INFORMAZIONE
CULTURALE
Febbraio 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7556
Articoli visitati
5047775
Connessi 8

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 febbraio 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

ACCADEMIA FILARMONICA ROMANA PRESENTA

IO. ANNA DOSTOEVSKAJA AL TEATRO ARGENTINA
sabato 25 novembre 2023 di La Redazione

Argomenti: Musica, Concerto, Balletto
Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Al Teatro Argentina, il 30 novembre, per la stagione dell’Accademia Filarmonica Romana, l’attrice e regista Maddalena Maggi con la pianista Mariangela Vacatello in un racconto omaggio ad Anna Grigor’evna, seconda moglie di Dostoevskij, e la musica di Sergej Rachmaninoff.

Una serata al femminile giovedì 30 novembre al Teatro Argentina (ore 21) per la stagione dell’Accademia Filarmonica Romana con Io, Anna Dostoevskaja, nuovo progetto dell’attrice e regista Maddalena Maggi con la pianista Mariangela Vacatello dedicata ad Anna Grigor’evna, giovane stenografa che diventerà la seconda moglie di Dostoevskij. Dalle sue memorie, inusuali e preziose, contenute nel libro Dostoevskij, mio marito, la Maggi ricava un testo teatrale che si intreccia all’ascolto musicale di un altro grande personaggio della cultura russa, qual è stato Sergej Rachmaninoff, figlio di quel rinnovamento culturale di cui Dostoevskij fu uno dei padri.

“Nel 1866 – racconta Maddalena Maggi – in una Russia in pieno fermento culturale e sociale, il destino di una giovane e colta donna, cresciuta nella moderna Pietroburgo, si fonde con quello di uno dei più grandi scrittori e intellettuali di tutti i tempi. Anna Grigor’evna ha 20 anni ed è la migliore allieva di stenografia della sua scuola, quando un giorno le viene proposto il primo lavoro eccezionalmente importante: stenografare per Fëdor Dostoevskij. Accetta immediatamente presagendo l’inizio di una nuova vita, fatta di lavoro e indipendenza”.

Quando Anna conosce Dostoevskij lui ha 45 anni, sta ultimando Delitto e castigo e si sta affermando come uno degli scrittori più interessanti della sua generazione. Ma è in un momento molto critico a causa di un contratto capestro con un editore. Anna in 26 rocamboleschi giorni lo aiuterà a scrivere Il giocatore: lui detta, lei stenografa, incoraggia, organizza tempi e modi di lavoro. Dostoevskij è ammirato da Anna, dal tono serio e quasi severo con cui parla, dalla sua sensibilità. Anna si trova davanti un uomo sorprendente, lucidissimo nella sua visione artistica eppure ingenuo fino all’inverosimile, solo. Alla fine della loro collaborazione Dostoevskij chiederà la sua mano. “La loro unione – prosegue la Maggi – durerà 14 anni, fino alla morte di lui. Anna diventerà la madre dei suoi figli, la sua fedele collaboratrice, lo guarirà dal demone del gioco e creerà le condizioni perché lui scriva i suoi più grandi romanzi, da L’idiota ai Fratelli Karamazov. Sarà la prima donna russa a fondare una casa editrice, ad aprire una libreria e curerà l’edizione dell’opera omnia di suo marito.

Dopo la sua morte scriverà un preziosissimo libro di memorie che comincia il giorno del loro incontro e si conclude al funerale di Dostoevskij, la mole di notizie che raccoglie è immensa, meticolosa e commovente, tre grossi quaderni di circa 600 pagine piene di amore e adorazione. Nel 1917 durante la Rivoluzione russa rimarrà impigliata nella storia e morirà sola e ammalata in uno sperduto paesino della Siberia”.

A impreziosire la serata ci sarà Mariangela Vacatello, pianista di grande virtuosismo, che con passione e curiosità ama spaziare orizzonti musicalmente ampi e vari. Alternandosi al racconto della Maggi, esegue di Sergej Rachmaninoff i Preludi, alcuni molti celebri, dall’op. 23, op. 32 e op. 3, gli Études tableaux dall’op. 39 e il secondo movimento, trascritto per solo pianoforte, del Concerto n. 4 op. 40.

JPEG - 43.2 Kb
Mariangela Vacatello

La serata viene realizzata in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che cade il 25 novembre.

Ufficio stampa: Sara Ciccarelli, cell. 339 7097061 _ _ _ uff.stampa@filarmonicaromana.org

Biglietti: Teatro Argentina da 17 a 30 euro (comprensivo di prevendita)

Info: filarmonicaromana.org, tel. 342 9550100, promozione@filarmonicaromana.org

TEATRO ARGENTINA

giovedì 30 novembre | ore 21 IO, ANNA DOSTOEVSKAJA su un testo teatrale di Maddalena Maggi Maddalena Maggi voce recitante Mariangela Vacatello pianoforte

Prima Parte

Sergej Rachmaninoff Preludio op. 23 n. 4 in re maggiore Preludio op. 23 n. 7 in do minore Preludio op. 32 n. 5 in sol maggiore Preludio op. 23 n. 5 in sol minore

Intermezzo
Trascrizione per pianoforte dal secondo movimento del Concerto n. 4 op. 40

Seconda Parte

Preludio op. 3 n. 2 in do diesis minore Étude tableaux op. 39 n. 3 in fa diesis minore Étude tableaux op. 39 n. 1 in do minore Preludio op. 32 n. 12 in sol diesis minore Étude tableaux op. 39 n. 5 in mi bemolle minore