INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2022



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 6585
Articoli visitati
4736258
Connessi 7

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
AVVOCATO AMICO
COSTUME E SOCIETA’
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
ARTE E NATURA
COMUNICATI STAMPA
SPETTACOLI
SPORT
ATTUALITA’
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
1 dicembre 2022   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

MUSEO PASOLINI DI ASCANIO CELESTINI

AL TEATRO LIDO DI OSTIA
mercoledì 26 ottobre 2022 di Comunicato Stampa

Argomenti: Teatro


Segnala l'articolo ad un amico

Il 2 novembre al Teatro del Lido di Ostia, nell’anniversario della morte di Pasolini, in scena l’omaggio al grande scrittore e regista nel centenario dalla sua nascita

Roma, 25 ottobre 2022 – Al Teatro del Lido di Ostia il 2 novembre, giorno dell’anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini, torna in scena Museo Pasolini, lo spettacolo di Ascanio Celestini dedicato al grande poeta e regista. Lo spettacolo, promosso da Roma Capitale, fa parte del programma di Estate Romana 2022 e si inserisce anche nell’ambito delle iniziative di PPP100 – Roma racconta Pasolini. È realizzato con il contributo di Regione Lazio e il sostegno del MiC, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura. L’evento, in programma alle ore 21, è a cura del Teatro di Roma – Teatro Nazionale e prodotto da Fabbrica Srl e Teatro Carcano.

Nel centenario dalla nascita di uno dei più influenti e controversi intellettuali del Novecento, Ascanio Celestini, con le voci di Grazia Napoletano e Luigi Celidonio e le musiche di Gianluca Casadei, guida gli spettatori in un luogo della memoria virtuale: un ipotetico Museo Pasolini; un viaggio commovente nel lascito del grande scrittore.

Secondo l’ICOM (International Council of Museums) le 5 funzioni di un museo sono: ricerca, acquisizione, conservazione, comunicazione, esposizione. Come potrebbe essere, dunque, un museo Pier Paolo Pasolini? In una teca si potrebbero mettere la sua prima poesia: di quei versi resta il ricordo di due parole “rosignolo” e “verzura”. È il 1929. Mentre Mussolini firma i Patti Lateranensi, Antonio Gramsci ottiene carta e penna e comincia a scrivere i Quaderni dal Carcere. E così via, come dice Vincenzo Cerami: “Se noi prendiamo tutta l’opera di Pasolini dalla prima poesia che scrisse quando aveva 7 anni fino al film Salò, l’ultima sua opera, noi avremo il ritratto della storia italiana dalla fine degli anni del fascismo fino alla metà degni anni ’70. Pasolini ci ha raccontato cosa è successo nel nostro paese in tutti questi anni”.

Attraverso le testimonianze di chi l’ha conosciuto, ma anche di chi l’ha immaginato, amato e odiato, si compone un ipotetico museo dedicato a Pasolini partendo dalle domande: qual è il pezzo forte del Museo Pasolini? Quale oggetto occorre cercare? Quale oggetto bisogna acquisire da una collezione privata o pubblica, recuperarlo da qualche magazzino, discarica, biblioteca o ufficio degli oggetti smarriti? Cosa è necessario per conservarlo? Cosa è possibile comunicare attraverso di lui? E infine: in quale modo bisogna esporlo?

L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria su https://www.eventbrite.it/e/bigliet.... Lo spettacolo al momento è sold out: in caso di rinuncia, i biglietti torneranno disponibili al link indicato. È possibile anche accedere alla lista d’attesa inviando una mail a promozione@teatrodellido.it (massimo 50 persone).

Per maggiori dettagli: www.culture.roma.it e www.culture.roma.it/pasolini..., canali social di @cultureroma e #Pasolini100Roma.

Per informazioni e dettagli: culture.roma.it

#estateromana2022 #Pasolini100Roma