https://www.traditionrolex.com/30 EDIPO A COLONO di Sofocle-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7679
Articoli visitati
5188376
Connessi 4

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
13 aprile 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

EDIPO A COLONO di Sofocle

Teatro ARCOBALENO (Centro Stabile del Classico) Via F. Redi, 1/a – 00161 Roma
domenica 18 febbraio 2024 di Comunicato Stampa

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Direzione Artistica Vincenzo Zingaro DAL 17 FEBBRAIO AL 3 MARZO 2024 (debutto sabato 17 febbraio ore 17,30 poi il ven. e sab. ore 21,00 – dom. ore 17,30)

Drammaturgia e Regia di Giuseppe Argirò

Con Giuseppe Pambieri, Micol Pambieri, Gianluigi Fogacci e con Luigi Mezzanotte, Elisabetta Arosio, Roberto Baldassarri, Melania Fiore, Vinicio Argirò

Al Teatro Arcobaleno, da sabato 17 febbraio a domenica 3 marzo, Edipo a Colono di Sofocle, drammaturgia e regia di Giuseppe Argirò, con Giuseppe Pambieri, Micol Pambieri, Gianluigi Fogacci e con Luigi Mezzanotte, Elisabetta Arosio, Roberto Baldassarri, Melania Fiore, Vinicio Argirò. Un grande evento, che vede protagonista Giuseppe Pambieri, un attore estremamente sensibile e raffinato, in grado di indagare le infinite profondità dell’archetipo teatrale che più ha attraversato la cultura occidentale. Ad accompagnarlo un cast di grande valore. “Edipo a Colono”, l’ultima opera di Sofocle, rappresentata dopo la sua morte, coincide con la senilità dell’autore.

Gli anni della saggezza comportano necessariamente una sintesi dell’esistenza: Edipo ormai abbacinato dall’evidenza di una verità che non è stato in grado di percepire, travolto da una realtà indecifrabile, deve ricomporre la sua identità, il suo Io irrimediabilmente dimidiato. La passione conoscitiva dell’eroe sofocleo porta alla dissoluzione. L’enigma dell’essere umano rimane irrisolto, perché Edipo stesso è un enigma. Il re di Tebe, allontanato dalla sua città natale, accompagnato dalla sola Antigone, si dirige verso il demo di Colono, alle porte di Atene, ultima tappa del suo viaggio. Atene, portatrice di valori democratici ineludibili, costituisce il centro della tragedia.

La riflessione politica e l’affermazione della pòlis sono elementi essenziali di tutto il pensiero sofocleo, che riconosce ad Atene un primato assoluto: essa, infatti, è uno splendido baluardo delle istituzioni democratiche di cui è fedele custode il re Teseo. Edipo, ormai cieco, accompagnato dalla figlia, capace di un amore assoluto, che va al di là di qualsiasi vincolo parentale e convenzione sociale, cercherà asilo e accoglienza a Colono. L’eroe sofocleo chiederà ospitalità a Teseo, che si manifesterà allora, non solo come campione di democrazia, ma anche di umanità nell’accogliere un ospite apparentemente così indesiderato perché empio e mostruoso. Creonte, cercherà di riportare a Tebe il vecchio re, in modo tale da impossessarsi in maniera legittima del potere vacante e occuparne quindi il trono. Il sovrano di Atene giocherà quindi un ruolo centrale in questa vicenda nel tutelare e custodire gli ultimi giorni Edipo. Lo spettacolo permetterà allo spettatore di ripercorrere a ritroso la vita del figlio di Laio, mettendo in scena gli eventi che hanno segnato la vicenda umana di Edipo e il conflitto per il potere tra i due figli Eteocle e Polinice.

La tragedia di Sofocle non solo racconta la complessità imperfetta e meravigliosa dell’essere umano, ma ribadisce il diritto all’accoglienza dello straniero e il rispetto delle sacre leggi dell’ospitalità, ricordandoci che il mondo è di chi lo abita e che la salvezza del genere umano non sta nell’esclusione, ma nella “social catena” che produce solidarietà e annichilisce ogni egoismo, privilegiando il bene della collettività.

Micol Pambieri e Vinicio Argirò hanno vinto il Premio Nazionale Franco Enriquez 2024 per le loro interpretazioni per lo spettacolo Edipo a Colono. Micol Pambieri come migliore attrice nel ruolo Antigone e Vinicio Argirò come miglior attore emergente per il ruolo di Polinice. Inoltre, Giuseppe Argirò ha vinto come miglior drammaturgia e regia (sezione teatro classico e contemporaneo) per lo spettacolo Centomila, Uno, Nessuno - La curiosa storia di Luigi Pirandello.

Biglietti Intero € 22,00 - Ridotto € 18,00 (CRAL, Associazioni convenzionate, Feltrinelli, Bibliocard, RomaPass, Over 65) - Ridotto Studenti € 15,00 (fino a 26 anni)

TEATRO ARCOBALENO Via F. Redi 1/a - 00161 Roma - Tel./ Fax 06.44248154 - Cell. 320.2773855 e-mail: info@teatroarcobaleno.it - sito: www.teatroarcobaleno.it

Ufficio Stampa: Maurizio Quattrini - Telefono 338.8485333 e-mail: maurizioquattrini@yahoo.it

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30