https://www.traditionrolex.com/30 MINERVA PICTURES CELEBRA IL SUO 70° ANNIVERSARIO-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Giugno 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7903
Articoli visitati
5892757
Connessi 11

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
21 giugno 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

MINERVA PICTURES CELEBRA IL SUO 70° ANNIVERSARIO


domenica 18 giugno 2023 di La Redazione

Argomenti: Celebrazioni/Anniversari


Segnala l'articolo ad un amico

Tutto il cinema italiano riunito per brindare insieme al party esclusivo nella capitale

E’ stato celebrato, con un affollato e sobrio cocktail party, il 70° anniversario di Minerva Pictures. Nella splendida cornice di Palazzo Brancaccio, i tre soci di Minerva, ovvero, il Presidente Santo Versace, l’AD Gianluca Curti e Francesca De Stefano Versace, membro del CdA, hanno accolto gli oltre 500 invitati, tra Star del piccolo e grande schermo, produttori, distributori, maestranze del settore cinematografico, critici e giornalisti. Una festa del cinema, insomma, per brindare insieme al compleanno di una società che conta una library di oltre 2500 film, di cui oltre 1500 con diritti Worldwide.

Minerva Pictures ha prodotto, ad oggi, oltre 120 film e più di 40 documentari, molti dei quali premiati nei più prestigiosi contesti nazionali ed internazionali e dal 2020 ha inaugurato anche il dipartimento Drama, dedicato alla produzione di serie e documentari per la TV e le piattaforme.

Tra i tanti presenti: Pupi e Antonio Avati, Pietro Sermonti, Anna Foglietta, Antonia Liskova, Marco Bocci, Violante Placido, Lodo Guenzi, Federico Zampaglione, Eleonora Daniele, Rossella Brescia e Luciano Cannito, Tiziana Rocca e Giulio Base, i registi Toni D’Angelo, Laura Luchetti, Giuseppe Gagliardi, Luca Ribuoli, Giacomo Martelli, Alessandra Gonnella e Alessio Liguori. E ancora la Senatrice e Sottosegretario alla Cultura Lucia Borgonzoni, l’Onorevole Nicola Zingaretti, La presidente di Cinecittà Chiara Sbarigia, L’amministratore delegato di Cinecittà Nicola Maccanico, il presidente della Commissione Cultura della Camera On. Federico Mollicone, il Presidente di CNA nazionale Dario Costantini e il Presidente di CNA Roma Luca Barrera, Fabrizio Zappi Direttore di Rai Doc, la Presidente del CSC Marta Donzelli, La Direttrice del MIA Gaia Tridente, Fabia Bettini e Gianluca Giannelli di Alice nella Città, il Presidente della Camera di commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, Samanta Antonnicola di Rai Cinema, Fabrizio Salini, la produttrice Marica Stocchi e il produttore Adriano De Micheli, il Direttore generale di Fondazione Roma Expo Lamberto Mancini, il responsabile area cinema Banca Intesa Nicola Corigliano.

Gianluca Curti ha così dichiarato: “Amore, rispetto e passione sono le tre cifre fondamentali del lavoro di Minerva che ne hanno garantito la longevità. Minerva Pictures, quest’anno, compie i suoi primi 70 anni. Di questi, 37 ho avuto l’onore e il privilegio di viverli in prima persona. La cosa che mi rende particolarmente orgoglioso è esser riuscito a mantenere in traiettoria l’azienda per così tanto tempo in un mercato, come quello cinematografico e audiovisivo, costantemente in trasformazione. Ovviamente come qualunque azienda, abbiamo avuto alti e bassi. Però siamo qui e lo possiamo raccontare con grande umiltà e anche con orgoglio. Noi eravamo, siamo e restiamo dei produttori e distributori di contenuti indipendenti e resilienti, un’azienda a forte impronta familiare, con una visione costantemente rivolta verso il futuro e l’innovazione. Ci tengo infine a ringraziare il mio socio e Presidente di Minerva, Santo Versace, galantuomo e amico dotato di grande perspicacia, intelligenza, visione, amante e difensore del bello e del Made in Italy, e sua moglie Francesca De Stefano Versace, consigliera d’amministrazione, sempre al nostro fianco con determinazione, passione e sensibilità”.

Alle sue parole si aggiungono quelle di Santo Versace: “Sono veramente orgoglioso di essere il presidente di questa splendida realtà che è la Minerva Pictures. Quando ho lasciato la moda insieme a mia moglie Francesca abbiamo deciso che il lavoro più bello per noi giovane coppia sarebbe stato il cinema. Avevamo conosciuto Gianluca Curti che operava con noi nel sociale e ci è sembrato naturale investire nella sua società. Adesso lavoriamo e ci impegniamo per produzioni di alta qualità, degne di vincere tutti i premi del mondo”.

Minerva nasce nel 1953, quando Antonio Curti, artigiano a Testaccio con la conceria di famiglia, acquisisce il marchio e l’utilizzo del nome Minerva. Ermanno Curti inizia a fare il produttore nel 1965 e, nella seconda metà degli anni ’80, entra in azienda Gianluca, che avvia un’intensa azione di espansione commerciale a livello nazionale ed internazionale. Insieme al fratello Stefano fondano, nel 1999, RaroVideo, un’etichetta di distribuzione di assoluta eccellenza di film sperimentali, underground e rari, prima in VHS e poi in DVD, e adesso in digitale sul canale omonimo RaroVideo Channel. Nel maggio del 2019 diviene socio e presidente Santo Versace, persona di grande passione, sensibilità e cultura, amante e difensore del bello e del Made in Italy, così come sua moglie, l’Avv. Francesca De Stefano Versace, componente del CdA. Pur continuando a crescere e consolidare la propria posizione a livello nazionale ed internazionale, Minerva ha avuto la capacità di adattarsi mutamenti di questi decenni rimanendo, volutamente, un’azienda indipendente e a forte impronta familiare.

Quella di Minerva è una storia anche di scelte anticonformistiche e pioneristiche, soprattutto per quanto riguarda lo sviluppo dell’area digitale, nella quale Minerva è oggi tra i leader indipendenti di settore a livello nazionale. Lo dimostra, ad esempio, la crescita esponenziale del canale YouTube Film&Clips, nato nel 2014 e che conta quasi 7 milioni di iscritti. Nel 2022 Minerva inaugura inoltre The Film Club, piattaforma multicanale in abbonamento, con 3 canali (RaroVideo Channel, Minerva Classic e Full Action) ed oltre 900 titoli. Inclusione e internazionalizzazione sono al centro anche di Movieitaly, la prima ed unica piattaforma SVOD per gli amanti del cinema italiano e dell’Italia in tutto il mondo, con l’obiettivo ultimo di promuovere il Made in Italy attraverso l’immagine in movimento.

In 70 anni numerosi sono stati i compagni di viaggio di Minerva , a partire da Rai Cinema e proseguendo con SKY e Amazon Prime e , recentemente, Medusa Film (con cui, oltre a La caccia, Minerva ha distribuito il pluripremiato Saint Omer di Alice Diop) e a Paramount+, con cui sta coproducendo il primo original italiano, la serie Miss Fallaci, con Miriam Leone. Ed ancora, la Solaria Film di Emanuele Nespeca e la napoletana Bronx Film. Minerva Pictures è anche una delle più importanti società indipendenti di vendita di diritti a livello internazionale. Nel corso degli ultimi anni, la società ha rafforzato la divisione ed avviato la distribuzione di importanti titoli italiani e internazionali, ampliando ulteriormente il proprio catalogo.

Tra i progetti di produzione in arrivo, l’adattamento del best-seller Leggere Lolita a Teheran, coproduzione italo-israeliana che coinvolge anche Marica Stocchi di Rosamont ed è diretta da Eran Riklis; Rossosperanza, di Annarita Zambrano, da produttori associati con MAD Entertainment; Eravamo Bambini, di Marco Martani, coprodotto con Wildside e Vision, Billie’s magic world, ambizioso progetto di live action e animazione con Alec Baldwin . Sul piano della distribuzione, sono in arrivo, a partire da questa estate, diverse uscite cinema importanti, a testimonianza del costante impegno verso la sala e lo sfruttamento theatrical: The Plough, di Philippe Garrel, Orso d’Argento al Festival di Berlino; Father & Soldier, di Mathieu Vadepied con Omar Sy, film di apertura di “Un Certain Regard” al 75° Festival di Cannes; Bugiardo seriale (Natural Born Liar) diretto da Olivier Baroux; Eismayer, di David Wagner, vincitore del Gran Premio della 37esima Settimana Internazionale della Critica di Venezia e di due Premi a Les Arcs Film Festival (Prix du Public e Prix des Cinglés du Cinéma); To Leslie, di Michael Morris, candidato agli Oscar per la miglior attrice Andrea Riseborough; e January, di Viesturs Kairiss, miglior film narrativo internazionale al Tribeca Festival e vincitore di tre premi (Miglior film, Miglior regia e Miglior attore) alla 17esima edizione della Festa del Cinema di Roma, Black Bits , di Alessio Liguori, regista Già nella top ten del box office americano nel 2020 .

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30