INFORMAZIONE
CULTURALE
Dicembre 2018



HOME PAGE

ARCHIVI RIVISTA

Articoli on-line 4662
Articoli visitati
3975498
Connessi 13

INDICE GENERALE
INDICE MENSILE
EDITORIALE
RUBRICHE
PASSATO E PRESENTE
EVENTI
ITINERARI E VIAGGI
PARERI LEGALI
COSTUME E SPETTACOLI
QUADRIFOGLIO
TERZA PAGINA
LETTURE CONSIGLIATE
CULTURA
SCIENZA E DINTORNI
FILATELIA
LIBRI RECENSITI
AUTORI
Argomenti

Monitorare l'attività del sito RSS 2.0
SITI AMICI

a cura di
Silvana Carletti (Dir.Resp.)
Carlo Vallauri
Giovanna D'Arbitrio
Odino Grubessi
Luciano De Vita (Editore)
On line copyright
2005-2018 by LDVRoma

Ultimo aggiornamento
10 dicembre 2018   e  



Sito realizzato con il sistema
di pubblicazione Spip
sotto licenza GPL

I disarmati. Storia dell’antimafia: i reduci e i complici (Sperling&Kupfer)

L’azione spregiudicata e criminale della mafia


lunedì 1 febbraio 2010 di Carlo Vallauri

Argomenti: Politica
Argomenti: Recensioni Libri
Autore del Libro : Claudio Fava


Segnala l'articolo ad un amico

Il libro di Claudio Fava assume un particolare rilievo oggi che tra l’azione spregiudicata e criminale della mafia e il contrasto nei suoi confronti da parte delle strutture istituzionali appare quasi confusa la linea discriminante giacché, per antichi retaggi ed eventi come per più recenti manovre e contro-manovre, sta di fatto che il potere mafioso (e non solo in Sicilia) mantiene la sua presa sulla realtà civile, economica e politica italiana.

Ben venga allora una disamina sull’argomento svolta con conoscenza del fenomeno, tra il “contesto” risalente alla memoria di Sciascia e più attuali comportamenti. La stessa cronologia, sinteticamente fornita, offre, nella sua continuità, la spiegazione dell’indebolimento nella difesa, dipendente non poco dallo smarrimento mostrato dalla stessa politica ufficiale.

I richiami del figlio di un uomo che pagò con la vita – e caro nel ricordo di chi scrive questa nota – alla fiducia nella possibile giustizia alle esperienze, specie degli anni ’60 e ’70, sono molto istruttivi, dai “cavalieri” catanesi al caso Cianci e sino a Cuffaro. L’attività di associazioni come Libera vanno sostenute, ma resta l’impressione di un vuoto che il potere politico sembra preferire ad interventi risolutivi. Interessante anche l’accenno all’esperienza in Somalia.