INFORMAZIONE
CULTURALE
Settembre 2020



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 5428
Articoli visitati
4426030
Connessi 9

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
30 settembre 2020   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

LIVING IN AMERICA

Esperienze di vita in viaggio per il mondo
mercoledì 1 giugno 2011 di Michela Orefice

Argomenti: Ricordi


Segnala l'articolo ad un amico

Nel 2006 il carissimo amico professor Arturo Capasso mi fece dono del libro “La democrazia in America”, riguardante il viaggio che il politico e storico francese Charles Henry Clérel de Tocqueville compì negli Stati Uniti nel 1831, con lo scopo ufficiale di studiarne il sistema penitenziario e quello ufficioso di osservare l’America.

PNG - 40.2 Kb
Tocqueville

Alla fine del 1999, alla stessa età di Tocqueville e cioè 25 anni, decisi di partire per gli States motivata dal desiderio di imparare la lingua inglese, di reperire materiale per la mia tesi, di fare un’esperienza di vita e, last but not least, di conoscere il sistema politico e la vita sociale del Paese più potente del mondo. Il mio soggiorno durò diciotto mesi; un tempo sufficiente per capire, ammirare, condividere e dissentire.

Nei primi nove mesi lavorai come cameriera presso un ristorante italiano situato a Palm Bay, vicino Orlando in Florida, e contemporaneamente frequentai un corso intensivo d’inglese presso il Community Brevard College di Coco Beach.

Il lavoro al ristorante mi piaceva perché potevo conoscere (ed osservare) ogni giorno persone nuove. Tuttavia, alcuni clienti lo frequentavano con assiduità, sicché potei approfondire la loro conoscenza. Tra questi c’era Robert, un uomo sui 36 anni, che cenava al ristorante una volta a settimana, il giovedì. Non era un ospite molto gradito perché, essendo obeso, spesso faceva stramazzare la sedia su cui era seduto. Robert accompagnava il suo pasto con della birra, ma il più delle volte non finiva né l’uno né l’altra perché sopraffatto dal sonno. L’obesità é una malattia molto diffusa negli Stati Uniti. Le cause sono riconducibili alle cattive abitudini alimentari, la vita sedentaria, lo stress. 10000000000000C80000012D53D7E199Edward Luttwak, invece, nel suo libro “La dittatura del capitalismo”, fornisce una spiegazione calvinista dell’obesità come “l’attributo del perdente”. Secondo la prima regola del calvinismo, la capacità di arricchirsi corrisponde a santità; mentre l’incapacità di arricchirsi equivale a peccato. I perdenti hanno una scarsa stima di sé e la convinzione di aver fallito nella vita. Per cancellare o mitigare queste idee vanno dalla religiosità ossessiva allo sport, l’alcol, la droga, ma soprattutto il cibo, che almeno è una dipendenza legale.

JPEG - 6.8 Kb
Orlando Florida

Ad ogni modo, di fronte alla scena di Robert che si agitava sul pavimento come uno scarafaggio che cerca di rigirarsi nel verso giusto, non c’era tempo per interrogarsi sulle cause dell’obesità in America: bisognava tirarlo sú.

Un altro cliente altrettanto indesiderato era il capitano Richards, un uomo dalla figura esile di circa sessant’anni, reduce della guerra in Vietnam. Soffriva di crisi depressive ed assumeva perciò psicofarmaci che mandava giù con generose sorsate di birra: un cocktail da delirio! Vestiva sempre con la giacca verde della mimetica e lasciava mance troppo modeste per le mie colleghe che, quindi, litigavano tra loro su chi dovesse servirlo. Più di una volta mi sono offerta di farlo io, da un lato perché m’inteneriva e dall’altro per riportare la quiete nel “pollaio”. Mi chiedeva di sedere per qualche minuto al tavolo con lui ed ascoltarlo; cominciava a parlare del Vietnam, dei cecchini, delle assordanti esplosioni, dei bambini uccisi. Il racconto a tratti s’interrompeva a causa del pianto, poi si asciugava le lacrime scusandosi. Improvvisamente si alzava per andare in bagno e mi pregava di aspettarlo. Quando tornava si metteva sull’attenti e mi chiedeva se i capelli fossero in ordine e le scarpe opportunamente lucidate. Rispondevo: sí signore!

100000000000011D000000C1247A6B84Al corso intensivo d’inglese conobbi persone provenienti da ogni parte del mondo: Venezuela, Kuwait, Germania, Giappone, Brasile, ecc. Tra i miei compagni di classe c’era Ánela, una ragazza bosniaca fidanzata da alcuni mesi con un soldato americano, Richard, che l’aveva conosciuta durante una peace keeping operation in Kosovo. Ánela ci parlò della guerra in Bosnia-Erzegovina, di suo padre che era stato arrestato e rinchiuso in una cella; per quindici giorni si era nutrito solo dell’erba che riusciva a prendere allungando le mani dalle sbarre della sua prigione. Tornato a casa, aveva suonato alla porta ed Ánela aveva fatto fatica a riconoscere in quell’uomo smagrito e col viso emaciato suo padre.

100000000000012C000000D23D64C4D4 10000000000000DC000000DC67CA2D46Un altro sorprendente racconto fu quello del mio compagno kuwaitiano Osama che aveva vissuto la Guerra del Golfo nel 1991. Nei suoi occhi si leggeva uno stupore ancora vivo, mentre descriveva la precisione con cui un missile USA radiocomandato attraversava la strada per andare a colpire un bersaglio militare prestabilito. Le scuole erano chiuse ed i ragazzi giocavano tra le macerie e gli edifici abbandonati in seguito ai bombardamenti. Nei rifugi, la sera, si cenava insieme e si facevano previsioni sulle possibili evoluzioni della guerra.

10000000000001900000020FA3CD92E3La seconda parte del mio soggiorno l’ho vissuta a Boston, impegnata nelle ricerche per la mia tesi su Napster, il primo sito di file sharing creato dal giovanissimo Shawn Fanning, mentre frequentava la Northeastern University di Boston appunto. La città del trascendentalismo e del movimento per l’abolizione della schiavitù ai tempi della guerra civile; la Boston dell’alta borghesia liberale, di R.W. Emerson, di JFK è una città meravigliosa dal fascino “intellettuale”. Il suo essere internazionale è incarnato nelle origini e nelle tradizioni dei bostoniani, si riflette nell’arte, nella cultura e nelle università.

Un’apprezzabile qualità di questo Paese é sicuramente il suo essere multietnico e multiculturale, dunque open minded e lo dimostra l’elezione a presidente del giovane afroamericano Barack Obama. Dati statistici mostrano come la quota della popolazione bianca sia in progressiva diminuzione nella composizione dell’intera popolazione americana, mentre aumenta la presenza di Ispanici, Asiatici e per l’appunto Neri.

Le contraddizioni certo non mancano e riguardano la permanenza di ampie fasce di povertà; gli oltre 40 milioni di cittadini che non hanno alcuna copertura medica; la diffusione delle armi ed il fenomeno degli school shooter, causa di numerose vittime l’anno; la pena di morte, ecc.

Dopo averli osservati da vicino, mi sono chiesta quali fossero allora i fattori che facevano degli USA una superpotenza a livello mondiale. La risposta che mi sono data riguarda la loro way of thinking, fortemente improntato al positivismo; le loro grandi doti organizzative; il pragmatismo; il senso di civiltà; le capacità innovative; ecc. E saranno proprio questi fattori a far superare agli Stati Uniti l’attuale crisi economica globale.

JPEG - 30.6 Kb
Boston