INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7556
Articoli visitati
5047761
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 febbraio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

ALEXANDERPLATZ JAZZ CLUB la nuova stagione

PETER BERNSTEIN & JESSE VAN RULLER
mercoledì 24 gennaio 2024

Argomenti: Arte, artisti


Segnala l'articolo ad un amico

Giovedì 25, venerdì 26 e sabato 27 gennaio 2024 ore 21,00 Peter Bernstein, chitarra Jesse Van Ruller, chitarra

L’Alexanderplatz Jazz Club di Roma, presenta, giovedì 25, venerdì 26 e sabato 27 gennaio, lo straordinario duo di chitarre composto da Petr Bernstein e Jesse Van Ruller. Tre concerti imperdibili e unici. Peter Bernstein fa parte della scena jazz di New York, ha all’attivo oltre 200 registrazioni e numerose esibizioni in festival, concerti e club. Come leader, Peter ha pubblicato 12 album e un DVD, Live at Smoke. Ha avuto la sua prima occasione mentre frequentava la New School,quando ha incontrato il leggendario chitarrista Jim Hall. Hall chiese a Peter di partecipare al suo concerto. L’evento ha visto la partecipazione di chitarristi come John Scofield e Pat Metheny ed è stato pubblicato come "Live at Town Hall Vol. 2” di Music Masters. Hall ha osservato che Peter “… ha prestato attenzione al passato così come al futuro.

È il chitarrista più impressionante che abbia mai sentito. Suona meglio di tutti per swing, logica, sensibilità e gusto. Sempre nel 1990, Peter Bernstein fu scoperto dal sassofonista contralto Lou Donaldson e prese parte con lui alla prima di quattro registrazioni. È stato un membro fisso del suo gruppo per tutti gli anni ’90. "Alcune persone ce l’hanno e basta." ha detto Donaldson. “…la maggior parte delle volte devi insegnare a qualcuno cosa fare, ma Peter sa tutto.” Peter ha anche goduto di lunghi rapporti musicali con il leggendario batterista Jimmy Cobb (Cobb’s Mob), così come con l’organista Larry Goldings e il batterista Bill Stewart come membro del loro acclamato trio. Il New York Times li ha definiti “il miglior trio d’organo dell’ultimo decennio”.

Insieme hanno registrato una dozzina di dischi. Dal 1995 al 1997, Peter è stato membro della band di Joshua Redman e ha suonato nel CD Freedom in the Groove di Redman. Ha suonato con il quartetto di Diana Krall dal 1999 al 2001 e con il Dr. Lonnie Smith, il leggendario organista che ha fatto il suo debutto negli album di George Benson Cookbook. Ha anche registrato cinque CD con l’organista Melvin Rhyne, noto per la sua associazione con Wes Montgomery. Inoltre, Peter è apparso in gruppi guidati da Sonny Rollins, Bobby Hutcherson, George Coleman, David Fathead Newman, Etta Jones e Nicholas Payton. Peter Bernstein su Jesse van Ruller: "Ho incontrato Jesse per la prima volta intorno al 1995, dopo che vinse il concorso Thelonious Monk. Ho avuto modo di suonare con lui quando ho visitato la scuola in cui insegnava a Hilversum qualche anno dopo. Sono stato abbastanza fortunato "Abbiamo suonato con lui in alcuni concerti nel corso degli anni, alcuni solo in duo, altri come parte di un concerto con più chitarristi. Abbiamo fatto un piccolo tour in Italia nel 2018 come parte del progetto tributo del chitarrista Rale Micic a Jim Hall. Jesse è stato uno di loro." E’ uno dei miei musicisti preferiti sin dalla prima volta che l’ho sentito ed è sempre un piacere e un’ispirazione suonare con lui."

Jesse Van Ruller ha vinto il prestigioso Thelonious Monk Award a Washington nel 1995. La giuria, composta da Pat Metheny e John Scofield, Jim Hall, Pat Martino e Mark Whitfield era dell’opinione che Jesse fosse uno dei talenti più promettenti del suo tempo. Nello stesso anno si diploma summa cum laude al Conservatorio di Hilversum. Da allora ha collaborato con molti dei più importanti musicisti jazz del mondo. È stato nominato più volte ai Ducth Bird e agli Edison Awards e ad oggi ha pubblicato 11 album come leader o co-leader. Jesse su Peter Bernstein: "Intorno al 1993 o 94, la prima volta che venni a New York come giovane chitarrista e studente di jazz, andai nell’East-Village, camminai in giro e ascoltai una debole musica jazz. Seguii il suono ed entrai in un club chiamato Visiones. Il suono era quello di un trio chitarra-organo-batteria ed era la chitarra più swing, originale e piena di sentimento che avessi mai sentito. E veniva da qualcuno che non poteva essere molto più grande di me. Era Il trio di Peter con Larry Goldings e Bill Stewart.

Quell’esperienza ha portato avanti nel tempo la musica che conoscevo solo a distanza, appartenente ad una generazione più vecchia, e l’ha resa rilevante per me. Chiaramente da allora sono stato un ammiratore del modo di suonare di Peter e molti anni dopo ci siamo incontrati e abbiamo iniziato a suonare insieme di tanto in tanto. Peter è il tipo di improvvisatore che anch’io cerco di essere: impressionare non cercando di impressionare nessuno, sempre alla ricerca dello sviluppo melodico, non fare affidamento sul materiale preparato e "essere nel momento".

Info e prenotazioni: 06 86781296 (Dopo le 18) 349 977 0309 (WhatsApp)

prenotazioni.alexanderplatz@gmail.com www.alexanderplatzjazz.com

Ufficio stampa: Maurizio Quattrini 338 8485333 maurizioquattrini@yahoo.it