https://www.traditionrolex.com/30 L'ORSO D'ORO SUR L'ADAMANT E L'ORSO D'ARGENTO 20,000 SPECIES OF BEES-Scena Illustrata WEB

INFORMAZIONE
CULTURALE
Aprile 2024



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 7706
Articoli visitati
5262362
Connessi 33

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
MUSICA E SPETTACOLO
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
23 aprile 2024   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

L’ORSO D’ORO SUR L’ADAMANT E L’ORSO D’ARGENTO 20,000 SPECIES OF BEES

ARRIVANO NELLE SALE ITALIANE CON I WONDER PICTURES
mercoledì 1 marzo 2023

Argomenti: CINEMA, Film


Segnala l'articolo ad un amico

FESTIVAL DI BERLINO

Arrivano in Italia grazie a I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection due dei film più apprezzati e celebrati allo scorso Festival Internazionale del Cinema di Berlino: l’Orso d’Oro Sur l’Adamant, diretto dal maestro del documentario Nicolas Philibert, e 20,000 Species of Bees di Estibaliz Urresola Solaguren, premiato con l’Orso d’argento alla miglior interpretazione da protagonista per la giovanissima Sofia Otero, qui alla sua prima esperienza cinematografica.

Sur l’adamant – il terzo Orso d’oro distribuito nelle sale italiane da I Wonder Pictures dopo Ognuno ha il diritto di amare - Touch Me Not di Adina Pintilie e Alcarràs di Carla Simón – sarà presentato in anteprima italiana al prossimo Biografilm Festival (Bologna 9-19 giugno 2023) alla presenza del regista Nicolas Philibert, a cui sarà consegnato il Celebration of Lives Award, il premio che celebra i grandi narratori del mondo contemporaneo.

“Dopo l’Orso d’Oro per Alcarras e il Leone d’Oro con Tutta la bellezza e il dolore”, dichiara Andrea Romeo, fondatore e direttore editoriale di I Wonder Pictures, “siamo felicissimi che a vincere Berlino sia stato il nuovo film del grande Nicolas Philibert, un gigante del documentario europeo a cui come I Wonder Pictures dedicheremo un grande omaggio nel corso del 2023. Oltre a Sur l’Adamant, che arriverà in sala a Ottobre prossimo, a giugno dedicheremo a Philibert una grande retrospettiva completa a Biografilm e sulla piattaforma Iwonderfull. Per l’occasione riporteremo in sala il suo mitico Essere e Avere che vent’anni fa fu un grandissimo successo anche in Italia”. SUR L’ADAMANT
di Nicolas Philibert (Francia-Giappone/2023/109’)

L’Adamant è una struttura galleggiante situata sulla Senna, nel cuore di Parigi, un centro diurno che accoglie adulti affetti da disturbi mentali, aiutandoli a riconnettersi con il mondo, ricollocarsi nel tempo e nello spazio, e ritrovare la forza di andare avanti. Il team che lo anima rifugge la disumanizzazione che spesso accompagna certe pratiche psichiatriche. Il maestro del documentario Nicolas Philibert (Essere e avere, Nénette) ci porta a bordo di questo spazio unico nel suo genere, alla scoperta di un microcosmo che unisce pazienti e operatori sanitari, chiamati e ripensare e reinventare insieme la propria quotidianità. Insieme a loro forse ci convinceremo anche noi, come suggerisce un paziente, che avere una splendida giornata non è così difficile, basta deciderlo sin dal mattino.

20,000 SPECIES OF BEES
di Estibaliz Urresola Solaguren (Spagna/2023/129’)

Cocó, otto anni (Sofia Otero, Orso d’Argento a Berlino 2023), si sente fuori posto e non capisce perché. Tutti si ostinano a chiamarla Aitor, un nome di battesimo in cui non si riconosce, così come non si riconosce nello sguardo e nelle aspettative delle persone che la circondano. Un’estate, sua madre Ane, in piena crisi professionale e sentimentale, approfitta delle vacanze per recarsi con i suoi tre figli alla casa materna, dove sua madre Lita e sua zia Lourdes conducono una vita strettamente legata all’apicoltura. La convivenza costringerà queste donne di tre generazioni molto diverse ad affrontare i propri dubbi e le proprie paure. E, soprattutto, obbligherà Ane a essere finalmente onesta con se stessa. D’altra parte, come può una madre comprendere e sostenere la ricerca identitaria di sua figlia quando deve ancora scendere a patti con un’eredità famigliare verso cui prova sentimenti contrastanti?

 

https://www.traditionrolex.com/30https://www.traditionrolex.com/30