INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5427
Articoli visitati
4425072
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
28 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LE CERAMICHE DI GUERRINO TREMONTI


venerdì 12 giugno 2020 di Patrizia Cantatore

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

La magia alchemica delle ceramiche di Guerrino Tramonti (1915-1992) nella cornice della Casina delle Civette. Roma, Museo di Villa Torlonia. 11 giugno – 27 settembre 2020

Omaggio al Maestro della Ceramica Guerrino Tramoninti (Faenza 1915-1992) negli spazi intimi ed esoterici della Casina delle Civette di Villa Torlonia, artista ormai storicizzato a cui Roma dedicò già nel 2009 una bellissima mostra a Palazzo Venezia. Le circa 50 opere esposte, tra ceramiche, dipinti e arazzi, dialogano in perfetta simmetria cromatica con le sale del Museo in stile Liberty, i suoi pavimenti e le sue maioliche di rivestimento illuminate dalle bellissime vetrate policrome.

Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Soprintendenza Capitolina ai Beni Culturali e a cura di Maria Grazia Massafra, Raffaela Lupi e Stefania Severi, si avvale del Patrocinio dell’Associazione Italiana Citta della Ceramica(AICC), del Comune di Faenza e del Museo Internazionale delle Ceramiche (MIC) ed è organizzata dalla Fondazione Guerrino Tramonti in collaborazione con Coop. Sociale Apriti Sesamo e Galleria Sinopia di Roma.

Sono trascorsi 10 anni da quando Roma dedicò a Tramonti una bellissima mostra presso il Museo di Palazzo Venezia: le opere esposte attirarono l’attenzione di esperti giapponesi, che avviarono un articolato progetto espositivo itinerante che ha toccato, tra il 2011 e il 2012, le città di Tokyo, Hagi, Nishinomiya e Seto, e si è concluso nel 2013 al Museo Internazionale della Ceramica di Faenza, che custodisce in maniera permanente un importante corpus di sue opere.

Dall’incontro e collaborazione tra la Fondazione Tramonti e la Dott.ssa Raffaella Lupi, titolare della Galleria Sinopia di Roma, è nata l’idea di riportare all’attenzione del pubblico romano Guerrino Tramonti e dare spazio a quella che viene spesso considerata arte minore, che fu terreno di sperimentazione con esiti innovativi ed eccellenti.

JPEG - 33.5 Kb
Disco decorativo con cristallina

La ceramica è ritenuta a torto, materia ad uso esclusivo di oggetti d’uso quotidiano, un cliché non sempre facile da superare, anche se non c’è alcun dubbio che il cratere di Eufronio o il Piatto con civetta di Picasso nulla hanno a che fare con gli utensili da cucina, il dibattito tra gli storici dell’arte sulle cosiddette arti minori che minori non sono, ma anzi dimostrano grande pregio, è tuttora in corso.

JPEG - 19.6 Kb
Scultura in terracotta smaltata

Guerrino Tramonti è un artista malinconico, introverso ed eclettico che mostra di avere affinità con quello che potremmo definire uno “stile giapponese”, mette a punto un materiale nobile e resistente, di struttura salda e d’aspetto raffinato che sostiene forme minimaliste e allo stesso tempo monumentali caratteristiche tipiche della sua ceramica. Predilige le tinte piatte e brillanti, come quelle della ceramica giapponese che digradano in quattro colori di base: i colori brillanti con tutte le tonalità del rosso (aka), colore del sacro, della preghiera, della purificazione e chiarezza, completezza; i colori freddi (ao) che dal blu arrivano al verde e al grigio i colori della vaghezza e dell’immaturità; i colori della luce (shiro) con tutte le varietà del bianco, simbolo della divinità, purezza, limpidezza; infine i colori dell’oscurità (kuro), del mistero, del male, dell’oscuro contrapposto alla luce espressi nell’uso del nero.

JPEG - 18.8 Kb
Brocca smaltata e dipinta in terracotta

In ogni ceramica è ritratta l’anima del suo creatore, nella forma e nella ricerca cromatica, l’artista negli anni Sessanta sperimenta impasti, crea un “grès porcellanato”, arriva ad una nuova policromia, figlia del fuoco e del caso, realizza attraverso le cotture ad alta temperatura una materia preziosa come l’oro, persegue quella via esoterica e alchemica che prima di lui condussero Francesco I de Medici e Augusto il Forte di Sassonia ad investire fortune per raggiungere quella pietra filosofale chiamata “oro bianco”. Cercò l’alleanza con il fuoco e domò la fiamma che determina un colore, una superficie, un cristallo, nell’intento di raggiungere gli effetti preziosissimi delle porcellane orientali, dalle sue sperimentazioni nascevano così oggetti dalle superfici ricche e vellutate, rivestite da magiche sfumature cromatiche, la cui struttura salda e il loro aspetto raffinato concorrono a renderli forme scultoree in ceramica.

Le sue sculture in ceramica realizzate negli anni Sessanta sono collocate magicamente negli spazi della Casina delle Civette, in perfetto dialogo con le vetrate artistiche che tramutano la materia in luce e colore. Nella Dipendenza sono raccolte una selezione di opere che dimostrano l’approccio globale alle arti di Tramonti: dalla pittura, alla ceramica, alla tessitura. Piatti invetriati a cristallina a grosso spessore, dove le immagini sono quasi intrappolate tra la forma il colore e la cristallina. Il pesce, il gatto, la bottiglia di seltz, la tavola imbandita, i profili di donne e molti altri motivi danno vita ad una simbologia e iconografia che dispone in modo diverso ogni volta quasi come catene di immagini, raffigurazioni ermetiche di un suo personale misterioso linguaggio. Che sia una ceramica, un quadro, un arazzo, la sua cifra decorativa è inconfondibile e inimitabile, un’atmosfera fluttuante, onirica, visionaria.

A latere dell’esposizione, si terrà il concorso “Alchimie di terra e di luce – omaggio a Guerrino Tramonti” che vede coinvolte le Scuole d’arte e dei mestieri di Roma Capitale: gli allievi del corso di ceramica 2019/2020 sono stati invitati a elaborare un proprio progetto ispirandosi alla produzione di Tramonti per esaltare le peculiarità della sua opera nel vasto repertorio dei ceramisti a lui coevi.

Orari: Museo di Villa Torlonia
da martedì a domenica ore 9.00-19.00

La biglietteria è presso il Casino Nobile e chiude 45 minuti prima della chiusura.
Biglietti preacquisto obbligatorio online da casawww.museivillatorlonia.it

Ingresso gratuito per i possessori della “MIC Card” previa prenotazione obbligatoria e gratuita 060608. Preacquisto Mic card online