.

JPEG - 9.8 Kb
Fig. 9
Pozzo di petrolio – Colombia – 1932-39 - Scott, C98
JPEG - 11.3 Kb
Fig. 10
Pozzo di petrolio – Colombia – 1932-39 - Scott, C105

Interessanti anche i francobolli dell’Argentina che mostrano l’estrazione del petrolio da un pozzo in mare.

JPEG - 26.6 Kb
Fig. 11
Pozzo di petrolio in mare - Argentina -1935 - Scott, 444

In Medio Oriente, i primi francobolli a tema olio si sono resi disponibili per venditori e collezionisti, circa 30 anni fa, e da allora hanno offerto ai designer ampi margini artistici che hanno rappresentato quasi ogni fase della produzione e spedizione di petrolio.

JPEG - 29.7 Kb
Fig. 12
Estrazione – Indonesia - 1974 – Scott, 929
JPEG - 26.6 Kb
Fig. 13
Distillazione e raffinazione – Indonesia - 1974 – Scott, 930
JPEG - 28.7 Kb
Fig. 14
Stoccaggio – Indonesia - 1974 – Scott, 935

Impianti di perforazione, onshore e offshore, oleodotti, impianti di lavorazione e raffinerie, serbatoi e cisterne, tutti raffigurati con grande chiarezza.

JPEG - 34.6 Kb
Fig. 15
Piattaforme offshore, onshore e raffinerie - Indonesia, 1997 – Scott 1744 a-d
Fig. 15 - Piattaforme offshore, onshore e raffinerie - Indonesia, 1997 – Scott 1744 a-d

Spesso entra a far parte del progetto una testa di sovrano di una nazione, con indosso la tradizionale kufiya e l’agal, contribuendo a dare colore e carattere al timbro e non lascia dubbi da quale parte del mondo proviene.

JPEG - 20.1 Kb
Fig. 16
Derrick e sultano - Qatar, 2000 - Scott 840
JPEG - 24.3 Kb
Fig. 17
Derrick e sultano - Brunei, 1969 - Scott, 153
JPEG - 24.2 Kb
Fig. 18
Derrick e sultano - Brunei, 1969 - Scott, 155

Talvolta un evento collegato al petrolio è una ragione sufficiente per le autorità postali per rilasciare un altro francobollo a tema petrolio. L’anniversario di una scoperta importante, la messa in funzione di un nuovo impianto, l’organizzazione di una conferenza regionale o mondiale sul petrolio – OPEC o OPEP ad esempio - sono state tutte occasioni per la stampa di commemorativi con il simbolo inconfondibile del petrolio su di loro.

JPEG - 25.4 Kb
Fig. 19
50° - Organization of the Petroleum Exporting Countries – Angola, 2010 - Scott n.c.
Fig. 19 - 50° - Organization of the Petroleum Exporting Countries – Angola, 2010 - Scott n.c.
JPEG - 17.5 Kb
Fig. 22
50° Organization of the Petroleum Exporting Countries - Nigeria, 2010 - Scott n.c.
JPEG - 19 Kb
Fig. 23
50° Organization of the Petroleum Exporting Countries - Nigeria, 2010 - Scott n.c.

Disastri petroliferi

Per disastri petroliferi si intendono i disastri ambientali causati dal petrolio. Ne sono successi molti ma i peggiori sono: quello di Lakeview Gusher in California nel 1911, seguito da quello della piattaforma Deepwater Horizon e conseguente perdita del Pozzo Macondo del 2010 (nel Golfo del Messico) e dal disastro della Guerra del Golfo (nel Golfo Persico nel 1991). Vi sono poi, sempre per importanza del tonnellaggio di petrolio disperso, quello causato dalla la piattaforma petrolifera Ixtoc 1 (nel Golfo del Messico nel 1979-1980) e il naufragio dell’Amoco Cadiz (in Bretagna) nel 1978.

JPEG - 29.1 Kb
Fig. 24
Catastrofe del Golfo del Messico - St Tomè & Principe.
Fig. 22 - Catastrofe del Golfo del Messico - St Tomè & Principe. 2010 - Scott n.c.
JPEG - 31.6 Kb
Fig. 25
Catastrofi petrolifere - St Tomè & Principe. 2010 - Scott n.c.
Fig. 23 - Catastrofi petrolifere - St Tomè & Principe. 2010 - Scott n.c.

Potete vedere innumerevoli francobolli sul petrolio nel mio sito www.geostamps.eu